12.5 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
12.5 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
HomeculturePer svelare la cospirazione segui il tuo doppelgänger

Per svelare la cospirazione segui il tuo doppelgänger

Il mondo specchio nell’ultimo libro della sociologa autrice di No Logo, Naomi Klein [Laura Kipnis]

È fortunato lo scrittore a cui la sfortuna sorride, soprattutto quando si tratta di una sfortuna relativamente piccola da cui si può trarre un grande vantaggio narrativo. Prendiamo, ad esempio, il “crollo del marchio personale” che ha recentemente colpito Naomi Klein. Scrittrice e attivista prolifica, Klein si è fatta notare in giovane età per aver scritto un manifesto anti-branding, No Logo, che nel 1999 è stato un mega-best-seller e che naturalmente l’ha portata a diventare lei stessa un brand di massa, uno scherzo del destino su cui lei stessa è divertita e sagace. Ma il destino ha dimostrato di avere un ulteriore asso nella manica: a partire dagli anni 2010, Klein avrebbe trascorso più di un decennio ad essere cronicamente scambiata, online e non, per la sempre più sgangherata scrittrice, teorica della cospirazione ed ex femminista Naomi Wolf, essendo entrambe attraenti intellettuali pubbliche ebree di nome Naomi e essendo la soglia di attenzione attuale.

Nel suo nuovo libro, Doppelgänger (Doppio. Il mio viaggio nel Mondo Specchio, La Nave di Teseo, 2023), Klein usa gli effetti sconvolgenti sull’ego dell’acquisizione di uno strano sé ombra come trampolino di lancio per un giallo politico avvincente e di vasta portata. Seguire la trasformazione dell’altra Naomi da beniamina dei media femministi liberali a infiammata novax e mascotte dell’estrema destra permette alla Klein di raccontare la storia più ampia di un Paese in piena crisi d’identità. Il suo problema di doppelgänger, per sua stessa ammissione di nicchia, diventa un portale per alcune delle questioni più catastrofiche che ci troviamo ad affrontare attualmente:  l’ascesa internazionale della destra autoritaria, il futuro incerto della democrazia americana, gli scismi sociali accelerati da Covid e la natura stessa dell’identità sotto lo zoccolo duro del capitalismo digitale. Soprattutto per quanto riguarda le conseguenze politiche della pandemia, nessun altro libro che io conosca è stato così avventuroso dal punto di vista intellettuale, così personale e così divertente.

Conosciuta soprattutto come critica della globalizzazione e attivista per il clima, la nostra Naomi si rivela un esemplare raro: una persona di sinistra con autoironia. Per quanto riguarda il branding, la Klein è la prima ad ammettere di aver voluto entrambe le cose quando ha iniziato: essere la “ragazza del No Logo” e il “volto di un movimento anticapitalista emergente”, mentre stava soppesando una difficile decisione sul marchio No Logo come logo. La sua agilità nell’attraversare queste contraddizioni senza appesantire la serietà è un’abilità che non sempre si riscontra a sinistra.

Klein, a quanto pare, ha un altro raro talento: È una grande esploratrice sociale, perennemente all’erta per trovare materiale narrativo promettente. In una scena iniziale che potrebbe essere stata tratta da una commedia di buone maniere progressista, la Klein ascolta, dall’interno di un bagno pubblico, due donne che denigrano qualcosa di stupido che “Naomi Klein” ha appena detto. Ma non si trattava della Klein, bensì della Wolf. L’incidente è avvenuto al culmine di Occupy Wall Street, la rivolta in gran parte senza leader che la Wolf si era assunta il compito di, insomma, guidare Tra i suoi interventi c’è stato il tentativo di consegnare all’allora governatore Andrew Cuomo, in occasione di un evento in smoking, una lista di quelle che lei aveva definito “richieste” del movimento (che non esistevano), dopo di che si è fatta arrestare all’esterno in abito da sera. I titoli dei giornali. A quanto pare, la Klein aveva acquisito non solo un doppelgänger, ma anche un doppione imbarazzante.

