23.8 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
23.8 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
Homein fondo a sinistraFrancia, sullo sfondo del movimento sociale, persiste la crisi della Nupes

Francia, sullo sfondo del movimento sociale, persiste la crisi della Nupes

Nonostante l’impegno contro la riforma delle pensioni, la sinistra fatica ad apparire come la naturale via d’uscita dalla crisi [Mathieu Dejean]

“Ambiguo”, “incerto”, “equivoco”: i quadri dei partiti di sinistra fanno a gara con la cautela per descrivere la situazione politica e sociale del Paese. Da un lato, il movimento di opposizione alla riforma delle pensioni ha subito, sulla carta, una battuta d’arresto dopo l’altra: la legge è passata, il Consiglio costituzionale l’ha convalidata, è stata promulgata, Emmanuel Macron ha parlato, sperando di voltare pagina.

sullo stesso tema un approfondimento di Checchino Antonini

D’altra parte, il governo è stato apparentemente indebolito dalla sequenza: le sue bugie sono state rivelate, è stato costretto a bypassare il voto dell’Assemblea Nazionale, si trova ad affrontare un movimento sociale massiccio e tenace, e il presidente della Repubblica e i suoi ministri non possono più muoversi senza suscitare un coro di fischi.
In questo contesto, i concetti di “vittoria” e “sconfitta” sono relativi. I leader della Nuova Unione Popolare, Ecologica e Sociale (Nupes) si aspettano molto dalla scadenza del 1° maggio, fissata da un’intersindacale ancora unita, per dimostrare ancora una volta l’illegittimità delle politiche decise dal capo dello Stato e per dimostrargli che il capitolo non è chiuso.
Un’eventuale convalida della seconda richiesta di referendum di iniziativa popolare (“RIP”) da parte del Consiglio costituzionale il 3 maggio, aprendo una campagna di nove mesi per raccogliere le firme di 4,8 milioni di elettori, potrebbe dare ai manifestanti una tregua istituzionale. Così come la proposta di legge presentata dal gruppo Libertés, indépendants, outre-mer et territoires (Liot) che chiede l’abrogazione della riforma, che potrebbe essere esaminata l’8 giugno.
Ma la sinistra partitica avrà presto esaurito le sue scorte di rimedi legali per evitare questa riforma. Tutta l’energia che ha messo in campo per sostenere il movimento sociale, sia nell’arena parlamentare che in quella delle lotte – contributi ai fondi per gli scioperi, giri nei commissariati, presenza ai picchetti – non è stata sufficiente.

