6.4 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
6.4 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
Homepadrini & padroniNon è un Corbyn-moment per il Pd

Non è un Corbyn-moment per il Pd

«Schlein è migliore di Bonaccini, ma non è Corbyn». Il nuovo corso Pd visto dalla Gran Bretagna, e da sinistra.  [Dave Kellaway]

Proprio come Jeremy Corbyn nel 2015, persino Elly Schlein stentava a crederci. Tutti i sondaggi e gli addetti ai lavori avevano suggerito che avrebbe perso di almeno dieci punti percentuali o più. Prima del voto pubblico, Elly Schlein aveva perso il voto degli iscritti per 53% a 35%. Invece, ha vinto facilmente di sette punti percentuali. Il suo avversario era Stefano Bonaccini, il due volte eletto governatore della roccaforte del PD (Partito Democratico) in Emilia Romagna. Egli aveva già scelto Schlein, un relativo nuovo arrivato nel PD, come numero due della sua amministrazione.

I post di compagni e amici sui social media indicano che gli elettori di sinistra e progressisti hanno accolto con favore la sua vittoria. Ciò è comprensibile visto il continuo declino del PD (appena il 20% dei voti), l’estrema debolezza della sinistra radicale (1% dei voti) e la tiepida reazione del movimento operaio e sociale all’offensiva padronale in corso. Le persone di sinistra che hanno abbandonato il PD in preda alla disperazione per il suo sostegno alle politiche neoliberiste sono state felici di vedere qualcuno della leadership dire effettivamente qualcosa di sinistra. Alcuni hanno fatto riferimento all’attore progressista Nanni Moretti che, in uno dei suoi film, ha gridato con frustrazione allo schermo televisivo che mostrava una riunione del precursore del PD: “Dite qualcosa, qualsiasi cosa che sia di sinistra”.

Ma Schlein cambierà davvero il PD? È un momento Corbyn per il partito? Tornerà a un approccio socialdemocratico più tradizionale? Si allontanerà dalle forze politiche apertamente borghesi guidate da persone come Calenda e Renzi e formerà coalizioni con forze più progressiste?

Subito dopo i risultati ho contattato Franco Turigliatto, ex senatore e leader di Sinistra Anticapitalista, che mi ha inviato la sua immediata reazione:

Si è scherzato sul fatto che il PD sia riuscito a perdere persino le proprie elezioni primarie. È la prima volta che il voto più ampio, “esterno”, ribalta la scelta degli iscritti! Ma la vittoria di Schlein riflette certamente le preoccupazioni di una parte dell’elettorato e delle tendenze politiche che vogliono un PD più militante e orientato a sinistra. Creerà speranze e alcune illusioni che è difficile vedere trasformate in realtà. Non è chiaro quanto nuovo spazio politico possa creare la nuova leader. Certamente potrebbe far sì che il PD si impegni un po’ di più in termini di diritti democratici o umani dei cittadini e forse anche su questioni sociali ed economiche. Aspettiamo di vedere quale posizione assumerà sulla questione della guerra e delle alleanze militari. Dubito che possa intervenire con una linea progressista efficace sulla questione centrale del tenore di vita dei lavoratori e del rapporto di forze nei luoghi di lavoro. È probabile che metta in difficoltà tattica il Movimento Cinque Stelle di Conte.

Dopo le primarie, il PD ha fatto un gran parlare del milione di elettori che si sono presentati alle elezioni di domenica. Questo riflette la base di attivisti che il partito ancora conserva ed è improbabile che altre correnti politiche possano raggiungere gli stessi numeri. Il voto ha rappresentato un elettore su cinque di quelli ottenuti alle elezioni generali di settembre. Tuttavia, quando Veltroni fu eletto alle prime primarie del 1998, i votanti furono ben più di tre milioni.

A differenza della vittoria di Corbyn, quel mezzo milione di persone che ha votato per Schlein non si è unito al PD come militante. Anche se potrebbe esserci un aumento di persone che si uniscono o si ri-uniscono al PD, è improbabile che sia della portata o della militanza che abbiamo visto con l’ondata di Corbyn. Nel 2015 molti giovani che erano stati coinvolti nelle lotte per le tasse universitarie sono entrati nel Labour. Il voto delle primarie in Italia non ha questo legame con le lotte attive.

Una somiglianza con la storia di Corbyn è il modo in cui Schlein ha sfruttato la repulsione che molti sostenitori del PD avevano nei confronti di Matteo Renzi, leader del PD e primo ministro che ha fatto approvare leggi contro il lavoro come il Jobs Act, che di fatto ha reso i posti di lavoro meno sicuri. Corbyn ha beneficiato di un analogo rifiuto delle posizioni pro-business e pro-guerra in Iraq di Tony Blair. Schlein si è addirittura dimessa dal PD per protesta contro la leadership di Renzi.

