2.6 C
Rome
giovedì 1 Dicembre 2022
2.6 C
Rome
giovedì 1 Dicembre 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homeconsumare stancaBlack Friday: un buon giorno per "far pagare Amazon"

Black Friday: un buon giorno per “far pagare Amazon”

La “stagione di punta” dello shopping è il momento giusto per azioni coordinate. Dall’Italia agli Usa, la lotta sindacale nel gigante antisindacale

L’anno scorso Amazon ha registrato vendite da record tra il Black Friday, il giorno successivo al Giorno del Ringraziamento, e il Cyber Monday. Secondo i dati di Numerator, l’azienda si è aggiudicata il 17,7% dei dollari del Black Friday, più di qualsiasi altro rivenditore.

Il Black Friday – il 25 novembre di quest’anno – è anche l’inizio della stagione di punta, il periodo che inizia la settimana del Ringraziamento quando spedizionieri come UPS, USPS, DHL, FedEx e Amazon lottano per soddisfare gli ordini delle festività. È il momento in cui molti magazzinieri e addetti alla consegna dei pacchi devono dire “Ci vediamo l’anno prossimo” alle loro famiglie. Negli States come altrove.

I carichi di lavoro intensi della stagione di punta, combinati con la carenza di lavoratori, creano un’opportunità speciale per i lavoratori di fare pressione sui loro datori di lavoro.

Sebbene il Giorno del Ringraziamento sia una festività unica negli Stati Uniti, il “Venerdì nero” è celebrato in molti Paesi come l’apertura della stagione dello shopping natalizio. In Italia, i commercianti offrono sconti per il Black Friday che riempiono i negozi di folle di acquirenti affamati di occasioni, proprio come negli Stati Uniti.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Per questo motivo, nel 2017 i confederali lo hanno scelto come giorno strategico per scioperare il centro di distribuzione da un milione di metri quadrati di Amazon a Castel San Giovanni, vicino a Piacenza, nel Nord Italia. Una storia che ricorda anche il settimanale Usa The Nation, in un pezzo scritto da Rand Wilson e Peter Olney. Il primo ha lavorato come organizzatore sindacale e comunicatore del lavoro per oltre 40 anni. Attualmente è un organizzatore part-time dei Teamsters for a Democratic Union. L’altro è il direttore organizzativo in pensione dell’International Longshore and Warehouse Union (ILWU). È stato un organizzatore sindacale per 50 anni in Massachusetts e sulla costa occidentale.

La struttura di San Giovanni è stata aperta nel 2015. Nel 2017, circa il 50% dei 1.650 dipendenti “Blue Badge”, assunti a tempo indeterminato, ha scioperato. Tuttavia, altri 2.000 dipendenti temporanei “Green Badge” (dipendenti a breve termine e stagionali) sono andati a lavorare.

Sebbene ci siano state alcune azioni di lavoro precedenti presso Amazon in Germania, questo è stato uno dei primi scioperi di Amazon in Europa o, addirittura, ovunque.

I portavoce di Amazon hanno insistito sul fatto che lo sciopero avrebbe riguardato solo il 10% della forza lavoro, perché hanno calcolato i dipendenti temporanei. Ciononostante, Amazon ha accettato di negoziare con i sindacati il lunedì successivo. Poi la direzione ha annullato le trattative e ha cercato unilateralmente di riprogrammare l’incontro per il gennaio successivo. I sindacati hanno avvertito che ci sarebbero state altre azioni se non ci fossero state discussioni sostanziali entro il 6 dicembre. Con una vittoria per i sindacati, il 5 dicembre la direzione ha accettato di incontrarsi e successivamente di migliorare le condizioni di lavoro.

«Siamo il primo Paese in cui Amazon si è seduta al tavolo con il sindacato per definire i trattamenti economici con un accordo firmato, il lavoro da fare è ancora tanto. A cominciare dalle stabilizzazioni», si legge sul sito Cgil. E ancora: «Dopo lo straordinario sciopero nazionale del marzo 2021, il primo a livello mondiale per la multinazionale, che ha visto mobilitarsi per un’intera giornata tutta la filiera (diretti, indiretti e somministrati, di magazzini, driver, appalto, delivery), qualcosa è cambiato», anche se si continua in generale a lavorare sotto ricatto e con ritmi di lavoro stressanti.

I dati riferiti al 2021 e forniti da Amazon parlano di 14 mila lavoratori diretti nei 50 magazzini italiani, più 10.500 somministrati. Il record di precarietà è a Cividate: 800 lavoratori diretti, cui si aggiungono 1.200 addetti delle agenzie interinali, che arrivano al picco di 1.500 con le assunzioni per il Black Friday del 25 novembre e per Natale. «Amazon – spiega Cgil – sfrutta l’opportunità del superamento delle percentuali massime previste dalla legge assumendo a termine lavoratori svantaggiati: ovvero disoccupati da più di sei mesi, con meno di 25 o più di 50 anni, con la terza media. E lo fa in modo sistematico in tutti gli stabilimenti, usando la somministrazione per fare una selezione e una scrematura: i contratti vanno dai tre ai nove, fino ai 12 mesi. Dopo, l’azienda ti lascia a casa oppure se sei fortunato ti assume». L’ultima intesa tra Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, le rappresentanze territoriali e Rsa, Nidil Cgil, Felsa Cisl, Uiltemp UIL e Amazon Logistica e Amazon Transport prevede dal 1° ottobre un incremento del 2% dello stipendio, circa 1.200 euro netti in più in busta paga all’anno, buoni pasto da 5 a 7 euro e 500 euro di welfare, cioè buoni da spendere in benzina o per le bollette.

In queste settimane sono in corso assemblee per informare i dipendenti, spiegare, orientare. Anche perché la multinazionale prova a spacciare questi risultati come una sua concessione.

Tuttavia Amazon resta il gigante antisindacale di sempre: il magazzino Amazon di Castel San Giovanni (Piacenza), ‘famoso’ per lo storico sciopero del 2017, è l’unico in cui è stata eletta una rappresentanza sindacale interna. «Cioè, poco più di un anno fa, i lavoratori hanno votato e scelto i loro delegati aziendali. Ma quando al tavolo nazionale i sindacati hanno discusso con l’azienda di un possibile aumento di paga e dell’introduzione di un buono pasto da cinque euro a gennaio 2023, mancavano proprio loro: i delegati di Piacenza. Peraltro, il tavolo era con i sindacati della logistica e a Castel San Giovanni si applica il contratto del commercio», si legge su un dispaccio dell’agenzia Dire.

«Le azioni italiane e i successivi scioperi di Amazon in Germania e Polonia sono stati di ispirazione per molti lavoratori e organizzatori sindacali di Amazon. Ritenevamo che avrebbero contribuito a motivare una maggiore organizzazione dei lavoratori negli Stati Uniti e quindi abbiamo iniziato a sollecitare i socialisti a trovare lavoro in Amazon», scrivono Wilson e Olney.

Dal 2017 sono aumentate le azioni internazionali coordinate contro Amazon. Nel 2019, UNI Global Union e Progressive International hanno lanciato Make Amazon Pay, una coalizione che riunisce oltre 70 sindacati, organizzazioni della società civile, ambientalisti e osservatori fiscali. Le richieste unificanti della coalizione sono che Amazon paghi i suoi lavoratori in modo equo e rispetti il loro diritto di aderire ai sindacati, che paghi la sua giusta quota di tasse e che si impegni per una reale sostenibilità ambientale.

Lo scorso novembre si sono svolte azioni di punta in 25 Paesi del mondo. Tuttavia, in passato la partecipazione dei sindacati e delle organizzazioni statunitensi è stata a dir poco modesta.

I recenti successi organizzativi presso le strutture statunitensi di Amazon – tra cui la vittoria dell’Amazon Labor Union su un voto dell’NLRB presso il Fulfillment Center di Staten Island in aprile – e i numerosi scioperi per le condizioni salariali presso le strutture di Amazon dal Maryland alla California riflettono un nuovo spirito di militanza sindacale negli Stati Uniti. Partendo da questa opportunità, UNI Global annuncerà sul proprio sito web i luoghi e gli orari esatti delle azioni previste nelle prossime tre settimane.