Per coloro che non hanno seguito da vicino lo sconcertante viaggio di Naomi Wolf, ecco una mappa del suo improbabile itinerario. Negli anni Novanta è stata un’energica femminista liberal, autrice del best seller “Il mito della bellezza”, poi è diventata una democratica di serie A assunta come consulente di Al Gore per aumentare il suo appeal nei confronti dell’elettorato femminile nel 2000. Da allora, è diventata portavoce di teorie cospirative sempre più bizzarre: che Barack Obama avesse ordinato personalmente lo sgombero degli accampamenti di Occupy; che le decapitazioni dell’ISIS fossero operazioni segrete inscenate dal governo statunitense; che Edward Snowden fosse una spia statunitense; che le truppe americane che costruivano ospedali da campo durante l’epidemia di Ebola del 2014 stessero in realtà raccogliendo campioni della malattia da riportare negli Stati Uniti per giustificare le chiusure di massa. Wolf credeva che fossero in atto molti piani tecnologici, con i relativi rischi per la salute: I programmi segreti della NASA stavano irrorando i cieli di alluminio; le reti cellulari 5G stavano influenzando la qualità dell’aria.

Inutile dire che, dopo l’arrivo di Covid, la Wolf è diventata una vera e propria antivaccinista. Ha avvertito che l’urina e le feci delle persone vaccinate dovevano essere separate dalle acque reflue generali fino a quando il loro impatto sulle persone non vaccinate fino a quando non sarà possibile verificare il suo impatto sull’acqua potabile delle persone non vaccinate. Le mascherine, ha insistito, stavano influenzando i riflessi di sorriso dei bambini. I vaccinati non avevano più odore, il che aveva a che fare con le nanoparticelle lipidiche contenute nei vaccini a base di mRNA, ha detto la Wolf, che ora si faceva chiamare “Dr. Naomi Wolf” (ha conseguito un dottorato in letteratura inglese). Data la sua affinità con i titoli dei giornali, la dottoressa ha presto organizzato dei sit-in nei caffè di lusso per protestare contro i cartelli “vaccinated only”, una Rosa Parks anti-vax che ha paragonato questi atti di dissenso al movimento per i diritti civili e i requisiti dei vaccini all'”apartheid” medica.

Fonte sempre più influente di disinformazione Covid online, Wolf era particolarmente abile nel colpire le ansie femminili: Le donne con problemi di fertilità sperimentavano emorragie e coaguli solo per il fatto di stare vicino a donne vaccinate, ha twittato in modo efficace; nel frattempo, mobilitava il linguaggio pro-choice sul diritto all’integrità corporea nella sua crociata anti-vaccini. Più ansia infiammava, più follower accumulava e più persone metteva in pericolo attivo. Per dirla con la Klein, “la Wolf può essere una barzelletta, ma non è divertente”.

Se c’era qualcuno in grado di valutare l’inverosimiglianza dello scherzo, era proprio la Klein, visto che a ogni nuova trovata o dichiarazione della Wolf, il suo stesso feed di Twitter si riempiva di commenti come “Non posso credere che una volta rispettavo Naomi Klein. Ma cosa le è successo?”. Pur essendo pienamente consapevole del fatto che i social media sono un “lurido cesso globale” e che gli stereotipi antisemiti sulle donne ebree in difficoltà alimentavano la confusione, la Klein ha trovato la situazione più difficile da ignorare quando la Wolf ha iniziato a taggarla nei tweet. L’algoritmo di Twitter ha fatto la sua parte autocompletando il nome della Wolf quando i follower della Klein hanno digitato “Naomi” nella barra di ricerca.

Non c’è da stupirsi che anche la Wolf si stesse spostando sempre più a destra. È diventata un’ospite regolare dell’influente podcast War Room di Steve Bannon (i due avevano quella che la Klein definisce, in modo spaventoso, “una chimica elettrica”). La Wolf è diventata anche un ospite fisso di Fox News Channel, dove ha paragonato i passaporti per i vaccini al sistema di schede perforate che permetteva ai nazisti di radunare gli ebrei in modo più efficiente e ha affermato che i vaccini Covid erano un’arma biologica cinese contro l’Occidente. Inoltre, le app di vaccinazione avrebbero permesso al governo di collegarsi ai nostri account di social media e di pagamento e di tracciare le nostre cronologie di ricerca, ha spiegato. Alla fine, la Wolf è stata bloccata dai suoi account sui social media per aver diffuso disinformazione medica e si è unita a Donald Trump come co-querelante in una causa collettiva contro Twitter, che li ha estromessi entrambi dalla piattaforma. (Elon Musk li avrebbe poi riaccolti).

Le apostasie continuarono ad aggiungersi. Pur continuando a dichiarare di essere una democratica pro-choice, alle elezioni di metà mandato del 2022 Wolf si scusava per aver creduto alla versione dei media sull’insurrezione del 6 gennaio e celebrava l’elezione del candidato governatore Glenn Youngkin, sostenuto dal MAGA (Make America Great Again), come un giorno storico per i diritti delle donne. È stata una trasformazione politica da capogiro, che racchiude – e questo è il punto più importante della Klein – “l’orrore della società che diventa fascista dall’interno”.

Che fine ha fatto Naomi Wolf? La Klein non si dilunga in psicologismi da poltrona, anche se si sofferma su un’orribile umiliazione pubblica subita dalla Wolf poco prima della pandemia, oltre ad altri eventi personali destabilizzanti. Si è scoperto che la Wolf aveva commesso uno spettacolare errore di ricerca nel suo libro del 2019 Outrages: Sex, Censorship, and the Criminalization of Love. Adattato dalla sua recente tesi di dottorato a Oxford, il libro trattava del trattamento dell’omosessualità nella Gran Bretagna vittoriana e presentava prove che la Wolf pensava di aver scoperto, ovvero che diverse decine di uomini erano stati giustiziati in seguito a condanne per sodomia. Ma aveva frainteso il termine “morte registrata”, come le fu detto in diretta durante un’intervista alla BBC: In realtà significava che la sentenza era stata commutata. (La Klein, che nei ringraziamenti ringrazia un piccolo esercito di assistenti alla ricerca, afferma, non senza empatia, che il solo pensare a questo le fa venire le palpitazioni). Dopo la disfatta della BBC, sono stati scoperti altri errori; poi il libro è stato stroncato, il suo editore l’ha abbandonata e lei è stata allegramente fatta a pezzi su Twitter.  Ben presto la Wolf ha accusato che erano in atto oscuri sforzi per distruggere la sua reputazione.

Considerati i numerosi errori e le bravate della Wolf, probabilmente non c’era modo di tornare a una qualche credibilità mainstream, ma i media di destra l’hanno accolta a braccia aperte e l’hanno adulata come coraggiosa raccontatrice di verità. Sostenendo un’ex beniamina dei media liberali e votante per Joe Biden nel 2020 (la Wolf avrebbe in seguito twittato di essersi pentita del voto), la destra ha rafforzato le proprie presunte credenziali di libertà di parola. Nessuna di queste è stata una grande notizia per Klein: un negazionista del clima e provocatore di destra britannico ha dato il benvenuto alla Wolf nel suo podcast dicendosi sorpreso di ospitarla, dato che l’aveva sempre accostata all'”altra Naomi – sai, Naomi Klein, Naomi Wolf, qual è la differenza?”. (” Inserisci un gridolino sommesso da parte mia”, interviene l’ex Naomi).

Seguire in tempo reale le dichiarazioni della sua “sosia capellona” è diventata l’ossessione pandemica della Klein, che è diventata così dipendente dal podcast di Bannon da causare tensioni nel suo matrimonio. Forse susciterà lo stesso sgomento in alcuni dei suoi lettori, perché Klein è arrivata a considerare la capacità di Bannon di costruire improbabili alleanze con qualcuno come Wolf come una lezione strategica per la sinistra.

Essendo una persona la cui politica favorisce la solidarietà di classe piuttosto che l’unilateralità identitaria, all’inizio della pandemia Klein si trovava in uno stato di malinconia per i costanti attacchi all’interno della sinistra che divoravano i movimenti progressisti,  con gli attivisti che spesso si comportano “in modi che non sono né inclusivi né attenti”. La sinistra, teme Klein, stava perdendo il controllo. Bannon, d’altra parte, stava trovando il modo di usurpare la sinistra sui suoi stessi temi e di incanalare la rabbia dei colletti blu contro le corporation democratiche per aver tradito i lavoratori con accordi commerciali e salvataggi bancari. Pur non sottoscrivendo ovviamente il suo programma politico, Klein considera le abilità strategiche di Bannon come uno stimolante promemoria dell’incapacità dei progressisti di parlare alle stesse paure o di galvanizzare gli stessi elettori. Come potrebbe essere il campo politico, si chiede la Klein, se la sinistra dedicasse meno energie a perseguitare tutti per piccole infrazioni linguistiche e cercasse invece di costruire un movimento più ampio?

Se c’è qualcuno che ha capito le ipocrisie e i fallimenti della sinistra, quello è Bannon. E questa, per Klein, è la lezione del doppelgänger: qualcosa che hai ignorato deve essere curato. Quello che le era successo con “Other Naomi” era successo alla sinistra in generale, e la sinistra lo aveva ignorato. Wolf, dopo tutto, non è stata l’unica ex liberale o democratica a sbandare a destra nell’era di Trump, e Klein vede la sua trasformazione come parte di una storia più ampia su come Covid ha contribuito a trasformare la mappa politica in un Paese dopo l’altro. Un numero crescente di movimenti, sottolinea l’autrice, sfuma le tradizionali distinzioni tra destra e sinistra in quello che lei definisce il nuovo “diagonalismo” – un altro libro recente usa il termine “conspirituality ” –  tra vari New Agers, anti-vaxxers, teorici della cospirazione, salutisti, palestrati, libertari, anti-svegli e proto-fascisti. Per essere sicuri, le sottoculture del fitness e dell’alt-health non sono estranee al pensiero fascista; non lo è nemmeno l’eugenetica, che è anche una distinta corrente sotterranea in molti sentimenti anti-mascheramento. (Prevedibilmente, i trafiletti di Wolf appaiono sui best-seller anti-vax di Robert F. Kennedy Jr., presumibilmente dipendente dagli steroidi).

Klein ha conosciuto personalmente alcune di queste convergenze quando a suo figlio è stato diagnosticato un disturbo neurodivergente e ha iniziato a incontrare altri genitori di bambini autistici, alcuni dei quali, ovviamente, davano la colpa dell’autismo ai vaccini. (Sebbene siano state a lungo sfatate, queste paure hanno prodotto una sorprendente ricomparsa di malattie precedentemente eliminate come il morbillo). Nella sua ricerca di comunità e informazioni, Klein si imbatté in gruppi di genitori che sperimentavano il tipo di grotteschi trattamenti fai-da-te – molto simili alle cure con la candeggina di cui si sentiva parlare durante il Covid – per i quali il panico da vaccino-autismo aveva fornito una prova. Il suo scetticismo nei confronti dei cosiddetti esperti di autismo offre alcuni momenti di commedia dark: quando le viene chiesto se suo figlio “si specchia”, la Klein si chiede se vuole davvero che si specchi e se “l’impulso riflessivo a copiare ciò che fanno gli altri [è] parte di ciò che ci ha portato in un tale pasticcio?”. Ma è anche un pungolo alla crudeltà casuale che sta alla base di gran parte della cosiddetta cultura del benessere, molti dei cui adepti e influencer hanno incolpato la prima ondata di vittime di Covid di essere malsana.

Fortunatamente, queste esperienze la spingono a inoltrarsi nelle terre selvagge della ricerca: Klein è una scrittrice che ascolta coraggiosamente il richiamo delle sirene della digressione e gode di un alto rendimento di risultati piuttosto affascinanti. Tra queste c’è la scoperta dell’orribile connessione tra Hans Asperger, che ha identificato l’omonima sindrome, la cosiddetta sindrome ad alto funzionamento dello spettro autistico, e i programmi nazisti di eutanasia, che hanno sterminato circa 200.000 persone disabili (tra cui bambini di appena 2 anni a cui Asperger aveva diagnosticato l’autismo). La sua distinzione tra autismo ad alto e basso funzionamento rimane in vigore ancora oggi, così come, non lontano dalla superficie, persistono le idee sul “sangue impuro” e sull’eliminazione dei disabili. Ecco la discendenza dell’odierna folla anti-vax: un’allarmante combinazione di ideologia fascista e infanticidio.

Nonostante i collegamenti devastanti, Klein mantiene un tono perfettamente calibrato nei confronti di Wolf, privilegiando l’argomentazione pacata rispetto alla derisione o al disprezzo. La sua mossa preferita è scavare i noccioli di comprensione anche nelle affermazioni più strampalate di Wolf. Sull’idea che i vaccinati abbiano perso il loro odore, la Klein trova un punto di accordo: “Molte delle parole di Wolf, per quanto slegate dalla realtà, toccano qualcosa di vero. Perché le città moderne sono prive di vita e presentano un’anomia, che si è accentuata durante la pandemia: molti di noi sentono che stiamo diventando meno vivi, meno presenti, più soli”. Per Klein, il terreno di coltura della cultura della cospirazione si trova nel panico di fondo per le catastrofi economiche e climatiche che stiamo affrontando, unito alla mancanza di reali alternative politiche. Il “tipo di capitalismo predatorio ed estrattivo” che ci circonda, scrive, “genera necessariamente sfiducia e paranoia”. In questo contesto, non sorprende che QAnon, una teoria della cospirazione che racconta di élite che raccolgono i giovani per la loro linfa vitale (adrenocromo), sia diventata virale. Le élite ci stanno prosciugando: i nostri soldi, il nostro lavoro, il nostro tempo”. La cultura della cospirazione è, in altre parole, una fantasia di giustizia.

E se Klein ha l’abitudine di essere generosa nei confronti dei suoi avversari politici, non manca di dare credito a Wolf per le sue coraggiose prese di posizione del passato, come quando nel 2014 si è espressa contro la brutalità israeliana a Gaza, definendola un genocidio e scatenando un prevedibile putiferio: Wolf dice di aver perso la cattedra a Barnard per quei discorsi. Avendo avuto simili scontri a causa delle sue critiche all’ortodossia sionista, Klein si chiede quanto l’esperienza di amici e colleghi che le si sono rivoltati contro a causa di Israele abbia contribuito a smuovere la Wolf, che all’epoca aveva subito minacce online abbastanza gravi da assumere una società di sicurezza privata. Ha poi sposato una delle sue guardie del corpo (un ex ufficiale delle forze speciali americane), proprio come nei film, e ha subito postato un video in cui si allenava con le armi insieme al nuovo marito. I diritti delle armi sono diventati la sua ultima causa, ora travestita da femminismo empowerment.

Con il suo caratteristico pugno di ferro, Wolf ha postato le sue foto di armi lo stesso giorno in cui un suprematista bianco di nome Payton Gendron ha assassinato 10 persone di colore in un supermercato di Buffalo con un fucile AR-15. Il giorno della sparatoria nella scuola di Uvalde, in Texas, Wolf ha scritto online che il Secondo Emendamento ci stava salvando dalla tirannia. Questi accostamenti sapientemente eseguiti da Klein sono un caso schiacciante, o lo sarebbero se a qualcuno della destra interessasse la carneficina di massa.

Fortunatamente, Doppelganger non si limita a catalogare le imbecillità di Wolf. Klein fornisce anche un piacevole commento sugli altri doppelgänger, letterari, cinematografici e psicoanalitici, da cui trae una serie di verità arcane e lezioni di vita. Una persona che si trova di fronte all’apparenza di un doppio, apprende la Klein, ha il dovere di intraprendere un viaggio e cercare di comprenderlo. Bisogna abbracciare, non respingere, il proprio doppelgänger, anche se la presenza di uno di essi è invariabilmente stressante e induce alla paranoia, sollevando domande sulla natura dell’identità: Chi sono io se non sono così singolare come pensavo? (Si scopre che Wolf ha un suo doppelgänger, una falsa Naomi Wolf su Telegram che ha 38.000 follower).

Nel caso della Klein, essere confusa con Wolf porta anche a un esame di coscienza su cosa significhi essere ebrei. Nonostante alcune ambivalenze femministe su Philip Roth (le solite), la scrittrice trae un particolare valore d’uso dal suo romanzo Operazione Shylock, in cui il personaggio Philip Roth incontra un secondo Philip Roth che ha dato vita a un movimento, chiamato Diasporismo, per inviare gli ebrei israeliani a un esodo inverso verso i Paesi europei da cui erano fuggiti. I due Roth risuonano con l’esperienza di Klein delle due Naomi, ma al di là di questo, il romanzo è un promemoria puntuale delle “ombre fasciste che i doppelganger possono rivelare dentro di noi”. Il modo in cui intere società possono avere doppelganger più o meno maligni”.

Operazione Shylock riporta la Klein al tema di Israele e ai suoi conflitti al riguardo: “un Paese ebraico senza un’anima ebraica”, come dice uno dei personaggi di Roth. Anche Israele ha un doppelgänger con cui si rifiuta di confrontarsi: i palestinesi. Discendenti da vittime di genocidio ed espropriazione, gli israeliani sono ora disposti a imporre una logica genocida a un nuovo gruppo di cittadini espropriati. La stessa Klein è divisa, e vorrebbe che i critici di Israele riconoscessero maggiormente che molte delle persone che sono fuggite in Palestina negli anni ’40 erano vittime della supremazia bianca senza altri posti dove andare. “Gran parte della storia moderna”, osserva l’autrice, “è una storia di bacini di traumi spostati spazialmente nel mondo come pezzi degli scacchi fatti di miseria umana, con le vittime di ieri arruolate come esercito di occupazione di oggi”.

Come scrittrice e scienziata, la Klein ha un talento particolare nell’unire la portata della storia e le banalità del presente. È altrettanto attenta a ciò che i doppelgänger possono significare in un senso più trans-storico. Come nota Freud, sono sempre in qualche modo minacciosi: ci ricordano la nostra non-unicità, “sono un inquietante presagio di morte”, mentre, data la natura della vita online, tutti noi abbiamo doppelgänger digitali, se stessi idealizzati e altri disprezzati. Siamo coscritti in quella che la Klein chiama “cultura del doppelganger”, che è oggi la nostra condizione politica generale, vivendo in uno “Stato clown fascista che è il gemello sempre presente delle democrazie liberali occidentali, minacciando perennemente di inghiottirci nel suo fuoco di appartenenza selettiva e di feroce disprezzo”.

Se a volte la Klein è un po’ troppo dedita al linguaggio degli slogan – “Terre d’ombra”, “Mondo degli specchi” (ho perso il conto di quale fosse), “pipikism” (derivato da Operazione Shylock) – e se a volte si appoggia un po’ troppo alla figura del doppelgänger come spiegazione di tutto, è anche una scrittrice eccezionalmente lucida e incisiva. Immagino che la sua controargomentazione sugli slogan possa essere che questo è ciò che la sinistra deve fare: parlare con frasi ad effetto digeribili e facili da usare. Parlando di tattiche popolari, Klein tenta (senza successo) di intervistare Wolf, come potrebbe non farlo, anche se almeno rinuncia a incontri di guerriglia con le sue prede in stile Michael Moore. Si scopre che lei e Wolf si sono incontrate molto tempo fa, quando Klein era una studentessa universitaria, e il suo resoconto dell’incontro è sagacemente perspicace sulle dive femministe e sul ventre manipolatore del carisma.

Seguire il suo mistificante doppelgänger nelle sue numerose tane di coniglio ha liberato la Klein come scrittrice, ma è inevitabile, se il doppelgänger “rappresenta le parti più represse, depravate e rifiutate di noi stessi che non possiamo sopportare di vedere: il gemello cattivo, il sé ombra, l’anti-sé, l’Hyde del nostro Jekyll”. L’originalità e il coraggio politico di questo libro consiste nel trasformare questo aspetto in un’apertura, in un modo completamente diverso di pensare ai nostri nemici e a noi stessi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]