7.5 C
Rome
giovedì 2 Febbraio 2023
7.5 C
Rome
giovedì 2 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniViktor Bout, la pedina che sta tanto a cuore al Cremlino

Viktor Bout, la pedina che sta tanto a cuore al Cremlino

Il Cremlino ha scambiato l’ostaggio Brittney Griner per il trafficante Viktor Bout imprigionato oltreoceano [Antoine Perraud]

Mentre il trafficante d’armi russo Viktor Bout stava per essere scambiato con la cestista americana Brittney Griner, giovedì 8 dicembre, l’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, ha salutato con rispetto il prigioniero del Cremlino negli Stati Uniti.

In un videomessaggio, l’alto diplomatico ha criticato le “forti pressioni fisiche e morali” subite dall’augusto prigioniero. “Hai sopportato tutto questo con dignità”, ha elogiato l’ambasciatore-carpentiere, aggiungendo: “Sono sinceramente felice che gli sforzi della Russia per il tuo rilascio siano finalmente riusciti”.

Gli appassionati di cospirazioni hanno il loro bel da fare: e se l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin fosse stata scatenata solo per riavere Viktor Bout?

La delirante sovrainterpretazione è allettante: il Cremlino avrà fatto tutto il possibile per liberare un trafficante d’armi senza legge. Si rivela una metafora del sistema – un mafioso diventato criminale di guerra – su cui si basa il corrotto e corruttore Vladimir Vladimirovich Putin.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Viktor Bout è nato in tempo – nel 1967 – per beneficiare di una buona educazione sovietica. Ha saputo approfittarne, nel senso squillante e incespicante del termine, non appena l’URSS è caduta, e ha fatto il pieno dei suoi orpelli.

È nato in Tagikistan. Ma già il mistero si infittisce, come si addice a personaggi oscuri che hanno forgiato la loro leggenda: non è stato piuttosto in Turkmenistan (come ha dichiarato lui stesso in una radio di Mosca), o addirittura in… Ucraina (secondo un rapporto dei servizi segreti sudafricani)?

La sua arte di destreggiarsi tra passaporti e pseudonimi non ha fatto il compito dei suoi biografi, Douglas Farah e Stephen Braun, che hanno scritto un’inchiesta pubblicata oltreoceano nel 2007 e non tradotta in francese: Merchant of Death. Sottotitolo: Soldi, armi, aerei e l’uomo che rende possibile la guerra.

Diplomato all’Istituto Militare di Lingue Straniere di Mosca, il nido delle future spie per eccellenza, Viktor Bout sarebbe in grado di padroneggiare un numero di lingue che va da una mezza dozzina a una dozzina, secondo quanto riportato dalla stampa di tutto il mondo.

Oltre al russo, si dice che parli l’inglese, il francese, il portoghese (alcuni aggiungono il tedesco e lo spagnolo), l’uzbeko (il turco, curiosamente, non compare), e persino il farsi e l’urdu; idiomi a cui si aggiungono varie lingue bantu, tra cui lo zulu e lo xhosa…

Si dice che sia stato trovato come traduttore in Angola alla fine degli anni ’80, il che invalida un rapporto dei servizi segreti britannici, che sono generalmente ben informati, secondo cui sarebbe stato poi distaccato a Roma per il KGB.

Polli congelati

Agente segreto o meno, Viktor Bout si guadagna da vivere durante il crollo dell’URSS. Mentre la flotta aerea dell’Armata Rossa è bloccata per mancanza di direttive, denaro, carburante, personale e pezzi di ricambio, il nostro uomo emerge dal disastro come un efficiente e immorale trafficante. Ha 25 anni, il limite è il cielo.

Anche in questo caso, le opinioni divergono. Si dice che abbia acquistato tre Antonov per 120.000 dollari e che abbia iniziato con carichi in Danimarca e in Africa. Niente affatto, dicono gli ex collaboratori: i pesanti orologi a cucù gli sono stati dati dal GRU (la Direzione Generale dell’Intelligence Militare) in cambio di servizi e missioni future.

Ma Bout mescola ancora i generi, trasportando carichi ibridi, legali e illegali, costituiti, ad esempio, da polli congelati a cui vengono aggiunte armi e munizioni prelevate dagli arsenali da Leningrado a Vladivostok: basta corrompere il personale militare, pronto a vendersi al miglior offerente.

Viktor Bout raccoglie il pezzo della spada sovietica. Ecco che segue le forniture degli ex clienti ufficiali e soprattutto non ufficiali del Cremlino, cioè dittature e guerriglie, in Sud America, Africa e Asia.

“Aveva la migliore rete logistica del mondo”, ha dichiarato agli autori di Merchant of Death Lee Wolosky, ex membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale di Washington, che ha seguito le tracce di Viktor Bout a partire dalla fine degli anni ’90.

Venditore dell’Apocalisse

Nel giro di dieci anni, il piccolo trafficante è diventato un grande commerciante: una cinquantina di aerei, una società con sede a Charjah, il più discreto degli Emirati Arabi Uniti. Da lì, consegna ai malavitosi del mondo tutti gli armamenti che un papa può benedire. È un barattore, che scambia le sue macchine della morte con diamanti, minerali e persino legno pregiato.