Sebbene entrambi i candidati abbiano promosso le loro credenziali come oppositori dell’attuale leadership e dell’apparato del PD e abbiano promesso un rinnovamento totale, Schlein poteva svolgere questo ruolo in modo più convincente. Nonostante un restyling alla moda con nuovi occhiali e una nuova barba, Bonaccini camminava, parlava e sembrava ancora il tradizionale manager politico del PD. Durante la campagna elettorale ha preso le distanze da Renzi, ma il suo curriculum dimostra quanto gli sia stato amico e alleato politico. Il veterano governatore dell’Emilia-Romagna ha criticato Schlein e gli altri candidati per l’imbarazzo a parlare di affari. Nella sua regione, c’è stata un’alleanza di lunga durata tra le imprese locali e il partito. Fin dall’inizio si è detto pronto a incontrare la post-fascista Meloni, attuale primo ministro, una volta che avesse vinto.

Schlein, invece, è stata molto più schietta nelle critiche e nell’opposizione alla Meloni e, dopo la sua elezione, ha promesso una resistenza più ferma nei suoi confronti. Durante la campagna elettorale, uno studente è stato aggredito dai fascisti fuori dalla sua scuola. La preside ha scritto una lettera antifascista molto forte, ricordando i valori della Costituzione italiana e come l’esaltazione delle frontiere possa portare a tali violenze. Il ministro dell’Istruzione e altri parlamentari del partito della Meloni, Fratelli d’Italia, intervennero per dire che la preside aveva sbagliato. Schlein è andata a Firenze e ha cantato Bella Ciao, la tradizionale canzone antifascista.
Elly Schlein ha beneficiato anche del fatto di essere più giovane (37 anni) e di essere la potenziale prima donna leader del PD. È anche chiaramente molto più aperta a lavorare a fianco del movimento M5S di Conte, che ha fatto una svolta tattica per difendere alcune politiche progressiste. Conosco parecchie persone di sinistra che hanno votato per il M5S alle ultime elezioni, ritenendolo migliore del PD. Sono sicuro che alcuni di loro hanno votato per Schlein. Molte persone di sinistra si sono risentite di ciò che vedevano come una divisione delle forze di ‘sinistra del centro’. Alle ultime elezioni non c’è stato alcun accordo tra il PD e il M5S, il che ha reso più facile la vittoria di una coalizione di destra unita alle elezioni generali (comunque con meno del 50% dei voti).
Una coalizione con il M5S potrebbe migliorare la possibilità di sconfiggere la coalizione di destra, ma il M5S non è nemmeno un partito socialdemocratico, anche se ha promosso e sostenuto riforme progressiste come quella del reddito di cittadinanza. Ha partecipato a un governo con la Lega reazionaria di Salvini e al governo di unità nazionale neoliberista di Draghi. Una coalizione PD/M5S è già stata tentata con il secondo governo Conte e ha fatto poca differenza – a parte il reddito di cittadinanza – rispetto all’austerità complessiva imposta ai lavoratori. Non si tratta di una bacchetta magica per una rinascita della sinistra.
Come sottolinea Franco Turigliatto, una svolta di Schlein verso alcune politiche riformiste di sinistra e verso il M5S creerà problemi a Conte, il cui partito ha raccolto molti elettori ex-PD alle ultime elezioni. Ha anche giustamente sollevato la necessità di riconquistare l’enorme numero di elettori che sono così alienati dalla politica da aver rinunciato a votare. Ricordiamo che in Italia, fino agli anni ’90, il tasso di astensione si aggirava intorno al 10%, mentre oggi è quadruplicato.
Diego Giachetti nel suo articolo di ieri sul sito di Sinistra Anticapitalista ci avverte di non sopravvalutare la qualità o le differenze nel dibattito politico: «durante la campagna elettorale il dibattito politico e programmatico è stato sempre più sostituito da un conflitto tra personalità. Questa competizione politica tra personalità è tipica di un periodo di profonda crisi della politica stessa».
durante la campagna elettorale il dibattito politico e programmatico è stato sempre più sostituito da un conflitto tra personalità. Questa competizione politica tra personalità è tipica di un periodo di profonda crisi della politica stessa.
Questa competizione politica tra personalità è tipica di un periodo di profonda crisi della politica stessa.
Giachetti sottolinea anche, correttamente, che Schlein ha anche una coalizione mista di vari raggruppamenti o tendenze del PD che la sostengono. Queste correnti definiscono e limitano il dibattito politico all’interno del partito e sono come “talpe” che lavorano sempre sotto la superficie dello “spettacolo” politico e rendono molto meno probabile una vera svolta a sinistra. Tutte queste correnti hanno fatto poco, storicamente, per cambiare davvero qualcosa. Esistono per certi versi per garantire posti, posizioni e stipendi ai loro leader.
Naturalmente è più facile che Schlein all’opposizione prenda posizioni più decise a favore del salario minimo, contro la Meloni sulla questione dei migranti, per il diritto di cittadinanza ai bambini immigrati nati in Italia, a favore della depenalizzazione della cannabis, contro i contratti di lavoro precari, per le energie rinnovabili, per i diritti di gay e trans, e così via.

Tuttavia, il PD è essenzialmente un partito che vuole governare e gestire l’economia in collaborazione con le imprese. Schlein deve fare i conti con più della metà dei suoi iscritti, che sono allineati con questo orientamento pro-business. Nel suo discorso di concessione, Bonaccini ha dichiarato il suo desiderio di lavorare con lei in un partito unito. Non tutti i membri del suo schieramento sono così contenti. Christina Fogazzi, nota imprenditrice nel settore dell’estetica e del make-up, si è scagliata contro il team di Schlein per l’uso dei social media: “Le campagne elettorali basate sulle shitstorm sono brutte e per niente di sinistra”.
Questa accusa riassume in qualche modo il divario culturale tra gran parte della base di Schlein e le persone che sostengono Bonaccini. La Schlein, avendo meno di quarant’anni, ha chiaramente raccolto molti degli elettori più giovani e laureati che vivono nelle grandi città. Lei stessa è l’incarnazione del mal usato epiteto cosmopolita, poiché ha un background familiare svizzero/americano, è bisessuale e attualmente ha una relazione con una donna. La demografia dei sostenitori di Schlein è forte anche tra gli elettori del M5S. Il suo schieramento è riuscito a ottenere il triplo delle interazioni sui social media rispetto a Bonaccini.
Ci sono già minacce da parte di alcuni di questa cosiddetta ala “riformista” di disertare il terzo polo Renzi/Calenda. Schlein potrebbe anche fare delle concessioni per tenerli dentro: ha lavorato senza complessi a fianco del suo avversario sconfitto nell’amministrazione regionale. Renzi e Calenda stanno cercando attivamente di staccare l’ala più moderata del partito, dicendo che il PD è ormai troppo di sinistra. Lo stesso Bonaccini ha invitato tutti a rimanere nel PD.
La stampa mainstream si è scagliata contro la Schlein, denunciando le sue politiche estremiste e prevedendo una spaccatura del PD e suggerendo che non andrà di nuovo al governo con un tale leader. In questo senso, esiste un’analogia con Corbyn. Chiunque si sposti leggermente dal centro di gravità della politica capitalista riceve questo trattamento dalla stampa di proprietà delle imprese. Un’eccezione è rappresentata dal quotidiano il manifesto, che si definisce ancora comunista. In questo caso il pericolo è quello di creare illusioni sull’estrema sinistra di Schlein. In un editoriale, Norma Rangeri afferma addirittura che formerà una nuova coalizione progressista con la sinistra, sia interna che esterna al partito.
Dal punto di vista tattico, la sinistra radicale in Italia deve riconoscere questo cambiamento all’interno della leadership del PD. Molti elettori del PD vogliono una linea più ecologica, femminista e di sinistra. I socialisti dovrebbero sostenere qualsiasi misura progressista proposta da Schlein, soprattutto se, ad esempio, si opporrà con forza alla Meloni sull’atteggiamento omicida nei confronti dei migranti. Solo pochi giorni fa, oltre 70 migranti, tra cui molti bambini, sono annegati al largo delle coste calabresi. La Meloni ha imposto severe restrizioni alle navi di soccorso umanitario, rendendo più probabile il verificarsi di simili tragedie.
Schlein è migliore di Bonaccini, ma non è Corbyn. Ieri ha chiesto le dimissioni di un ministro per la tragedia dei 67 migranti morti al largo delle coste calabresi. Il ministro ha implicitamente incolpato i migranti di essere saliti sui barconi. Schlein ha chiesto perché la guardia costiera non sia intervenuta.
I socialisti accolgono con favore l’entusiasmo per le politiche più progressiste espresso dai suoi elettori. Tuttavia, è improbabile che possa rappresentare la minaccia che Corbyn ha rappresentato per gli interessi del grande capitale e dell’imperialismo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»