Gli organizzatori di Amazon che partecipano alla pianificazione del Black Friday sono Amazonians United, Carolina Amazonians United for Solidarity and Empowerment (CAUSE), Warehouse Workers for Justice, Warehouse Workers Resource Center e altri centri di lavoratori e organizzazioni non profit allineati con la coalizione Athena, oltre a organizzatori dei Teamsters, dei Postal Workers e del RWDSU.

Si legge su The Nation, testata storia della sinistra radicale statunitense, che «le azioni del Black Friday sono un’opportunità per i lavoratori di Amazon di costruire il proprio potere e di rafforzare le relazioni tra i vari gruppi che si organizzano per la giustizia in Amazon negli Stati Uniti e a livello internazionale. Con l’aumentare dello slancio per la giornata d’azione, si spera che altri gruppi di lavoratori di Amazon si uniscano a loro».

Oltre all’aumento sostanziale dell’organizzazione dei lavoratori in Amazon, altri fattori potrebbero contribuire a un sostegno e a una partecipazione più ampi al Black Friday di quest’anno:

– I Teamsters hanno già avviato una campagna contrattuale per i loro 340.000 iscritti alla United Parcel Service;

– L’International Longshore and Warehouse Union (ILWU), i lavoratori portuali della costa occidentale, stanno lavorando senza contratto mentre proseguono le trattative con il gruppo dei loro datori di lavoro, la Pacific Maritime Association;

– I lavoratori delle ferrovie di 12 sindacati diversi stanno votando su un accordo nazionale con le grandi ferrovie merci. Due sindacati ferroviari, quello dei manutentori e quello dei segnalatori, hanno votato per respingere il contratto. Altre votazioni sono in corso. Se un numero sufficiente di membri voterà per il rifiuto, potrebbe verificarsi una drammatica interruzione del lavoro, con ripercussioni sul 40% del PNL statunitense che viaggia su rotaia;

– L’aumento del sostegno ai sindacati significa che le proteste del venerdì nero saranno percepite come parte di un movimento sindacale molto più ampio.

Questi sviluppi combinati potrebbero portare a un momento di “alta stagione” in cui i lavoratori di molte aziende dell’intero settore logistico entrano in azione insieme? Immaginiamo scioperi ad Amazon, proteste guidate dai Teamster nei capannoni di UPS, seguite da marce di sostegno verso le strutture Amazon vicine. O i lavoratori portuali e ferroviari che portano il loro messaggio ai lavoratori delle strutture intermodali che gestiscono le merci di Amazon? O ancora, migliaia di lavoratori dei magazzini e delle consegne di aziende più piccole che sfruttano il Black Friday come opportunità strategica per mettere in luce il loro potere nella catena di fornitura e iniziare a formare i propri sindacati.

«Sebbene quanto sopra possa essere solo un sogno per questo novembre, è la direzione verso cui si sta dirigendo il movimento sindacale. Per il momento, è realistico immaginare che le azioni di picco della stagione americana si intreccino bene con le attività di Make Amazon Pay in tutto il mondo. Ciò darebbe al grido di battaglia internazionale “Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!” una nuova svolta: “Lavoratori della logistica di tutto il mondo, unitevi!”», concludono Wilson e Olney.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cina, sfidando il Pcc al canto dell’Internazionale

Cresce la rabbia contro il lockdown in Cina. Slogan contro il Pcc e Xi Jinping. La prima volta dal 1989 [François Bougon]

I cani non potranno fucilare le stelle

Cosa direbbero i Cervi di questa Italia segnata ancora dalla  disuguaglianza? Resoconto poetico di un convegno [Chiara Nencioni]

Stradario aggiornato di tutti i fasci

In un portale, mappatura e ricontestualizzazione di strade e edifici del Ventennio. La memoria di un passato che non passa [Chiara Nencioni]

Chi sono i foreign fighters nella guerra russo-ucraina

Come arrivano i volontari stranieri dell'estrema destra per combattere in Ucraina. Un nuovo rapporto di Antifascist Europe

Piacenza capitale dei vignaioli indipendenti

Da sabato 26 a lunedì 28 novembre a Piacenza Expo tornano i vignaioli indipendenti: 850 produttori presentano i loro vini migliori.