26.7 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024
26.7 C
Rome
giovedì 13 Giugno 2024
Homepadrini & padroniUsa, l'entrismo dei nazi nel GOP, con Trump

Usa, l’entrismo dei nazi nel GOP, con Trump

Sotto copertura per mesi nella nuova Alt-Right: ho scoperto come i nazi si infiltrano nel Partito Repubblicano [Amanda Moore]

Andare a una rivolta dei Proud Boys con un neonazista non è qualcosa che mi sarei mai aspettata di fare. Ma nell’agosto del 2021, mi sono ritrovata a guidare nel centro di Portland, nell’Oregon, con un dichiarato suprematista bianco di nome Alex Nelson. Stavamo andando al parcheggio abbandonato del K-Mart che i Proud Boys avevano requisito per il loro raduno “Summer of Love”. L’evento segnava l’anniversario di un anno della manifestazione “Back the Blue”, che si era trasformata in una rissa tra i Proud Boys e le milizie da una parte e i controprotestanti antifascisti dall’altra.

All’inizio della settimana, Nelson, un uomo di circa 20 anni che amava parlare della sua “eredità anglosassone”, mi aveva invitato a unirmi a lui per assistere a quelli che presumeva sarebbero stati scontri violenti. “Portland ha cancellato tutte le parate e i mercati nell’ultimo anno e mezzo. Questa è l’unica cultura di Portland ora. Probabilmente ci saranno un migliaio di spettatori o più lungo i ponti e i marciapiedi”, mi ha assicurato.

A quel punto, ero sotto copertura con l’estrema destra da nove mesi, motivata dalla mia convinzione che la minaccia fascista al Paese fosse fraintesa da gran parte della stampa e molto più pericolosa di quanto si dicesse. All’inizio avevo pianificato solo di vendere l’audio dei raduni di “Stop the Steal” a un podcast e di scrivere un paio di post sul blog. Ma mi sono ritrovata a voler dare uno sguardo dietro le quinte del movimento di estrema destra, a partecipare a eventi da cui la stampa era bandita e a osservare gli estremisti quando si sentivano nel loro “spazio sicuro”, così il progetto si è trasformato in qualcosa di più grande: un’infiltrazione a lungo termine della rete di giovani nazionalisti bianchi in America.

Mentre giravamo per la città, Nelson ha detto: “Le persone che frequentano quel parcheggio sono anziani della Gen X o boomers molto violenti, scostanti e molto arrabbiati. Non puoi presentarti così, devono conoscerti. E non conoscono nessuno sotto i 35 anni”.

Al contrario, ha aggiunto, ieri sera è stato a una riunione dei Giovani Repubblicani dell’Oregon che era “piena di giovani normali, sani e attraenti”. Mentre ci accostavamo a un semaforo rosso, Nelson mi guardò e sorrise. “Ma nessuna di quelle persone sarà nel parcheggio del K-Mart”.

Le persone di centro e di sinistra tendono ad avere una visione monolitica dell’estrema destra. In realtà, si tratta di un ecosistema esteso che comprende neonazisti, nazionalisti cristiani, teorici della cospirazione, milizie antigovernative e nazionalisti bianchi. Questi gruppi hanno alcune convinzioni in conflitto, ma sono generalmente disposti a ignorare le loro differenze. Tuttavia, non tutti i gruppi utilizzano le stesse tattiche per cercare di ottenere il potere.

Ho partecipato a più di una dozzina di eventi dedicati agli estremisti e alle cospirazioni e ho partecipato a conferenze repubblicane apparentemente mainstream, tra cui la Conservative Political Action Conference, o CPAC, il raduno annuale dei Republican activists, politicians, and hopefuls, e del Turning Point USA’s Student Action Summit, e sono stata testimone di un movimento giovanile radicale che cerca di impadronirsi del GOP. Come un pesce pilota parassita, una robusta comunità fascista segue i grandi eventi repubblicani in ogni città. Ospitano feste ombra, ricevimenti e discorsi per reclutare nuovi membri. L’establishment conservatore trae vantaggio dalla presenza di questi raduni di estrema destra; gli estremisti sono spesso più giovani, ben vestiti e esperti di social media. Anche se le organizzazioni più mainstream del GOP di tanto in tanto bandiscono i razzisti più evidenti da un evento, i loro tentativi sono spesso vani e ci sono sempre altri estremisti che si fanno avanti e ricoprono il ruolo di intermediari tra i nazionalisti bianchi e i conservatori normodotati.

Alcuni dei neonazisti e dei fascisti che ho incontrato sotto copertura nel 2020 lavorano come addetti alle campagne elettorali del Congresso e aiutano a costituire i caucus congressuali. Si incontrano con i leader dei partiti politici di estrema destra in Italia e in Ungheria. Sono leader delle organizzazioni locali dei Giovani Repubblicani. Hanno accesso ai funzionari eletti del GOP a livello nazionale e locale.

Nonostante questa crescente influenza, pochi di loro o le loro vere convinzioni sono noti al pubblico. Alcuni hanno lavorato duramente per cancellarsi da Internet o per curare le loro personalità online; altri operano nell’ombra, in modo che le persone non sappiano nemmeno come cercarli. Ma fanno rete tra loro, chiedendo favori e presentazioni. Hanno creato un labirinto sociale che è quasi impossibile da rintracciare, a meno che non sia invitato a diventare uno di loro.

A soli 29 anni, Gavin Wax, presidente del Young Republican Club di New York, lavora già da anni per spingere il Partito Repubblicano a destra e incoraggiare coloro che si collocano all’estrema destra a entrare nelle organizzazioni tradizionali del GOP. Nel 2016, Wax è stato editore di Liberty Conservative, una rivista “libertaria” online. Accanto a pezzi gradevoli su candidati e politiche libertarie, Wax ha pubblicato opere razziste del nazionalista bianco James Allsup. Alla fine, la rivista si è spostata così a destra che molti collaboratori hanno abbandonato. Dal 2019, quando è stato eletto presidente del club, Wax ha guidato un’acquisizione in stile MAGA (Make America Great Again) del NYYRC, precedentemente moderato. È stato anche portavoce nazionale dei Republicans for National Renewal, un’organizzazione la cui missione è quella di infiltrare nel GOP “conservatori di base” e “patrioti senza riserve dell’America First”.

Nel 2021, Turning Point USA ha nominato Wax ambasciatore. Il programma di ambasciatori di TPUSA è essenzialmente un accordo per condividere i contenuti dell’organizzazione, beneficiando al contempo del pubblico di TPUSA.

Poco dopo aver aderito al programma TPUSA, Wax è apparso in un podcast di estrema destra chiamato Killstream. Durante l’intervista, ora cancellata, il conduttore, Ethan Ralph, ha tirato in ballo il ruolo di ambasciatore di Wax, cosa che in genere sarebbe stata derisa dal pubblico di Killstream perché troppo mainstream. “Sono sicuramente un po’ ai margini della loro posizione ideologica”, ha ammesso Wax. “Il mio punto di vista è che dovremmo usare ogni istituzione possibile a nostro vantaggio. Se dovete spostare la finestra di Overton, spostatela a destra, prendetela dall’interno…. Se riusciranno ad elevare il mio messaggio e la mia piattaforma, allora per me siamo a posto”.

Alcuni esponenti dell’estrema destra deridono il fondatore del TPUSA Charlie Kirk per non essersi spostato abbastanza a destra, ma Wax ha detto a Ralph di non essere d’accordo. “Se cambieranno tono, se la gente inizierà ad accettare il nostro movimento – o, non so nemmeno se posso dire “il nostro movimento”, ma si sposterà a destra – allora prendete la W”.

Lavorare dall’interno del sistema non è una strategia esclusiva di Wax, che non ha risposto alle mie richieste di intervista. Le tattiche di Wax sono diventate un modello per la conquista del potere. Sempre più spesso, i giovani attivisti di estrema destra appaiono abbastanza ragionevoli da essere lasciati entrare e, una volta dentro l’establishment, reclutano persone nel movimento. L’ex collega di Wax, James Allsup, ha fatto bene. Dopo che Allsup è diventato responsabile del comitato di circoscrizione del GOP nello Stato di Washington, un neonazista ha detto in un podcast: “Non possiamo essere tutti Andrew Anglin [il fondatore dell’outlet neonazista The Daily Stormer], ma 10.000 di noi possono essere James Allsup”.

