28.1 C
Rome
martedì 16 Aprile 2024
28.1 C
Rome
martedì 16 Aprile 2024
Homepadrini & padroniUcraina, corruzione e tangenti nell'esercito

Ucraina, corruzione e tangenti nell’esercito

Zelensky ha licenziato tutti i capi dei centri di reclutamento a fronte delle crescenti critiche sul modo in cui l’esercito opera [Clara Marchaud]

Kyiv (Ukraine).– « À la guerre comme à la guerre».  L’espressione non poteva essere più rappresentativa dei primi mesi dell’invasione russa dell’Ucraina, quando le truppe erano alle porte di Kiev e le bombe piovevano su tutto il Paese. Il 24 febbraio dovevamo organizzarci in fretta, anche a costo di distribuire armi per strada alle decine di migliaia di uomini e donne che si affollavano intorno agli uffici di reclutamento militare.

Un anno e mezzo dopo, i candidati sono meno numerosi. “Quelli che volevano combattere sono già in prima linea”, dice Yuri, un ufficiale il cui nome di battesimo è stato cambiato perché non gli è permesso di parlare. L’estenuante controffensiva lanciata all’inizio di giugno dall’Ucraina per liberare i territori occupati ha provocato molti morti e feriti. Le cifre sono tenute segrete dallo Stato Maggiore ucraino per evitare di trasmettere le perdite al nemico.

Sul fronte, la controffensiva stava vacillando. Di fronte alle linee difensive che i russi hanno costruito per mesi, il 16 agosto le truppe ucraine hanno ottenuto alcuni guadagni a est e a sud. A est, la battaglia per Bakhmut continua a infuriare. La linea del fronte si sta stabilizzando da diversi mesi, permettendo all’esercito ucraino di prendere il comando della battaglia per Bakhmut.

La linea del fronte si è stabilizzata per alcuni mesi, consentendo alla società ucraina e al comando di riflettere sull’organizzazione di questo nuovo esercito, che si dice abbia fino a 1,5 milioni di soldati.

Sullo sfondo, molti attivisti e soldati cominciano a mettere in discussione il funzionamento opaco e talvolta arbitrario di questa istituzione. Già a gennaio, un caso di appropriazione indebita di fondi destinati al vitto dei soldati aveva scosso il Ministero della Difesa. Diversi funzionari sono stati licenziati.

Di fronte alle accuse di corruzione, Volodymyr Zelensky sta cercando di rassicurare l’opinione pubblica. Venerdì 11 agosto, l’ex comico ha annunciato il licenziamento di tutti i capi regionali degli uffici di reclutamento, che sono stati sostituiti da soldati feriti che non possono più combattere.

“Il sistema dovrebbe essere gestito da persone che sanno cos’è la guerra e che sanno che il cinismo e la corruzione durante la guerra sono un alto tradimento”, ha dichiarato il Presidente ucraino. Sono stati aperti quasi 112 procedimenti penali contro 33 sospetti nei centri di reclutamento.

5.000 dollari per sfuggire alla leva

Per mesi, decine di casi di corruzione per evitare il servizio sono stati riportati dalla stampa ucraina e dalle procure locali. A Odessa, il capo dell’ufficio regionale, Yevhen Borisov, è perseguito per arricchimento illegale e abbandono del posto. Rischia fino a dieci anni di carcere. Nel dicembre 2022, avrebbe acquistato una villa in Spagna per 4,4 milioni di euro, ben oltre il suo reddito dichiarato.

Secondo le indagini, il soldato prendeva fino a 5.000 euro a testa in cambio di certificati medici falsi di esenzione dal servizio. Le persone possono essere esentate dal servizio per motivi di salute, se hanno tre figli o se stanno aiutando un parente disabile. Le condizioni sono state inasprite a giugno e ora è necessario dimostrare di essere l’unico parente che si prende cura della persona.

“La decisione di Zelensky sul reclutamento arriva troppo tardi. È una decisione populista presa in fretta per compiacere l’opinione pubblica”, ha dichiarato Vladislav a Mediapart. Questo soldato, il cui nome di battesimo è stato cambiato, ha lavorato per diversi mesi in un centro di reclutamento nell’ovest del Paese dopo essere stato per mesi nel Donbass.

“Tutti sanno che c’è corruzione. Nel 1997, quando ho fatto il servizio militare, questi centri si occupavano già del reclutamento. L’unica differenza era che allora per uscire dall’esercito bisognava pagare 100 dollari. Oggi sono 5.000″, dice il soldato.

Secondo lui, migliaia di persone potrebbero usufruirne. Le famiglie danno milioni di euro in bustarelle, che potrebbero essere utilizzate nell’esercito”, dice Vladislav. Il problema è che l’intero sistema si basa sul modello sovietico. Le riforme che hanno avuto luogo in Ucraina negli ultimi anni non hanno avuto successo. Le riforme che hanno avuto luogo in Ucraina negli ultimi anni sono state frammentarie e non hanno risolto il problema della corruzione sistemica”.

Nel 2014, al momento dell’annessione della Crimea e dell’inizio della guerra nel Donbass, l’esercito ucraino, ormai in decadenza, faceva affidamento sulle istituzioni esistenti ereditate dall’URSS. Mentre sono state apportate diverse modifiche alla struttura stessa dell’esercito per conformarsi ai requisiti della NATO, la questione del reclutamento è sfuggita alla rete.

“La società non si fida di questi commissariati militari”, aggiunge Yuri, che lavora nel comando dopo diversi mesi in prima linea. Egli sottolinea i problemi di risorse umane dell’esercito. “I bravi combattenti vanno direttamente alle unità che interessano loro e alcuni servizi si ritrovano con persone fisicamente inadatte”. Diversi media hanno denunciato la violenza nei centri di reclutamento, in particolare in quello di Odessa, dove gli uomini sono stati prelevati dalla strada e portati con la forza all’ufficio militare, il che è illegale.

Legge favorevole ai militari

“Non c’è una soluzione valida, perché anche se cambiano i capi a livello regionale, i capi a livello locale che devono riempire le quote sono ancora lì”, spiega un avvocato che aiuta i soldati a difendere i loro diritti, parlando a condizione di anonimato. “Queste persone sono lì da decenni, sono nei ranghi Sappiamo bene che se vengono mandati al fronte, saranno nelle retrovie. Ma in ogni caso, è un bene che i veterani feriti prendano il loro posto. Prenderanno decisioni migliori. Come tutte le persone intervistate, l’avvocato ha sottolineato la difficoltà di fare riforme in un momento in cui il Paese sta affrontando sul proprio territorio il conflitto più intenso in Europa dalla Seconda guerra mondiale.

“Non è l’esercito ad essere criticato, ma i metodi sovietici, e alcune strutture sono ancora essenzialmente sovietiche”, afferma l’avvocato. Ad esempio, negli ultimi mesi sono state criticate le commissioni mediche che dichiarano i candidati idonei al servizio dopo il reclutamento, o i soldati idonei al servizio dopo un infortunio.

Nella regione di Odessa, un uomo di 29 anni che viveva con una disabilità fin dall’infanzia è morto per un attacco epilettico un giorno dopo essere stato reclutato. La commissione medica lo aveva dichiarato idoneo al servizio. Secondo la madre, la visita è durata meno di 20 minuti. È stata aperta un’indagine per omicidio.

Oltre alla lotta alla corruzione, alla fine di giugno il presidente ucraino ha introdotto una legge favorevole ai militari, con aumenti di stipendio. D’ora in poi, i soldati che combattono nei punti più caldi del fronte saranno pagati tra i 700 e i 2.500 euro al mese. Le ferie annuali passeranno da 10 a 30 giorni all’anno, con ulteriori 10 giorni di ferie disponibili per motivi personali.

Questa legge ha anche introdotto un addestramento obbligatorio di un mese per le nuove reclute prima di essere inviate al fronte. Queste nuove disposizioni preparavano un po’ di più la società ad affrontare una lunga guerra.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati