12.5 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
12.5 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
HomecultureIl teatro fisico che dipana il mito

Il teatro fisico che dipana il mito

Sonoma, la macchina surreale di Marcos Morao, in scena al Teatro della Tosse di Genova

“Beati i ciechi, che non potranno vedersi invecchiare; beati i corpi che si sfiorano per l’ultima volta senza sapere che sarà l’ultima; beato chi muore in solitudine; beato chi nasce in solitudine; beate Sarajevo e Aleppo, Nagasaki e Hiroshima…”

Scorre una litania laica sui sottotitoli tradotti dal francese a commento di quanto avviene sul palco, dove 9 danzatrici in costumi popolari tradizionali accudiscono un crocefisso disertato da un Cristo che non è già più Carne per tornare a essere Verbo. Parola di benedizione che si distribuisce, come pioggia, su ogni cosa, su ogni creatura: pura e impura, degna e indegna, preda e predatore, vittima e carnefice. In un’equanimità siderale che  a noi mortali non può essere concessa. Sala piena  e standing ovation per i tempi supplementari della rassegna Resistere e Creare al Teatro di S. Agostino di Genova. Che  mette in scena Sonoma, spettacolo  pluripremiato di parole e coreografia potentissime, realizzato con la sua compagnia di danza La Veronal dal regista e coreografo valenciano Marcel Morau, – artista eclettico che si ispira al surrealismo onirico del regista Luis Buñuel – su una linea di continuità con il precedente Le Surréalisme au service de la révolution.

©ALBERT_PONS

Lavoro nato nell’estate 2020, subito dopo la prima ondata pandemica e che di quella stagione tragica conserva tutto il sapore da tempi ultimi,  Sonoma – dal greco soma (corpo) e dal latino sonum (suono) fonde senza soluzione di continuità tecniche, stili e suggestioni di un viaggio in un universo visionario, Affidandolo a un corpo di ballo tutto al femminile che del Femminile, in una scelta di costumi tutti declinati nelle tonalità del bianco, del nero e del grigio, riesce a raccogliere tutte le epifanie. E sono bambine, fanciulle, anziane, educande e prostitute, madri, gesti osceni e pudica compostezza,  sorgente di vita, acqua che scorre e lambisce, foce di un delta che, alla fine del transito,  restituisce ogni goccia al suo mare.   Icone e topoi che richiamano, anche nella scelta della colonna sonora, un mondo arcaico di religione, tradizioni popolari, misticismo, ritualità e motivi folklorici di un’Europa ancestrale che seppe raccogliere, al principio della sua avventura, tutte queste apparenze disperse in un logos intessuto del filo del pensiero interrogante.

Perché anche la creazione e l’ordine sono atti di forza e di violazione, altrettanto come la distruzione e il caos cui pongono fine. E l’Inizio di Tutto non chiese permesso a nessuno. Non avrebbe, semplicemente, potuto farlo.

Appuntamento conclusivo della rassegna Resistere e Creare il 21 dicembre con la prima nazionale di PLEASE COME  di Chiara Ameglio, produzione Fattoria Vittadini. 

Tutte le info

©ALEX_FONT

 

foto di copertina ©Anna_Fabrega

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]