L’estrema destra è un mondo estenuante e rabbioso in cui vivere, ma io lo conosco bene. Ho trascorso gran parte della mia vita in mezzo alla paranoia e alla paura che guidano il mondo MAGA. Anche se sono cresciuta appena fuori Washington, D.C., pensavo che avere il dono della glossolalia, l’imminente realizzazione della profezia Left Behind–style e che i demoni reali camminassero sulla terra fossero tutti parte del cristianesimo tradizionale. Mi è stato insegnato che Bill e Hillary Clinton erano personalmente collegati all’Anticristo e che i Democratici progettavano di mettere fuori legge Dio e di istituire un governo mondialista. All’età di 12 anni ero già “libertaria” (termine che in questa accezione e questo è rimasto parte della mia identità per anni. Alla fine mi sono allontanata dal partito a metà dei miei 20 anni dopo aver assistito alle reazioni negative di molti dei miei compagni libertari alle proteste di Black Lives Matter.

Il mio interesse per la politica, che dura da sempre, si è spesso sovrapposto al mio amore per i blog. Una delle cose che preferivo scrivere erano le mie esperienze sul campo: le marce Black Lives Matter del 2014-15, l’insediamento di Trump e le proteste che ne sono seguite. Scherzavo sul fatto che se il giornalismo fosse stato pagato decentemente, avrei fatto la scrittrice invece di ingaggiare modelle per eventi dal vivo, ma questo ha smesso di essere uno scherzo una volta che Covid-19 ha chiuso ogni raduno pubblico.

Il 6 gennaio 2021 mi arrivarono messaggi a raffica, alcuni da persone con cui non parlavo da anni. Ex fidanzati, la donna che mi fa la ceretta, tutti mi hanno contattato con lo stesso messaggio generale: Ci sei? So che sei lì. Sii prudente. (Non sono per niente prevedibile).

Così, naturalmente, dopo aver partecipato e scritto del 6 gennaio, ho deciso di comprare un biglietto per il CPAC di Orlando. Di solito la conferenza si tiene nell’area di Washington, ma nel 2021 è stata spostata in Florida per aggirare le restrizioni del Covid. Ho deciso che avevo bisogno di un sistema di registrazione più discreto.

Nei film, le spie hanno piccoli registratori audio che catturano perfettamente il suono, ma nella vita reale le opzioni non sono così affascinanti. Alla fine ho scelto un ingombrante set di microfoni Bluetooth che utilizzava il mio vecchio iPhone come ricevitore. Ho tenuto l’iPhone in borsa, ho attaccato del nastro da pittore blu sulle spie del microfono e ho annerito il nastro con un pennarello. Se indossavo un reggiseno push-up e un top coprente, potevo facilmente nascondere il microfono tra le tette.

Il mio piano per il CPAC era principalmente quello di osservare e registrare. Ho creato una storia di fondo non ben definita. Gran parte della vita del mio alter ego era simile alla mia: Anche lei si chiamava Amanda; era di Annapolis, nel Maryland, dove avevo vissuto; era stata libertaria per anni, ma dove io ero andata a sinistra, lei era andata all’estrema destra.

Ho trascorso pochissimo tempo al CPAC in sé. Ero più interessata alle feste e alle raccolte di fondi circostanti, dove i partecipanti si sarebbero sentiti a proprio agio tra i loro simili. Uno di questi eventi è stato un ricevimento organizzato dai Republicans for National Renewal (RNR). Tra i relatori del 2021 c’erano la provocatrice di estrema destra Laura Loomer e i rappresentanti degli Stati Uniti Marjorie Taylor Greene e Paul Gosar.

Sono arrivata in anticipo, sperando di ottenere un posto in prima fila. Un uomo che sembrava avere una trentina d’anni ha cercato di fare conversazione con me; indossando un abito trasandato e sfoggiando due tagli sul viso, non sembrava una persona in grado di guidare una presa di potere fascista del GOP. “Trump ha davvero cambiato le cose in Michigan”, mi ha detto mentre scrutavo la stanza alla ricerca di qualcuno che sembrasse importante. “Tutti gli irriducibili di Trump sono ora in posizioni di potere. Io sono il presidente del distretto. Il leader dei repubblicani di Trump è il co-presidente del partito … Stiamo davvero conquistando il potere del partito.

