24.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
24.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
Homepadrini & padroniLa morte di Prigozhin: il ballo degli ipocriti e dei complottisti

La morte di Prigozhin: il ballo degli ipocriti e dei complottisti

La morte del capo di Wagner. Furia social dei suoi sostenitori, il lungo silenzio di Putin, la gioia carnivora di un potere che divora i suoi [Antoine Perraud]

La morte di Yevgeny Prigozhin, 62 anni, figura emblematica del gruppo paramilitare Wagner, avvenuta mercoledì 23 agosto, quando il suo aereo privato (un Embraer Legacy 600) si è schiantato al suolo mentre decollava da Mosca diretto a San Pietroburgo, ha suscitato le reazioni più disparate, mentre il Cremlino è rimasto a lungo in silenzio e i media russi al soldo delle autorità hanno coperto l’evento nel modo più sommario possibile.

L’evento, sconcertante e atteso, è stato ufficialmente presentato come un incidente. Lo schianto ha ucciso dieci persone: tre membri dell’equipaggio e sette passeggeri, tra cui la cerchia ristretta di Prigozhin, guidata dal neonazista Dmitri Outkin, il perno di Wagner.

La sera della tragedia, la Federazione Russa ha aperto un’inchiesta per “violazione delle norme di sicurezza del trasporto aereo”. La commissione incaricata di fare luce sulla vicenda ha spiegato che sta prendendo in considerazione “tutte le versioni possibili”, privilegiando solo l’errore del pilota o un guasto tecnico.

Secondo l’agenzia Tass, l’aereo ha preso fuoco quando ha toccato terra. Tuttavia, la disgrazia aerea è stata ripresa da diverse angolazioni, in particolare dai telefoni cellulari. Di conseguenza, l’aereo si è spezzato in volo prima di cadere come un sasso.

I residenti della regione di Tver, dove si è verificata la tragedia, hanno sentito due boati, seguiti da due scie di vapore prima dello schianto finale. Questo secondo il canale Telegram “Zona grigia”, legato al gruppo Wagner, che accusa le difese aeree di aver abbattuto l’aereo.

Secondo altre fonti, uno o due ordigni esplosivi collocati nell’aereo potrebbero aver causato il disastro dopo meno di mezz’ora di volo.

Yevgeny Prigozhin è apparso in Africa in un video lunedì 21 agosto. In passato aveva dimostrato di avere il dono dell’ubiquità, interpretando il ruolo di trasformista come Fregoli – le perquisizioni effettuate dopo l’ammutinamento nella sua casa di Pietroburgo hanno portato alla luce la sua collezione di parrucche e foto del boss Wagner irriconoscibile in varie vesti.

Di conseguenza, e dato che un secondo aereo dello stesso equipaggio era decollato da Mosca oltre a quello precipitato, sui social network si sono levate voci per affermare che la sua morte era un’esca e che la sfinge marziale e brutale sarebbe risorta dalle sue ceneri.

Yevgeny Prigozhin era già stato dato per morto nel 2019, dopo lo schianto di un Antonov nella Repubblica Popolare del Congo, prima di riapparire illeso tre giorni dopo…

Oltre alle più inverosimili teorie del complotto, stanno emergendo due spiegazioni per la criminale eliminazione dell’ammutinato che ha umiliato Vladimir Putin marciando su Mosca il 23 giugno prima di ritirarsi subito.

La prima, che spazia dalle perfide allusioni del presidente Joe Biden alla mentalità pubblica russa, a una schiera di esperti o sedicenti tali in tutto il mondo, attribuisce la colpa dell’evento a una spietata rappresaglia del padrone del Cremlino, giunta appena due mesi dopo la sedizione di Prigozhin: la vendetta è un piatto che va servito tiepido.

La seconda spiegazione, basata sulla festività ucraina del 24 agosto, attribuisce il crimine a Kiev. Oltre a messaggi in tal senso sui social network in generale e sui canali Telegram in particolare, questa versione è stata diffusa dalla BBC (“Today”, programma mattutino di punta di Radio 4) da Sergei Markov, ex stretto consigliere del Presidente Putin che rimane molto vicino alle posizioni del suo maestro: “Un atto terroristico ucraino contro un eroe russo”.