Una sinistra impegnata ma senza presa

A gennaio, la sinistra ha visto nella battaglia sulle pensioni un’opportunità storica: affermarsi come alternativa politica a un governo di minoranza. “Se funzionerà, sarà una vittoria per la sinistra sociale. D’altra parte, se la riforma passerà scremata, sarà deprimente per noi”, anticipava a metà gennaio il deputato socialista Jérôme Guedj. “I dubbi sulla Nupes possono essere rapidamente spazzati via se combattiamo insieme questa battaglia e la vinciamo”, ha aggiunto la sua omologa di La France insoumise (LFI) Sarah Legrain.
Da allora, dalla quasi scissione del Partito socialista (PS) ai colpi del segretario nazionale del Partito comunista francese (PCF) Fabien Roussel contro la Nupes, passando per la crisi interna di LFI e la debolezza strutturale di Europe Ecologie-Les Verts (EELV), i dubbi persistono. Nel caso della coalizione di sinistra, gli oppositori hanno addirittura sfruttato i risultati delle elezioni parziali in Ariège – da cui è impossibile trarre conclusioni nazionali – per metterla sotto processo.
“In questo modo, la Nupes potrebbe candidarsi alla presidenza del Parlamento europeo, che sarebbe l’unico modo per garantire che possa continuare il suo lavoro in futuro”, ha detto. La Nupes potrebbe così presentarsi divisa alle elezioni europee del 2024, chiudendo la parentesi della sua esistenza: “Siamo lontani dall’esprimere un progetto coerente, alternativo, con squadre che lavorano insieme nei territori, questo è ciò che mi spaventa”, aggiunge l’ecologista.
Sulla stessa linea, l’economista Maxime Combes, da sempre attivista di Attac, si rammarica per l’abbandono del parlamento Nupes, che avrebbe dovuto collegare movimenti sociali e politici: “Non esistendo più, l’unico luogo in cui Nupes esiste [l’intergruppo parlamentare – ndr] non è visibile dall’esterno, quindi non dà alcun esempio da seguire a livello locale”.
Il coordinatore degli spazi di LFI, Manuel Bompard, può anche chiedere l’installazione di “assemblee del Nupes in ogni circoscrizione o a livello dei comuni” e di rendere “possibile l’adesione diretta”, ma il secondo atto della coalizione, tanto annunciato da settimane, stenta a decollare.
Ma la crisi della sinistra è ancora più profonda. Anche se il Nupes fosse più strutturato, l’idea che la sinistra si presenti meccanicamente come “sbocco politico” del movimento è, secondo il politologo Rémi Lefebvre, “irrealistica”. “Questo è un pensiero da vecchio mondo”, afferma. Anche se nel dibattito sul lavoro l’agenda politica era ideologicamente collocata a sinistra, si trattava di un movimento fondamentalmente apartitico, e questa è stata la condizione del suo successo”.
Questa caratteristica non è specifica della mobilitazione contro la riforma delle pensioni. È comune a molti movimenti sociali degli ultimi vent’anni che, sotto l’effetto delle alternanze politiche e della cascata di delusioni che hanno provocato, hanno preso le distanze dalla politica istituzionale. Questa autonomizzazione si è verificata, ad esempio, in occasione del movimento dei “gilet gialli”, che non ha trovato una traduzione politica.