Prendere il potere? Improvvisamente ero tutto orecchi. Si è presentato come Shane Trejo e abbiamo chiacchierato un po’ prima che salisse a tenere un discorso. Sebbene abbia parlato per meno di due minuti, Trejo ha esortato più volte il pubblico a prendere uno degli opuscoli della RNR. “Quell’opuscolo vi dirà tutto quello che dovete fare per diventare un coordinatore di distretto, precinct captain. E poi potremo, dal basso, buttare fuori tutti questi RINOs (Republican In Name Only, “repubblicano solo di nome”) e fare del GOP un partito solidamente America First”.

Dopo l’evento, Trejo mi ha chiesto il mio numero di telefono. La mattina dopo gli ho mandato un messaggio per sapere se sarebbe rimasto per il discorso di Trump. Trejo ha colto l’occasione per provarci con me: “Dovremmo vederci al Double Tree. Hai una stanza per me in cui dormire? Lol”.

Ho alzato gli occhi al cielo, ma ho deciso di fare la brava”. Oltre a essere il presidente del comitato repubblicano dell’11° distretto del Michigan, Trejo era un “informatore” elettorale e uno scrittore di Big League Politics, un organo di propaganda di estrema destra, dove aveva pubblicato un video che “verificava” le sue affermazioni secondo cui gli addetti alle urne di Detroit erano addestrati a mentire agli elettori. Sebbene il video non mostrasse effettivamente questo, gli ha procurato una leggera notorietà negli ambienti di estrema destra e ha fatto guadagnare all’outlet un’ordinanza di cessazione dell’attività dal General attorney del Michigan. Trejo ha scritto anche per Wax di Liberty Conservative. Nel 2017 e nel 2018 Trejo ha condotto un podcast intitolato Blood Soil and Liberty insieme al collega di Liberty Conservative Alex Witoslawski, membro dichiarato del gruppo di odio nazionalista bianco Identity Evropa. “Sangue e suolo” è un riferimento all’idea della Germania nazista secondo cui l’etnia tedesca ha un legame profondo e unico con la terra. Trejo ha registrato il dominio per il podcast pochi giorni dopo la manifestazione “Unite the Right” del 2017 a Charlottesville, in cui i marciatori hanno intonato “Blood and soil!”.

Nel novembre di quell’anno, Trejo e Witoslawski erano stati ospiti di un episodio di Nationalist Review, un podcast di estrema destra abitualmente condotto da James Allsup e Nick Fuentes. Tutti gli episodi tranne uno di Nationalist Review sono stati cancellati da Internet, ma ho ricevuto quello in cui Trejo è apparso da Daniel Harper, il cui podcast I Don’t Speak German segue l’estrema destra. Nelle due ore di podcast, Trejo e Witoslawski hanno ribadito il loro sostegno a Roy Moore, un aggressore seriale di ragazze adolescenti (Trejo lo ha definito un “eroe popolare”); hanno incolpato le minoranze per la distruzione del Partito Libertario e hanno sostenuto l’idea di “eugenetica del libero mercato”.

Così, quando RNR ha inviato un’e-mail in cui chiedeva se qualcuno che aveva partecipato al suo ricevimento volesse essere coinvolto nell’organizzazione, ho risposto immediatamente di sì. Quando Laura Loomer ha condiviso un video di Trejo sul suo canale Telegram, gli ho mandato un messaggio con il link e ho esclamato: “OMG non mi avevi detto che eri famoso!”. Quando ho incontrato Roger Stone a un evento, ho inviato a Trejo una foto. A giugno, Trejo ha risposto a uno dei miei messaggi con un aggiornamento sulla sua missione “Stop the Steal”. “Oggi in Michigan stiamo rilasciando dichiarazioni giurate per richiedere una perizia forense. Ho autenticato dichiarazioni giurate per tutto il giorno”. Ha detto che li consegneranno entro due settimane. “Ne avremo un mucchio”.

Gli ho chiesto cosa pensava che sarebbe successo. “Non credo che i risultati delle elezioni saranno ribaltati. Ma possiamo trascinarli nel fango”, mi ha risposto.

“Lol monopolizzare il loro tempo e smascherare le loro stronzate?”.

