5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
HomecultureIl sindacalista che capì le lotte per la città del futuro

Il sindacalista che capì le lotte per la città del futuro

Sbarca a Roma il docufilm “Franco Sartori – la Città possibile” scritto e diretto da Ugo Roffi e Ludovica Schiaroli 

La Genova degli anni 80-90  tra de-industrializzazione, lotte per ambiente e sviluppo sostenibile raccontata attraverso la figura del sindacalista Franco Sartori.

Arriva a Roma il docufilm “Franco Sartori – La città possibile che racconta le trasformazioni del ponente genovese tra gli anni Ottanta e Novanta attraverso l’impegno sindacale e politico di Franco Sartori (1941-1996).

Link al trailer

«Raccontare Genova – è anche raccontare quello che è accaduto a tante città industriali in Italia in quel decennio in cui sono rintracciabili al di là del diffuso oblio, molte radici della crisi del nostro presente», spiegano Ugo Roffi e Ludovica Schiaroli (una delle fondatrici, tra l’altro, di questo sito) che hanno scritto e diretto, tra novembre 2021 e ottobre 2022, un lavoro scaturito da un’idea di Luca Borzani, storico, e di Antonio Caminito, segretario Fiom a Genova dal ’99 al 2019.

ll documentario, lungo 81 minuti, racconta, attraverso la figura del sindacalista Franco Sartori (1941-1996), la Genova degli anni 80-90: una città segnata delle crisi delle grandi fabbriche, del porto, dall’inquinamento, dall’assenza di politiche industriali dove, contemporaneamente, emergono nuovi soggetti politici come il Comitato Salute e Ambiente delle donne di Cornigliano, e un uomo come Sartori che vede nel Ponente il laboratorio da cui ripartire per costruire una nuova stagione di sviluppo per la città.

La città possibile immaginata da Sartori è quella che non consuma il territorio, ma mette al centro lo sviluppo sostenibile, investe sui nuovi lavori, sui nuovi saperi, vede le contraddizioni non come ostacoli ma come risorse.

Una sfida, un progetto di comunità troppo avanti per quegli anni, che non viene compreso appieno né dal sindacato né dal PCI che vedono nel sindacalista genovese un’anomalia. Il rapporto sempre dialettico con quelli che erano i punti di riferimento politici e sindacali, non impediscono però a Sartori, quando torna a Genova nel 1982, dopo una lunga trasferta romana, di dare impulso alla Camera del lavoro del Ponente che diventerà il principale luogo di elaborazione cittadino.

Quanto si è realizzato della Genova di Sartori viene rivelato attraverso il racconto di sei testimoni d’eccezione che hanno vissuto quel periodo e hanno conosciuto e lavorato con il sindacalista genovese: Borzani e Caminito, appunto, Leila Maiocco, responsabile del Centro Civico di Cornigliano dal 1985 al 2000, punto di riferimento delle donne del Comitato Salute e Ambiente e compagna di Sartori, Andrea Ranieri, segretario CGIL Liguria dal 1989 al 1996 e poi senatore, Uliano Lucas, fotoreporter conosciuto per i suoi reportage sul mondo del lavoro e delle migrazioni che ha fotografato la Genova degli anni 80 e 90 e Igor Magni, segretario della Camera del lavoro di Genova.

Davvero prezioso il materiale filmico, oltre alle interviste e alle immagini girate ex novo del Ponente genovese di oggi, scovato in molti archivi, tra cui della Fondazione Ansaldo, dell’Archivio Storico della Camera del lavoro di Genova, della CGIL Roma, del Centro Civico di Cornigliano, delle Teche Rai, dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), del Technopole Sophia Antipolis, Cedex – France e poi dagli archivi privati di Pietro Perotti, Pier Milanese, Roberto Schiaroli e Uliano Lucas.

La proiezione si svolgerà mercoledì 19 aprile alle 17:30 a SCENA in via degli Orti D’Alibert 1 dove insieme agli autori, Ugo Roffi e Ludovica Schiaroli, interverranno Fiorella Farinelli, Osservatorio Nazionale Integrazione Studenti Stranieri, Paolo Masini, Presidente Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana, Andrea Ranieri, Direttore della rivista Luoghi Comuni, Francesca Re David, Segretaria Nazionale Cgil, Vincenzo Vita, Presidente Archivio audiovisivo del Movimento operaio. Coordina il giornalista Marino Bisso. Saluti di Natale Di Cola, Segretario Generale CGIL Roma e Lazio.

L’incontro è organizzato da Leila Maiocco, una delle protagoniste del docufilm. Ingresso libero.

Il documentario è stato auto prodotto dagli autori con il contributo della Camera del lavoro di Genova e dello SPI Cgil Liguria. 

Ugo Roffi, film maker e Ludovica Schiaroli, giornalista, sono già autori dei documentari Il Canto del Gallo sulla vita di Don Andrea Gallo edito da Chiarelettere nel 2012; Giovanni Burlando’s Vision nel 2015; nel 2018 DigaVox – testimonianze dalla Diga di Begato; nel 2021 Giotto. Il Novecento proletario di Giordano Bruschi. I documentari sono disponibili in italiano e in inglese su Distribuzioni dal Basso, piattaforma per il cinema indipendente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano