35 C
Rome
lunedì 15 Luglio 2024
35 C
Rome
lunedì 15 Luglio 2024
Homepadrini & padroniSiamo ancora lontani dalla giustizia per Donald Trump

Siamo ancora lontani dalla giustizia per Donald Trump

Viviamo in un’epoca di squilibrio e di derisione, e Trump è un sintomo, non la causa, ma di certo sta peggiorando le cose [Joan Walsh]

L’ex presidente in disgrazia Donald Trump ha detto ai sostenitori in una e-mail di raccolta fondi mercoledì mattina che “potrei passare 561 anni in prigione” come risultato di quella che definisce “la caccia alle streghe della sinistra” contro di lui. Se così fosse.

Viviamo in un’epoca di squilibrio e di derisione, e Trump è un sintomo, non la causa, ma di certo sta peggiorando le cose. Ecco perché mi è difficile esultare per le quattro incriminazioni di Trump, finalmente, relative al suo ruolo nell’insurrezione del 6 gennaio. Anche se Trump si presenterà giovedì pomeriggio per la sua incredibile terza udienza penale, questa volta a Washington, non sto preparando lo champagne.

Per ragioni difendibili, il consigliere speciale Jack Smith ha preso due decisioni particolarmente degne di nota in quest’ultima incriminazione. Sebbene i capi d’accusa di Trump menzionino sei cospiratori, Smith non li ha nominati né accusati, e non c’è un’accusa specifica contro Trump per aver incitato all’insurrezione violenta. Questo è un punto dolente. Ma entrambe le mosse permetteranno a Smith di procedere più rapidamente alla risoluzione del caso, poiché l’istigazione all’insurrezione è difficile da provare in modo definitivo e la presenza di più coimputati rallenterebbe il processo, come abbiamo visto nelle accuse di Smith contro Trump e i suoi scagnozzi Walt Nauta e Carlos De Oliviera per i documenti riservati. Inoltre è ancora possibile che uno di questi cospiratori – identificati come Rudy Giuliani, John Eastman, Sidney Powell, Jeffrey Clark e Kenneth Cheesebro, oltre a un non meglio precisato “consulente politico” – potrebbe cambiare e diventare un testimone collaborativo.

Le accuse del 6 gennaio sono di gran lunga le più importanti tra quelle rivolte a Trump, superando persino lo spionaggio, in quanto ha messo in pericolo la democrazia lavorando ossessivamente per ribaltare le scelte degli elettori, culminate nella violenza. Se alcune di queste nuove accuse sembrano inopportune, è perché conosciamo quasi tutti i dettagli di questo atto d’accusa da mesi, persino da anni. I non avvocati ragionevolmente informati che leggono l’atto d’accusa possono identificare i cospiratori per nome, perché le affermazioni oltraggiose che Smith cita nell’atto d’accusa – sappiamo tutti che è stato Rudy Giuliani a dire allo speaker della Camera dell’Arizona che “non abbiamo le prove, ma abbiamo molte teorie”, per esempio – sono ben note a chi segue le accuse contro Trump. (A dire il vero, però, non sapevo che Giuliani avesse accusato due operatrici elettorali di Atlanta, Shaye Moss e Ruby Freeman, di aver fatto circolare USB contenenti voti sospetti come se fossero “fiale di eroina o cocaina”. Bel modo di insultare una madre e una figlia nere rispettose della legge, Rudy).

Tuttavia, c’è già motivo di temere che le decisioni di Smith non siano in grado di spianare la strada a un processo prima delle elezioni del 2024 – e scordatevi che avvenga prima della convention repubblicana di luglio. L’avvocato di Trump John Lauro ha già suggerito di spostare il processo in West Virginia e di rinviarlo a dopo le elezioni. È improbabile che questi desideri vengano esauditi, ma il team di Trump userà ogni mezzo necessario per ritardare la giustizia. Trump è già imputato in tre processi penali, potrebbe affrontarne un altro nella contea di Fulton, in Gaza, e tornerà in tribunale per il caso di diffamazione di E. Jean Carroll in un prossimo futuro. Anche a prescindere dalle responsabilità della sua campagna elettorale, si tratta di un sacco di grattacapi legali in competizione tra loro.

La difesa di Trump è già chiara: l’ha fatta franca mentendo per così tanto tempo – per tutta la sua presidenza, per il suo impero commerciale basato sulla frode, per tutta la sua miserabile vita – che sembra ingiusto, almeno per i suoi sostenitori, chiedergli di riconoscere la verità adesso. “Crede ancora che le elezioni siano state rubate, e ha buone ragioni per crederlo”, ha affermato l’avvocato Alina Habba su Fox. Lauro si è spinto oltre: “Vorrei che cercassero di dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio che Donald Trump credeva che queste accuse fossero false”. Naturalmente, Smith non deve dimostrare nulla di tutto ciò: non posso farla franca per aver rapinato una banca affermando che credevo che la banca stesse trattenendo ingiustamente i miei soldi.

A proposito di Fox, poche ore dopo le nuove accuse di martedì sera, invece di evitare l’ex presidente due volte imputato e accusato di reati penali, gli ipocriti e truffaldini che dirigono il network hanno cenato con lui, secondo il New York Times. A quanto pare, stavano cercando di convincere Trump a partecipare a due dibattiti delle primarie presidenziali repubblicane sponsorizzate dalla Fox quest’estate. Altri leader repubblicani si sono comportati in modo altrettanto vergognoso: Il governatore della Florida Ron DeSantis, un tempo additato come il rivale più duro di Trump, ha difeso l’uomo che vuole sconfiggere, insistendo sul fatto che non può avere un processo equo e facendo eco alla richiesta di Lauro di cambiare sede.

“Washington D.C. è una ‘palude’ ed è ingiusto dover affrontare un processo davanti a una giuria che riflette la mentalità della palude”, ha scritto DeSantis su Twitter. “Uno dei motivi per cui il nostro Paese è in declino è la politicizzazione dello Stato di diritto. Non ci sono più scuse: metterò fine all’armamentario del governo federale”.

Come pensa di sconfiggere Trump se non può nemmeno criticarlo per aver cercato di rovesciare la democrazia? Almeno l’ex vicepresidente Mike Pence ha potuto denunciare inequivocabilmente il suo ex capo. “Chiunque metta se stesso al di sopra della Costituzione non dovrebbe mai essere presidente degli Stati Uniti”, ha twittato. Anche se c’è sempre una precisazione: “Speravo non si arrivasse a questo”.

I repubblicani non sembrano voler schiacciare Trump, e le devastanti accuse di Smith difficilmente lo condanneranno prima delle elezioni del 2024. Ma questo non significa che non avranno un impatto. A parte la “Bidenomics”, e io sono un fan della gestione dell’economia da parte del presidente, credo che la serie di accuse schiaccianti di Smith e il continuo dispiegarsi delle prove serviranno a rendere Trump la questione centrale nel 2024, e non credo che piacerà agli elettori di tutto il mondo più di quanto sia piaciuto nel 2020.

Ma non provo l’euforia che mi aspettavo una volta, anticipando queste devastanti accuse del 6 gennaio contro Trump. Dovremo ancora fare il lavoro pesante l’anno prossimo e coltivare i nostri sogni di Trump in prigione ancora per un po’. Come nota Elie Mystal, se Trump perde le elezioni, andrà in prigione: Le prove di Smith contro di lui sono così forti. Che questo rafforzi la nostra determinazione a fare tutto il possibile perché ciò accada.

Joan Walsh, corrispondente per gli affari nazionali di The Nation, è coproduttrice di The Sit-In: Harry Belafonte Hosts The Tonight Show e autrice di What’s the Matter With White People? Finding Our Way in the Next America.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina

Gaza, questa guerra è contro i bambini, ormai si sa

Dalla nostra inviata a Gerusalemme