Questo controfuoco ha spinto il presidente ucraino Zelensky a chiarire in una conferenza stampa giovedì 24 agosto che il suo Paese non ha assolutamente nulla a che fare con la vicenda, ma ha aggiunto, passando il termine: “Tutti sanno chi ha a che fare con questa vicenda”.

“Come nei film”

Per il politologo russo Alexander Baunov, ex diplomatico affiliato al Centro Carnegie di Mosca, “uno dei modi di punire in una dittatura è quello di abbracciare il nemico o il traditore prima di distruggerlo. Gli si fa credere che è stato perdonato, che ora è tempo di pace, e poi gli si spara, di sorpresa, a volte mentre escono da una torta, come nei film…”. Il giornalista Paul Gogo ha sviluppato un’analisi simile su Twitter.

Se l’eliminazione di Prigozhin è stata davvero opera sporca del Cremlino, o almeno del suo braccio armato, l’FSB, secondo i servizi segreti britannici, spesso ben informati, e questo in virtù di un codice dello Stato mafioso che è la Russia del presidente Putin, rimane una domanda: questa eliminazione è un segno della forza o della debolezza del potere e del suo vertice?

Nell’opacità di un regime poco trasparente e in guerra con il pretesto di un'”operazione speciale” in Ucraina, le epurazioni sono andate avanti a gonfie vele dopo l’ammutinamento dei Wagner del 23 giugno. Il generale Sergei Surovikin, soprannominato “Armageddon” per la sorprendente brutalità dimostrata in Siria, è stato ufficialmente destituito dal suo incarico di comandante in capo delle forze aerospaziali il 23 agosto, poche ore prima dell'”incidente” di Prigozhin.

I controlli e le liquidazioni in corso stanno cementando il regime come ai tempi di Stalin? Oppure segnano la febbre, o addirittura gli ultimi rantoli di un potere che si sta piegando sotto i colpi dell’instabilità che si sta diffondendo nell’esercito prima, forse, di contaminare la società civile?

Il blogger militare russo Roman Saponkov scrive che “l’omicidio di Prigozhin avrà conseguenze catastrofiche. Le persone che hanno dato l’ordine non capiscono lo stato d’animo dell’esercito”. I canali Telegram affiliati a Wagner minacciano una seconda ribellione.

Questi scagnozzi paramilitari, sostenuti da detenuti recuperati dalle carceri, avevano dolorosamente dato alla Russia la sua unica minima vittoria in Ucraina con la cattura di Bakhmut. Questi mercenari, alcuni dei quali basati in Bielorussia, lasceranno il Paese – dove rappresentano una minaccia per Lituania, Polonia e Ucraina? Si rivolteranno contro il Cremlino? Lo serviranno, soprattutto in Africa? O rinunceranno alle armi e si disperderanno?

Joana de Deus Pereira, del centro di ricerca britannico Rusi (Royal United Services Institute), ha dichiarato alla BBC: “Wagner continuerà a vivere, probabilmente con un nome diverso, ma questa organizzazione ha già dimostrato di avere la capacità di adattarsi e cambiare aspetto. Dobbiamo considerarla non come un singolo uomo ma come un ecosistema, un’idra con molte teste e interessi estremamente diversi, in particolare in Africa. I sistemi rimangono mentre i loro leader muoiono. Questa è la lezione della distruzione aerea di Prigozhin. Una simile morale della storia potrebbe valere per Putin stesso? Alla fine della giornata del 24 agosto, nella sua bolla di guerra, il Presidente è andato in televisione a porgere le sue condoglianze alle famiglie delle vittime. Ha promesso che sarà condotta un’indagine “fino in fondo”, che richiederà… “un certo tempo”.

E poi, come una manciata di rose nere su un cadavere disprezzato, ha rilasciato alcune vuote dichiarazioni su Yevgeny Prigozhin, con il quale è stato a lungo coinvolto in una cospirazione criminale: “Era un uomo dal destino complicato”. Nel mondo bellicoso della Russia e di Putin, dove tutto deve apparire implacabilmente semplice, non c’era più posto per un uomo del genere. Questo fino al prossimo…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]