21 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
21 C
Rome
martedì 4 Ottobre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemondiCome la nuova Costituzione cambierà il Cile

Come la nuova Costituzione cambierà il Cile

Oggi, 4 settembre, il referendum sulla nuova costituzione del Cile che riconosce i diritti degli indigeni, la parità di genere, il diritto all’aborto, diritti dei lavoratori, la lotta al cambiamento climatico, il diritto all’istruzione [François Bougon e Mathieu Dejean]

Il 1° settembre, per l’atto conclusivo della campagna per il “sì” alla nuova Costituzione cilena, migliaia di persone hanno marciato sull’Alameda, a Santiago, come nelle grandi ore dell’esplosione sociale. Sul palco, Gustavo Gatica, un giovane studente rimasto cieco durante una manifestazione nel novembre 2019 dopo essere stato colpito al volto dalle armi antisommossa della polizia, ha parlato in un momento di grande emozione.
“Voto “sì”, per tutti gli occhi che abbiamo perso”, ha detto prima di scoppiare in lacrime, pensando alle tante vittime della repressione durante l’esplosione sociale.
Anche l’ex presidente socialista Michelle Bachelet, che ha appena lasciato l’incarico di Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, è intervenuta nella campagna per il “sì” attraverso un video, sottolineando che nella bozza della nuova Costituzione “ci sono circa 35 articoli che parlano di uguaglianza delle donne, di parità di retribuzione, perché tutto questo non esiste ancora”.
Per un anno, dal luglio 2021 al luglio 2022, i 155 membri della Convenzione costituzionale, insediata nell’edificio dell’ex Congresso nazionale, hanno lavorato alla bozza della nuova Costituzione che avrebbe dovuto sostituire quella ereditata dalla dittatura di Pinochet.
Il popolo cileno ha nominato nel maggio 2021 la prima Assemblea Costituente paritaria al mondo, che ha riservato 17 seggi alle popolazioni indigene. Mentre il presidente conservatore Sebastián Piñera si è trovato completamente screditato alla fine del suo mandato, i candidati indipendenti dei blocchi di sinistra come il Frente Amplio e il Partito Comunista hanno trionfato alle urne, mentre la destra non ha raggiunto nemmeno un terzo dei seggi, il che l’ha privata di qualsiasi potere di veto e della possibilità di negoziare da una posizione di forza.
Con sette commissioni che si occupano di questioni come i diritti fondamentali, il sistema politico e l’ambiente, i 155 membri della Convenzione hanno presentato le loro proposte di capitoli e articoli a una commissione che aveva il compito di rendere coerente il testo finale e di consegnarlo al neoeletto presidente di sinistra, Gabriel Boric.
Il documento è composto da 178 pagine, 388 articoli, 11 capitoli e 56 disposizioni transitorie. Ecco alcuni punti salienti:
Una democrazia paritaria
Se il testo sarà approvato, il Cile vedrà per la prima volta il principio della parità sancito nella sua costituzione. I rami esecutivo, legislativo e giudiziario del governo, così come la pubblica amministrazione e le aziende pubbliche, devono includere almeno il 50% di donne. Lo Stato si impegna inoltre a perseguire politiche volte a promuovere l’uguaglianza di genere e “una società in cui le donne, gli uomini, la diversità di sesso e di genere e il dissenso partecipino in condizioni di sostanziale uguaglianza, riconoscendo che la loro effettiva rappresentanza è un principio e una condizione minima per il pieno e sostanziale esercizio della democrazia e della cittadinanza”.
Riconoscimento delle popolazioni indigene
Per la prima volta, il Paese integra il suo patrimonio indigeno presentandosi come uno Stato “plurinazionale e interculturale”. Il testo afferma che “il Cile riconosce la coesistenza di diversi popoli e nazioni all’interno dell’unità della nazione”: Mapuche, Aymara, Rapanui, Lickanantay, Quechua, Colla, Diaguita, Chango, Kawésqar, Yagán, Selk’nam e “altri che possono essere riconosciuti nella forma stabilita dalla legge”.
Un altro elemento importante per la considerazione di questi “valori indigeni” è il riferimento alla nozione di buen vivir (“buona vita” in spagnolo) che, secondo l’ex ambasciatore boliviano alle Nazioni Unite Pablo Solón, cerca “l’armonia non solo tra gli esseri umani, ma anche tra gli esseri umani e la natura, tra il materiale e lo spirituale, tra la conoscenza e la saggezza, tra le diverse culture e tra le diverse identità e realtà”. Il concetto, retaggio delle culture andine, era già presente nelle Costituzioni ecuadoriana del 2008 e boliviana del 2009.
Il diritto all’aborto
L’articolo 61 della nuova Costituzione stabilisce che lo Stato deve garantire “a tutte le donne e a tutte le persone con la capacità di generare figli le condizioni per una gravidanza, un aborto, un parto e una maternità volontari e protetti”. Fino al 2017, l’aborto era totalmente vietato in Cile, a causa di una legge ereditata dalla dittatura di Pinochet. Da allora, è stato parzialmente depenalizzato solo in tre casi: stupro, rischio per la vita della donna incinta e non vitalità del feto.