Dal Sudan alla Colombia, passando per la Sierra Leone (e i suoi terribili bambini soldato), Bout fornisce AK-47 e altri fucili d’assalto a tutti i possibili conflitti regionali, di cui è garante. E questo, nonostante le sanzioni internazionali, che egli infrange in men che non si dica. Vero venditore dell’Apocalisse, nulla sfugge al suo catalogo: kalashnikov, lanciarazzi RPG, carri armati, missili, elicotteri da combattimento…

Il doppio gioco è una seconda natura per lui. Arma gli oppositori di Mobutu nello Zaire, mentre esfiltra il dittatore in extremis quando i suoi clienti prendono il potere. Lo stesso vale per l’Afghanistan, dove rifornisce il comandante Massoud, il leone laico e democratico del Panshir, mentre rifornisce i Talebani oscurantisti.

Nel 2004, il suo atteggiamento ” io sono tutto compreso” si è rivelato la sua rovina. Washington scoprì, attraverso una fuga di notizie sulla stampa britannica, che questo Viktor Bout, rintracciato dai suoi servizi segreti, effettuava consegne, direttamente o tramite subappaltatori – e questo per un contratto del valore di 60 milioni di dollari! – alle forze americane che avrebbero dovuto ricostruire l’Iraq dopo la disastrosa seconda guerra del Golfo del 2003. Questa è la trama inevitabile di un trafficante d’armi, che si preoccupa di mescolare le azioni umanitarie con i suoi affari – sempre questa mescolanza di generi gli fornisce un’utile copertura.

Lo scandalo è immenso. Nel 2005, il film Lord of War di Andrew Niccol è stato ampiamente ispirato dalle attività di Viktor Bout per il personaggio di Yuri Orlov, interpretato da Nicolas Cage. Ecco il nemico pubblico numero uno – dopo Bin Laden, del resto – che si prende gioco delle autorità come protagonista della cultura di massa.

Nel 2003, ricevendo un giornalista del New York Times nella hall di un hotel di Mosca, arrivò mostrando l’interno della sua giacca, come per una perquisizione: “Vede, non ho armi! Nega poi con una faccia tosta d’acciaio di essere uno spacciatore di armi da guerra, mentre un amico texano di origine siriana, Richard Chichakli, lo descrive all’intervistatore come un “vegetariano” e “ambientalista” la cui lotta principale è quella contro la deforestazione e le devastazioni delle piogge acide!

Viktor Bout si è sempre presentato come un “semplice uomo d’affari”, che deve il suo scontro con i russi occidentali solo a un’irriducibile russofobia: “Nessuno sopporta che un russo abbia successo.

Il cinema è durato abbastanza per gli Stati Uniti d’America, che hanno sempre avuto bisogno, nella loro breve storia, di bestie nere da esorcizzare. Bout, che ha eluso tutte le leggi e i mandati di cattura, che ha aggirato le frontiere per quasi 15 anni, è caduto in una trappola a Bangkok nel 2008, tesagli da agenti americani della DEA (Drug Enforcement Administration) in veste di sponsor della guerriglia colombiana.

Due anni dopo, nel 2010, Viktor Bout è stato estradato: “Una vittoria per lo Stato di diritto in tutto il mondo”, ha esultato il procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder. Bout è stato processato, riconosciuto colpevole di traffico d’armi e condannato nel 2011 a 25 anni di carcere. Si difende da buon diavolo: “Non ho mai voluto uccidere nessuno, non ho mai voluto vendere armi a nessuno, Dio sa la verità.

Joseph Stalin e un gattino

L’umiliazione è amara per il Cremlino, che non abbandona mai i suoi affiliati, assicurandosi così la fedeltà dei pilastri del sistema. Sergei Lavrov, l’inamovibile ministro degli Esteri di Vladimir Putin, afferma a gran voce che la Russia farà di tutto per rimpatriare questo onesto cittadino della Federazione, vittima dell’ingiustizia sistemica americana.

Mentre il regista russo-americano Maxim Pozdorovkin, affascinato dal suo soggetto, costruiva nel 2014 un documentario critico, The Notorious Mr. Bout, una penna servile del Cremlino, Alexander Gassiouk, pubblicava nel 2021 un’agiografia del personaggio, prefata dalla moglie in lutto.

Quest’ultimo, Alla Bout, ha anche presentato il catalogo di una mostra che il Parlamento russo ospita da metà novembre 2022. Si tratta di una presentazione di opere d’arte create in carcere da Viktor Bout. Ha conservato una fotografia di Vladimir Putin in prigione, ma anche un ritratto di Joseph Stalin e un gattino – sempre questo mix di generi che gli rimane impresso.

A 55 anni, lo strano signor Viktor potrebbe non aver detto la sua ultima parola. Né, soprattutto, ha compiuto il suo ultimo atto, mentre la Russia, priva di armamenti adeguati, temporeggia in Ucraina.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"