La fine di un’epoca

Da quel momento in poi, sulla base di questa nuova eterogeneità ideologica e sociale della sfera della protesta, la scommessa che la sinistra possa vincere la posta in gioco è audace. “Se vogliamo davvero fornire uno sbocco politico, dobbiamo pensare alle mediazioni sociali, intellettuali e culturali tra le frustrazioni accumulate in questi movimenti e un programma che fornisca elementi positivi in una campagna elettorale”. Ma questa riflessione sulla mediazione è ancora in gran parte da sviluppare”, afferma il politologo Laurent Jeanpierre.
Durante i rispettivi congressi dei partiti di sinistra, alcuni dei quali si sono svolti contemporaneamente al movimento contro la riforma delle pensioni, il divario tra le preoccupazioni espresse nelle strade e gli orientamenti programmatici che dovevano essere decisi in quella sede è diventato molto chiaro.
“Ciò che più colpisce è il contrasto tra il movimento sociale unitario, dignitoso, serio, inventivo, capace di rinnovarsi e riformularsi ogni volta, e una sinistra più incline a coltivare il proprio orticello, o addirittura a mostrare le proprie divisioni sulle scelte strategiche”, ha criticato l’economista Maxime Combes. Tuttavia, secondo lui, il movimento ha subito una svolta, passando da un conflitto sociale a una crisi di regime che richiede una risposta politica. “Ma dove sono le iniziative politiche?
In realtà, LFI si accampa sulla posizione che ha adottato durante la battaglia parlamentare e che fa parte del suo DNA. Incarnando un “polo di radicalità” – anche nello stile – sulla base programmatica delle elezioni presidenziali, pensa di poter catturare parte della rabbia sociale e permettere così la “rivoluzione dei cittadini”. L’11 aprile, davanti a una trentina di deputati e collaboratori di Insoumis in Assemblea, Jean-Luc Mélenchon si è congratulato con le sue truppe in questo senso, convalidando la strategia del conflitto e giudicando che il movimento di Insoumis doveva affidarsi all’azione per riportare il blocco degli astensionisti alle urne.
Quando si tratta di fare un primo bilancio della mobilitazione contro la riforma delle pensioni, il deputato di LFI Paul Vannier conferma questa analisi, aggiungendo una dose di trionfalismo: “Abbiamo inflitto a Macron una grande sconfitta politica sul fronte parlamentare: non sono riusciti a far votare questa riforma. E sono molto sereno per quanto riguarda la Nupes: stiamo ottenendo una vittoria politica, la Macronie sta crollando, si pone la questione dell’alternativa”.
Ma a questa domanda posta, le risposte a sinistra divergono. Se tutti, all’interno della Nupes, concordano sulla necessità di una dose di radicalismo, alcuni invocano l’abbandono di un registro talvolta descritto come “populista di sinistra” e considerato repellente per una parte dell’elettorato. Gli stessi sostengono la necessità di un funzionamento più democratico.
Per il politologo Philippe Marlière, che è uno di loro, si dovrebbe rilanciare una “socialdemocrazia di sinistra”. La sinistra è in una situazione di stallo perché il suo polo dominante è quello populista, mentre il momento populista è passato in Europa”, afferma. Per vincere in un quadro liberaldemocratico, in un regime capitalista, è necessario proiettare un’immagine di credibilità e competenza politica. La sfortuna della sinistra francese è che i partiti preferiscono salvaguardare la propria toppa nella sconfitta, piuttosto che partecipare a un progetto collettivo scendendo a compromessi, a partire da LFI”.
Inoltre, l’assenza di una leadership indiscussa all’interno della Nupes non aiuta il suo caso. “Ora che tutti sono consapevoli dell’onnipotenza dell’esecutivo rispetto al parlamento, e che possiamo subire prepotenze legali, è il momento di fare proposte per risolvere la crisi democratica. Ma poiché c’è un vuoto di leadership, non si fa nulla”, ha osservato Chloé Ridel, portavoce del PS.
Al contrario, la situazione del Rassemblement National (RN) è sufficiente a far impallidire la sinistra: la sua leadership è incontestata, il suo candidato per il 2027 è già pronto, il suo gruppo non soffre di alcuna divisione e la sua natura di estrema destra è stata ampiamente relativizzata da intellettuali come Marcel Gauchet fin dalle elezioni presidenziali, e ora da una parte della maggioranza presidenziale.
“Abbiamo respinto ogni argomentazione del governo, ma questo rende invisibile il RN, che avanza con poca clamore, come al momento delle elezioni legislative. Penso che non ci sia stata un’analisi sufficiente dello spazio mediatico e del posizionamento del RN”, sottolinea la storica Ludivine Bantigny.
Per quanto riguarda la leadership della sinistra, Jean-Luc Mélenchon è sembrato recentemente dare una spallata a François Ruffin in un messaggio su Twitter a commento di un sondaggio che collocava il deputato della Piccardia al secondo turno delle elezioni presidenziali. Se nessuno vede la designazione del suo successore alle elezioni presidenziali, alcuni vogliono “cogliere la palla al balzo” per accelerare queste discussioni e l’approfondimento della Nupes, seguendo l’esempio della deputata ambientalista Sophie Taillé-Polian.
“È un’ottima notizia che lo stesso Jean-Luc Mélenchon si ponga il problema della pluralità di personalità che ci rappresentino”, afferma la deputata. Il secondo atto della Nupes non può svolgersi in un conclave indefinito. Se ci si attarda troppo, si rischia di creare una dinamica negativa: dobbiamo rinnovare il programma senza cambiare la filosofia generale, approfondire la sua credibilità, dare delle priorità. Sono discussioni importanti.
Tanto più importanti perché se la mobilitazione finisce con una sconfitta, la rabbia potrebbe prendere una piega amara. “Quando la rabbia è senza speranza, senza un’immaginazione alternativa, produce risentimento che, storicamente, non alimenta la sinistra ma l’estrema destra. Per me questa è la chiave”, conclude lo storico del comunismo Roger Martelli.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte