19.5 C
Rome
martedì 28 Maggio 2024
19.5 C
Rome
martedì 28 Maggio 2024
HomemondiPrimarie in Argentina: la pista anarco-capitalista

Primarie in Argentina: la pista anarco-capitalista

Imprevista affermazione del peggior candidato in circolazione (30,2%) che supera peronisti (27,1%) e destre (28,3%). Presidenziali il 22 ottobre

I sondaggisti sono stati colti di sorpresa: non hanno previsto il successo di Javier Milei nelle PASO (Primarias, Abiertas, Simultáneas y Obligatorias), dal 2009 le uniche primarie al mondo organizzate e riconosciute da uno stato. Con un imprevisto 30% si è affermato il candidato dell’estrema destra neoliberista, “anarcocapitalista”, ammiratore di Trump e Bolsonaro, leader del minuscolo Partido Libertario a cui s’è aggiunta all’ultimo momento la LLA, La Libertad Avanza. Le elezioni generali sono calendarizzate per il 22 ottobre.

Il commento più sorprendente arriva da Hollywood con un post di Alec Baldwin ha pubblicato su Instagram, un collage in cui ha paragonato Milei al serial killer Rex A. Heuermann, accusato di almeno 10 omicidi. Si tratta dell’autoproclamato “architetto della New York migliore”, arrestato giovedì 13 luglio.

Tornando ai sondaggi: non è un rompicapo da specialisti, la comprensione di questo passaggio è decisiva per contrastare l’onda nera in SudAmerica, qui da noi e nel Norte, negli States.

Gli analisti lo ripetevano da giorni che metà delle persone interpellate si rifiutavano di rispondere ai sondaggi. Questo ha creato una zona oscura e indecifrabile. Venerdì scorso, quando i sondaggi non potevano più essere pubblicati, Javier Milei aveva ottenuto tra il 25 e il 27% dei voti. Senza fornire i dati, Página/12, il quotidiano di sinistra kirchnerista, ha riportato l’esistenza di questa crescita domenica scorsa. Quasi tutte le 24 agenzie specializzate si è resa conto dell’esistenza di un voto nascosto, ma ha ritenuto che potesse andare più alla candidata di Juntos por el Cambio Patricia Bullrich che a Milei. Entrambi sono raccoglitori di un voto piuttosto aggressivo che i cittadini benpensanti (la spina dorsale di molte postdemocrazie più o meno fascistoidi) potrebbero ritenere inconfessabile. Capitò qualcosa di simile qui da noi al tempo del primo Berlusconi.

Questo indica che non c’è stato un errore tecnico, ma piuttosto due ipotesi: c’è stato un voto nascosto per Milei e non è stato possibile individuarlo oppure il forte aumento è avvenuto nell’ultima settimana durante una campagna funestata dalla violenza poliziesca con l’omicidio, giovedì scorso, di un giornalista militante, a margine di una piccola quanto inerme manifestazione astensionista all’Obelisco di Buenos Aires convocata da alcuni gruppi dell’estrema sinistra.

Si chiamava Facundo Molares Schoenfeld, era nato nel 1975, figlio di un attivista sindacale dell’ospedale di Ciudadela. Cresce in Patagonia e inizia la sua militanza contro le politiche del menemismo e poi nelle caceroladas del 2001. Poco dopo è partito per un tour dell’America Latina, ispirato alla figura di Che Guevara. Ha attraversato Paraguay, Bolivia, Perù ed Ecuador prima di arrivare in Colombia dove nel 2003 s’è unito alle FARC. Critico nei confronti dell’accordo di pace, se ne è andato nel 2018. Nel 2019 era in Bolivia per coprire il colpo di Stato contro il presidente Evo Morales. Gli hanno sparato tre volte. Ha trascorso 23 giorni in coma indotto. Gli sono rimasti i postumi: problemi cardiaci e la perdita quasi totale della vista dall’occhio destro. Fu detenuto per 13 mesi, tornato in Argentina nel novembre 2021 è stato arrestato in Patagonia e trasferito nel carcere di Ezeiza per affrontare il procedimento di estradizione in Colombia. È stato rilasciato nel maggio 2022, dopo che la Giurisdizione speciale per la pace della Colombia ha respinto una richiesta di estradizione. Dopo il suo rilascio è tornato a lavorare nella “comunicacion popular”, noi diremmo controinformazione. La polizia municipale di Buenos Aires, schiacciandolo a terra con ferocia, ha fatto il lavoro sporco che volevano fare i colleghi colombiani e boliviani.

Il giorno prima, c’era stata la morte di Morena Domínguez, una ragazzina di 11 anni, in seguito alla rapina di due “motochorros”, rapinatori che agiscono con le moto.

La morte di Morena e Facundo e le proteste seguite, potrebbero giocato un ruolo nei comportamenti elettorali così come l’aumento del dólar blue, il cambio parallelo e illegale dal valore circa il 30% superiore rispetto a quello ufficiale.

Forse il problema maggiore è che i sondaggi non hanno colto appieno l’enorme rabbia per la situazione economica e sociale. Sembra evidente che molti cittadini non giustificano la situazione attuale, non accettano del tutto l’argomento della pandemia o della guerra o della siccità o del debito contratto da Mauricio Macri. Ciò che è apparso in tutti i sondaggi è il desiderio di cambiamento, cioè la critica al partito al potere e il desiderio che altri governino.

Su una cosa i sondaggisti sono stati unanimi: l’affluenza alle urne si sarebbe aggirata intorno al 70%, rispetto al 75% del PASO nelle due precedenti elezioni presidenziali, 2015 e 2019. Nelle elezioni generali di quegli anni aveva votato l’80% degli elettori.

Domenica ha votato il 69,62%, 23,8 milioni di cittadini. Se l’80% votasse a ottobre, sarebbero 4 milioni di voti in più. Un’enormità. In ogni caso, come minimo, a ottobre ci saranno 3 milioni di voti in più. Una bella cifra. E gli analisti insistono sul fatto che si tratta di elettori giovani e umili, con una storia di voto per il peronismo. «È qui che il partito al governo ha una possibilità», conclude Raúl Kollmann su Página/12

Nel dettaglio Maui ha riportato il 30,2% seguito dall’alleanza di opposizione di destra Juntos por el Cambio con il 28,3% (la sua pre-candidata Patricia Bullrich ha ottenuto il 17% e Horacio Rodríguez Larreta l’11,3%), e dall’Unión por la Patria (il nuovo nome della coalizione peronista) al governo con il 27,1% (il candidato Sergio Massa con il 21,3% e Juan Grabois, 5,8%).

«Lo scioccante risultato elettorale genera importanti dibattiti. Ritengo fondamentale considerare almeno dieci questioni», è l’attacco di un commento di su Página/12 firmato da Alejadro Grimson e che pubblichiamo integralmente anche perché riguarda ogni latitudine interessata dall’irruzione delle destre sulla scena politica.

Logo Página 12

1) La crescita esponenziale dell’estrema destra è un fenomeno globale iniziato nel 2015 e 2016 con i trionfi di Trump e Bolsonaro. Boric e Petro hanno vinto i loro ballottaggi contro candidati dello stesso tipo e queste forze fanno parte di tutti i parlamenti europei. È in corso una nuova fase storica, di grande instabilità economica e politica e di rafforzamento delle forze di estrema destra.

2) A livello globale, questa destra radicalizzata si è manifestata in due modi. O con l’emergere di nuove forze, come Vox, o con la radicalizzazione dei partiti tradizionali, come negli Stati Uniti. In Argentina si stanno verificando entrambe le cose contemporaneamente. Queste destre hanno programmi economici diversi nel mondo e non rientrano tutte facilmente negli stereotipi della vecchia estrema destra.

3) Nel caso argentino si tratta di neo-liberali in sovraccarico. Hanno candidati legati alla dittatura e altri che hanno fatto parte della vita democratica per decenni. Nel profondo sono xenofobi, la stragrande maggioranza è contraria ai diritti delle donne e alla diversità, ma sono ambivalenti perché non la pensano tutti allo stesso modo e anche perché per ora non è questo che funziona nella società. Ciò che funziona è inventare una via d’uscita presumibilmente semplice da una crisi economica già insopportabile. La “dollarizzazione”, la “casta” e la promessa di repressione e ordine portano a questa performance elettorale.

4) Il fatto che i candidati e le loro squadre facciano parte dell’estrema destra non deve essere confuso con gli elettori. Oggi la stragrande maggioranza del voto è anti-status quo, anti-establishment e in parte anti-“politici”. Assomiglia al voto di Bolsonaro di cinque anni fa. Al contrario, il voto di Bolsonaro dell’anno scorso aveva già una grande componente ideologica post-fascista. In 4 anni Bolsonaro ha lasciato un quarto della popolazione ideologicamente consolidata. Questo non è ancora successo in Argentina.

5) Le emozioni giocano ovviamente un ruolo importante. Dove l’estrema destra è in crescita, ci sono sentimenti di rabbia, stanchezza, frustrazione, rabbia. Questo non significa che si tratti di un voto “emotivo” rispetto a un voto “razionale”. Non c’è politica senza emozioni. I peronisti lo sanno bene, perché “cris pasión” e perché “il peronismo è un sentimento”.

6) Questa crescita globale è avvenuta dopo la crisi economica dei Leman Brothers, con le frustrazioni in molti Paesi per il mancato mantenimento delle certezze dello Stato sociale da parte dei partiti tradizionali, con la crisi pandemica e l’inflazione degli anni successivi. Una crescita esponenziale della disuguaglianza.

7) In Argentina, il fenomeno è arrivato forse più tardi a causa della rilevanza storica del Patto Nunca Más e del rifiuto della violenza politica. Ma allo stesso tempo la crisi strutturale, figlia del debito e ora della siccità, è più grave che in altri Paesi.

8) Un candidato può salire o scendere nelle intenzioni di voto da una settimana all’altra. Ma nell’attuale fase politica l’estrema destra è arrivata in Argentina e in America Latina per far parte del paesaggio e delle dispute politiche centrali. Se c’è una cosa che caratterizza l’estrema destra è che infrange le regole formali della politica (ad esempio, invadendo il Campidoglio, inventando brogli in caso di sconfitta) ma anche quelle informali in molte forme di comportamento, tra cui la violenza verbale o la diffusione incessante di fake news. Finora non sono riusciti ad abolire le regole minime della democrazia liberale, che hanno avuto implicazioni rilevanti in Brasile e negli Stati Uniti.

9) Le forze del campo popolare devono fare i conti con le loro difficoltà e i loro errori per immedesimarsi nella sofferenza di gran parte del popolo. E per poter riorientare il proprio orientamento, se necessario.

10) Di fronte a questa nuova fase politica, il campo popolare deve essere più organizzato e unito che mai. Con un programma economico e sociale che costruisca un orizzonte chiaro e forte per le grandi maggioranze popolari. E deve essere disposto, come Lula e il PT, a costruire alleanze molto ampie per difendere la vita, la pace e i diritti fondamentali del popolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Putin non si è mai impegnato a “denazificare” la Russia

Al di là della retorica putiniana l'estrema destra russa non è preoccupata, almeno finché serve al governo [Nicolas Lebourg]

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]