Il movimento femminista in Cile è stato una delle punte di diamante dell’esplosione sociale del 2019. La messa in onda internazionale della coreografia del collettivo cileno Las Tesis, “Un violador en tu camino”, ne è la prova. Così come il nuovo film di Patricio Guzman.
Diverse rappresentanti del movimento sedevano alla Convenzione costituzionale con sciarpe verdi al collo. D’ora in poi il Cile potrebbe essere il quinto Paese dell’America Latina a legalizzare l’aborto e la nuova Costituzione potrebbe diventare “la più femminista del pianeta”, secondo Franck Gaudichaud, professore di storia latinoamericana all’Università di Tolosa.
Una rivoluzione nel diritto del lavoro
La nuova Costituzione include diversi punti che rafforzano il diritto del lavoro, al punto da costituire una quasi-rivoluzione nel settore. Ad esempio, la Costituzione “garantisce il diritto di sciopero dei lavoratori e dei sindacati”. Questi ultimi sono i “titolari esclusivi della contrattazione collettiva, e quindi gli unici rappresentanti dei lavoratori di fronte ai datori di lavoro”. La Costituzione apre anche la possibilità di contrattazione collettiva “per ramo, territorio o settore”, e non più solo per azienda.
L’acqua, un bene “inalienabile”
L’acqua “in tutti i suoi stati” è riconosciuta nella nuova legge fondamentale come un bene comune. Questo è il risultato del duro lavoro della commissione tematica sull’ambiente della Convenzione costituzionale, che ha incontrato molte resistenze. In un momento in cui la regione centrale del Cile soffre di ripetute siccità, in cui intere comunità sono private dell’acqua e in cui l’attuale Costituzione ne garantisce la privatizzazione, questo è un cambiamento di paradigma.
Nel nuovo testo, in nome dell'”interesse generale, della protezione della natura e del bene collettivo”, lo Stato potrà ora “concedere autorizzazioni amministrative per l’uso” dell’acqua, su base temporanea, attraverso un’Agenzia nazionale dell’acqua. “L’acqua deve essere considerata un bene comune naturale, mentre oggi il suo status giuridico si basa sulla proprietà e sul mercato dell’acqua. La proposta che facciamo è quella di restituire l’acqua alla natura e alle comunità, e di cambiare il modo in cui viene gestita”, ha spiegato a Mediapart Carolina Vilches, che ha fatto parte della Convenzione costituzionale.
Ecologia
Più in generale, il testo riconosce la “crisi climatica ed ecologica” globale e attribuisce allo Stato la responsabilità di adottare “azioni per la prevenzione, l’adattamento e la mitigazione dei rischi” legati al cambiamento climatico.
Il movimento animalista è riuscito a inserire un articolo che descrive gli animali come “soggetti di particolare protezione”.
Per quanto riguarda le miniere, “lo Stato ha un dominio assoluto, esclusivo, inalienabile e imprescrittibile su tutte le miniere e le sostanze minerali […] senza pregiudizio della proprietà del terreno su cui sono situate”. Ma il testo non vieta le concessioni alle imprese private.
Un sistema di istruzione pubblica più forte
Questa è stata una richiesta persistente del movimento sociale in Cile a partire dagli anni 2000: un’istruzione pubblica gratuita e di qualità. In un Paese in cui gli studenti sono costretti a indebitarsi per studiare in un sistema in gran parte privato, la Costituzione promette di rafforzare il sistema pubblico, in particolare l’istruzione superiore. L’articolo 36 afferma che l’istruzione pubblica è un obiettivo strategico e che lo Stato deve finanziare questo sistema “di carattere laico e libero, composto da istituti e istituzioni a tutti i livelli di istruzione”. Il testo aggiunge esplicitamente, a proposito delle università accusate di fare profitto sulle spalle degli studenti: “Ogni forma di profitto è vietata alle università.
Una nuova architettura di potenza
La nuova Costituzione propone di mantenere il sistema presidenziale con un potere legislativo bicamerale asimmetrico. Mentre il Congresso dei Deputati viene mantenuto con 155 membri, il Senato viene sostituito dalla Camera delle Regioni, che avrà meno potere. I candidati alla carica di presidente potranno candidarsi a partire dai 30 anni, rispetto ai 35 attuali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il secondo turno sociale

L'assemblea nazionale delle convergenze, primo confronto tra i movimenti dopo la vittoria delle destre

E’ così che il “no al fascismo” è diventato impercettibile

L'estrema destra fa parte del panorama da decenni. Le responsabilità del "centro-sinistra" in questa banalizzazione [Ellen Salvi]

“Noi non paghiamo” contro il trucco delle bollette mensili

Il movimento contro l'aumento delle tariffe smonta la decisione di Arera sulla mensilizzazione delle bollette

La danza è la prosecuzione della politica. Con altri fini

A Genova riprende con Steve Reich, Resistere e creare, la rassegna di danza contemporanea Ripartiamo dal corpo. Soggetto (politico): prima ...

Massa: l’alberghiero a indirizzo oscurantista

Regolamento choc per studenti e insegnanti in una scuola di Massa, tra errori educativi e diritti negati