“Sì”, ha risposto. “Come hanno fatto con Trump e la Russia. Continua a martellare questi stronzi e a delegittimarli [sic]”.

All’inizio di giugno del 2021 mi sono rotto un braccio. Appena uscita dall’operazione e non avendo altro da fare che passare il tempo al telefono, mandai un messaggio a Trejo. Si avvicinava un altro CPAC e gli chiesi se pensava che Trump sarebbe stato cancellato come oratore per essere troppo apertamente “America First”.

“Dovrebbe dire: “Devo dirlo… dopo aver visto otto mesi di Biden, sento che il 6 gennaio era giustificato””, ha risposto Trejo.

Era la prima volta che si parlava del 6 gennaio tra noi. Ho detto che tutti volevano fingere che fosse opera dell’FBI o di antifa. Trejo ha subito risposto che non ci credeva, e che le persone che lo facevano erano “fottute pecore. Sono tutti così idioti”. E poi ha descritto come ha vissuto la rivolta del Campidoglio:

Ero a tutti e tre i raduni. I conservatori venivano repressi dalla polizia e diventavano sempre più arrabbiati e militant ad ogni raduno. La polizia ha letteralmente fatto rispettare il fottuto furto di voti. E ha protetto i terroristi antifa e black lives matter. Per quanto ne so, nessuno parla di tutto questo, tranne me. E non posso parlarne abbastanza forte perché ora sono un funzionario eletto del GOP. È così fottutamente frustrante.

Durante la rivolta, ho sentito persone incolpare gli antifa, e non ci è voluto molto perché l’ex conduttore di Fox News Tucker Carlson suggerisse che erano coinvolti infiltrati dell’FBI. Il capro espiatorio è stato efficace: Quasi sempre, i teorici della cospirazione che popolano le conferenze di QAnon si sono affrettati a dire che il 6 gennaio è stato un giorno pacifico. Ma i fascisti e coloro che hanno legami con i gruppi nazionalisti bianchi erano orgogliosi di aver preso d’assalto il Campidoglio.

Trejo una volta mi ha scritto: “Il 6 gennaio è stato un vero 1776 di merda”.

Nel luglio del 2021, ho incontrato Alex Nelson per la prima volta a un cocktail durante il Turning Point USA’s Student Action Summit a Tampa. Ero in fila per un bicchiere di vino quando Nelson mi chiese quale fosse la mia visione dell’America. Per evitare di incoraggiare le persone, sono sempre stata attenta a non essere più estrema delle persone che incontravo, quindi ho deviato e ho chiesto cosa volesse per il Paese.

“Uh… come una Germania nazista più friendly”, ha risposto Nelson.

La nostra conversazione si è rapidamente spostata sulla delusione per il 6 gennaio. Nelson era ottimista sul fatto che centinaia di rivoltosi in tutto il Paese si sarebbero opposti all’FBI. “Nessuno di loro ha reagito. Nessuno di loro si è ribellato”, ha osservato.

“Ma erano tutti dell’FBI e antifa, quindi non importa”, ho commentato con sarcasmo.

“Sì, secondo le teorie cospirative della destra”, ha detto Nelson. “È come se, no, non avessero rubato le elezioni ….. No, non erano antifa. In realtà, indovinate un po’? La nostra gente è arrabbiata”.

L’ammissione di Nelson che Joe Biden aveva vinto le elezioni mi ha colto di sorpresa. Che ci credessero o meno, persone come Trejo hanno usato la facciata di un’elezione rubata per difendere gli insurrezionisti del 6 gennaio. La dichiarazione di Nelson è stata molto più diretta: i rivoltosi del Campidoglio erano “la nostra gente” e il 6 gennaio è stata una rivolta di rabbia bianca.

Nelson ha detto di aver cercato di convincere altri membri dell’estrema destra che Biden aveva vinto le elezioni, ma i partecipanti al TPUSA non hanno voluto ascoltare.

Mentre parlavamo, le luci della sala da ballo si sono accese, segnalando che il personale voleva che ce ne andassimo. Nelson mi ha detto che dall’altra parte della strada c’era una festa del Project Veritas e ci siamo diretti lì, discutendo se New York City dovesse essere la capitale dell’America. Una volta fuori, sono passate persone non affiliate al TPUSA, alcune delle quali non erano bianche. Nelson, imperterrito, ha detto a gran voce che dovremmo cacciare tutti i giamaicani e gli haitiani che vivono a New York.

“La mia mentalità è che la nazione anglo è una delle più grandi nazioni che abbiano mai camminato sulla terra”, ha detto. “Non dovremmo preoccuparci di dover dire: ‘Oh mio Dio, c’è un gruppo di giamaicani e haitiani cattivi che mi deruberanno’. Beh, allora picchiateli, poi massacrateli di botte, cacciateli dalla città, cacciateli dal paese, prendete le loro case”.

Mi sentii sollevata quando fummo dentro, dove era improbabile che qualcuno si arrabbiasse se lo avesse sentito. La gioia di Nelson nel pianificare un genocidio era disgustosa. Annuire alle cospirazioni era una cosa, ma condonare la violenza – anche se era solo una fantasia – era un passo troppo lungo. Si scoprì che il Progetto Veritas aveva organizzato un open bar e io ne approfittai. Non ero mai stata ubriaca fradicia a un evento, ma dopo aver ascoltato Nelson per ore, mi sono concessa un’eccezione.

Solo un mese dopo il nostro incontro mi ritrovai a Portland con Nelson, cercando di dare un’occhiata alla rivolta dei Proud Boys nel parcheggio del K-Mart. Ci siamo subito resi conto che non era possibile vedere la zona dalla strada. Invece, abbiamo guidato senza meta mentre Nelson mi parlava dei suoi piani di vestirsi con un completo a tre pezzi e di partecipare a eventi “repubblicani interni di qualità”, portando con sé gli opuscoli dei club dei Giovani Repubblicani dell’Oregon e di Washington per legittimarsi. “Mi limiterò a dire: ‘Oh beh, mio caro, sono un nazionalista, naturalmente'”, ha detto.

A suo avviso, la versione “big tent” del conservatorismo amata dai boomers è stata un fallimento. “Se la demografia è davvero il destino, significa che alla destra mancano solo cinque o dieci anni per diventare un’organizzazione razzista e nazionalista a tutti gli effetti. Perché, voglio dire, non ci sono persone non bianche agli eventi della right-wing”.

Siamo tornati al K-Mart e abbiamo parcheggiato per poter camminare un po’. Anche se eravamo vestiti in modo neutro, Nelson era in allerta, preoccupato che un controprotestante potesse capire i nostri travestimenti. Quando mi sono avvicinato troppo a un gruppo che stava cantando e marciando, mi ha fatto indietreggiare. Il grande e cattivo Alex, pronto a “pestare a sangue” i giamaicani a New York, ma timoroso di avvicinarsi a una piccola protesta alla luce del giorno.

Ci siamo diretti verso il lungomare, dove qualcuno aveva scritto “Kill Patriot Front” su un pilastro. Il Patriot Front è un gruppo d’odio nazionalista bianco e neofascista che produce video di qualità professionale in cui i membri mascherati appiccicano il loro logo e l’indirizzo del sito web in spazi pubblici o partecipano a marce con lo scopo di intimidire la gente. Spinto dai graffiti, Nelson mi ha raccontato di essersi unito all’organizzazione.

Si era recato in Idaho per un colloquio con un reclutatore del Patriot Front. Mentre chiacchieravano, hanno posizionato gli adesivi dell’organizzazione in giro per la città e li hanno fotografati. Il reclutatore, che Nelson ha descritto come uno “stupido bifolco”, ha posto domande antisemite, ma abbastanza sottili da fargli minimizzare le risposte.

“Pensi che un ebreo possa mai essere veramente americano?”, chiese il reclutatore.

“Beh, fino a un certo punto, le persone possono assimilarsi alla cultura dominante”, ha risposto Nelson.

Il reclutatore disse a Nelson di continuare con il conservatorismo e di partecipare a qualche altro comizio di Trump; forse allora avrebbe potuto arruolarsi, ma per il momento non soddisfaceva i loro standard.

Oggi Trejo continua a spacciare propaganda attraverso il suo lavoro a Big League Politics, difendendo le dichiarazioni antisemite di Kanye West e banalizzando le sofferenze dei genitori di Sandy Hook che hanno fatto causa ad Alex Jones per diffamazione. Ha contribuito a formare un PAC in Michigan il cui obiettivo è spostare il Partito Repubblicano a destra ed è apparso nel programma radiofonico di Roger Stone. Di recente ha promosso il suo articolo sullo stupro di gruppo di una donna americana in Pakistan con lo slogan “Questa donna ha ricevuto un po’ di multiculturalismo, buono e duro”.

Nell’autunno del 2021, Nelson è diventato presidente del comitato dell’Oregon della RNR. Nel 2022 è diventato membro del comitato nazionale dei Giovani Repubblicani di Washington, finché non è stato cacciato per le sue convinzioni razziste. Ha anche lavorato per un breve periodo per la campagna congressuale del repubblicano Joe Kent, ma è stato licenziato quando è stato sentito sostenere il nazionalismo bianco. (Matt Braynard, portavoce della campagna di Kent, mi ha detto che la campagna ha detto a Nelson di “levarsi dai coglioni”, e potete citarmi”).

Nelson era anche un membro della European American Community, un gruppo che sostiene in modo poco velato il nazionalismo bianco. L’EAC ha ospitato incontri introduttivi accanto a diversi eventi mainstream, tra cui il CPAC di Dallas. Il primo giorno del CPAC, l’EAC ha chiesto ai suoi follower su Instagram su cosa dovrebbe basarsi la cittadinanza americana. Tra le risposte postate c’erano: “Idealmente 90-95% di etnie europee e il resto composto da occidentali allineati”; “Antenati europei al 100% per i neri che sono già qui, che dovrebbero avere una sezione a sé stante”; e “Antenati coloniali e il suo stock correlato, perché è stato formato da e per i protestanti britannici”.

L’EAC ha formato un gruppo di derivazione nazionalista britannica, che ha organizzato ricevimenti di reclutamento in tutto il Paese. A novembre, il gruppo ha annunciato che ne avrebbe tenuto uno a Washington presso il Waldorf Astoria, ex Trump Hotel. Per la prima volta dopo un anno, ho tirato fuori il mio vecchio iPhone e ho caricato i microfoni. Arrivai 20 minuti prima dell’inizio dell’evento.

Nelson è arrivato puntuale e si è seduto da solo a un tavolo. Non si è presentato nessuno. Alla fine mi sono avvicinata. Era troppo preso dal suo telefono per alzare lo sguardo, finché non gli feci cadere la borsa sul tavolo. “Sono in ritardo?” Chiesi, sedendomi di fronte a lui.

Dalla sua espressione era chiaro che Nelson non si aspettava di vedermi. Gli chiesi se voleva commentare qualcosa che mi aveva detto mentre ero sotto copertura.

Dopo una lunga pausa, Nelson ha detto: “Non sono un partigiano”. Ha cercato di spiegare che era un “intellettuale”, non faceva parte né della destra né della sinistra.

Dopo il mio smascheramento, un ricercatore mi ha inviato una registrazione archiviata di una diretta streaming che Nelson ha ospitato. Ha elogiato i rivoltosi del 6 gennaio e ha minimizzato la gravità della minaccia, facendo battute sui boomers che si fanno i selfie in Campidoglio. Con un’affettazione in stile Tucker Carlson, Nelson ha detto agli spettatori: “Diciamo che è stato un colpo di Stato. Diciamo che in realtà si trattava di una folla violenta di insurrezionalisti rivoluzionari”. Preferirei di gran lunga vivere sotto il governo che verrebbe istituito da questi rivoluzionari patriottici piuttosto che sotto l’attuale governo”.

Ma nella hall del Waldorf, Nelson ricordava in modo diverso le sue parole. “Il filmato che ho fatto sul J6 riportava tutte le mie opinioni in merito. Che la gente si era illusa. Che era molto triste”.

Era molto lontano dal suo desiderio che i rivoltosi si fossero “Ruby Ridged” da soli, ma questo prima di sapere che stava parlando con un giornalista.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]

Una volta qui era tutto silenzio

Come il nostro mondo è diventato sonoro modificando profondamente le relazioni tra gli esseri viventi [Alice Bomboy]

Un ragazzo genovese inghiottito da una galera in Belgio

Da giorni non si hanno notizie di un 26enne, con problemi psichici, arrestato nelle Fiandre da due buttafuori violenti. L'allarme lanciato da Ilaria Cucchi