23.7 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
23.7 C
Rome
mercoledì 24 Luglio 2024
Homepadrini & padroniSi scrive Spartani, si legge Alba dorata

Si scrive Spartani, si legge Alba dorata

Chi sono i neonazisti di un partito misconosciuto giunti quinti alle elezioni politiche in Grecia, conquistando dodici seggi [François Bougon e Ludovic Lamant]

Il primo ministro greco uscente, il conservatore Kyriákos Mitsotákis, ha dominato le elezioni legislative tenutesi in Grecia domenica 25 giugno, conquistando la maggioranza assoluta in Parlamento (158 seggi su 300 per Nuova Democrazia).

Ma le elezioni sono state segnate anche da una sorpresa: l’affermazione di un partito di estrema destra finora poco considerato, gli Spartani, che non si era nemmeno presentato alle prime elezioni legislative di quest’anno, lo scorso maggio.

Con il 4,6% dei voti (241.000 voti, 12 seggi), gli Spartani, guidati da Vasilis Stigkas, sono diventati il quinto partito della politica greca. Questo li pone davanti ad altri partiti di estrema destra, tra cui Soluzione greca (filo-russo, 4,4%) e Niki (che significa “vittoria” in greco, 3,7%).

Per capire il rimescolamento dell’estrema destra, Mediapart ha parlato con Dimitris Psarras, saggista nato nel 1953 e autore di una storica inchiesta su Alba dorata, che ha testimoniato al processo di questa organizzazione, condannata definitivamente nel 2020. Per questo analista, il successo degli Spartani segna il ritorno di Alba Dorata in una nuova veste.

Mediapart: È rimasto sorpreso dall’ingresso degli Spartani in Parlamento?

Dimitris Psarras: Può sembrare sorprendente che un partito fondato solo pochi giorni fa sia riuscito a entrare in Parlamento superando la soglia del 3%. Ma sappiamo che, dal 2012, una percentuale significativa di elettori (7%) è pronta a sostenere un partito estremista e violento. Anche nelle elezioni parlamentari del 2015, quando la leadership di Alba Dorata era in carcere, questa organizzazione criminale nazista è riuscita a ottenere il 6,2% dei voti.

Quali sono esattamente i legami tra Spartani e l’ex partito neonazista Alba Dorata?

L’organizzazione Spartans è una copertura per l’organizzazione Hellenes [a cui è stato vietato di partecipare alle elezioni legislative di giugno da una sentenza della Corte Suprema – N.d.T.], che è stata creata da Ilías Kasidiáris quando Alba Dorata si è divisa in tre. Kasidiáris, condannato a tredici anni di carcere nel 2020 come leader di un’organizzazione criminale [Alba Dorata], è riuscito ad aggirare la nuova legislazione del governo Mitsotákis.

Ma almeno nove candidati eletti in parlamento sotto la bandiera degli Spartani erano membri degli Elleni, e quindi strettamente legati a Kasidiáris. Alcuni di loro erano anche membri di Alba Dorata.

Perché l’ex portavoce di Alba Dorata Ilías Kasidiáris è ancora così influente?

Kasidiáris è una “star” dell’estrema destra e la sua incarcerazione non ha messo fine a questo fenomeno. Anzi, è vero il contrario. La natura anti-sistema della sua posizione politica è stata rafforzata. La destra e l’estrema destra si sono rafforzate in modo massiccio, in una misura senza precedenti nella storia recente. Il caso Kasidiáris è l’aspetto più saliente di questa deriva generalmente antidemocratica del nostro Paese.

Se guardiamo ai loro programmi, in cosa si differenziano gli Spartani e il Niki, guidato dal teologo Dimitris Natsios?

Non prendiamoci in giro. Né Spartans né Niki si basano su un programma politico. Nessuno dei loro elettori legge programmi politici. Ma c’è una chiara differenza tra loro. Gli Spartani seguono la politica neonazista in una nuova veste, mentre Niki appare come un difensore della patria, della religione e della famiglia, più popolare negli ambienti religiosi. Naturalmente, ci sono importanti somiglianze su temi come l’immigrazione, il nazionalismo, i diritti delle donne e i diritti LGBTQI+.

Ci sono informazioni sul profilo sociologico dell’elettorato spartano?

Non abbiamo ancora un quadro chiaro. Sappiamo che i suoi sostenitori sono soprattutto uomini. Purtroppo, questo partito trova molto sostegno anche tra i giovani. I punteggi più alti si registrano nelle province dove l’estrema destra è sempre stata forte: Peloponneso [penisola meridionale] e Macedonia [nel nord del Paese].

Le alleanze tra la destra tradizionale e l’estrema destra sono in aumento in Europa in questi giorni. È uno scenario possibile anche in Grecia? Che ne è del cordone sanitario nei confronti dell’estrema destra nel Parlamento greco?

Purtroppo stiamo iniziando ad assomigliare all’Europa nel suo aspetto peggiore! Per quanto riguarda il cordone sanitario, purtroppo in Grecia non è mai esistito. Anche quando Alba dorata era apertamente violenta, il sistema politico ha chiuso un occhio. I risultati di questa strategia sono l’opposto di quanto ci si aspettava. È quanto sta accadendo oggi con la vicenda di Kasidiáris e i tardivi tentativi di escluderlo dal Parlamento. Nel governo Mitsotákis, membri di spicco dell’ex partito di estrema destra LAOS [acronimo di “Allarme Popolare Ortodosso” e parola greca per “popolo”] occupano posizioni di rilievo. Il ministro che si è impegnato a escludere Kasidiáris non è altri che Mákis Vorídis, ex capo del Fronte Ellenico – una copia del Fronte Nazionale francese – che ha avuto una relazione personale con Jean-Marie Le Pen.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina