7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
7.1 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
Homepadrini & padroniVa a una manifestazione e BMW licenzia Itziar Ituño

Va a una manifestazione e BMW licenzia Itziar Ituño

BMW si dissocia dall’attrice basca perché ha partecipato a una manifestazione per i diritti dei prigionieri politici [Carmela Negrete]

“Noi di BMW Lurauto non ci associamo a nessuna ideologia politica, quindi ci dispiace che l’immagine di BMW Lurauto sia stata collegata a qualsiasi tipo di atto di contenuto ideologico, poiché ribadiamo il nostro impegno per la diversità, l’inclusione e il rispetto per il 100% della società”. Con questa dichiarazione, l’azienda tedesca BMW ha reso pubblico il fatto che sta facendo a meno dell’attrice Itziar Ituño, che aveva manifestato per i diritti dei prigionieri dell’organizzazione armata ETA, che, ricordiamolo, dal 2018 non esiste più. È stata sciolta. È storia. Finito. Adieu. È ora di porre fine alle anomalie democratiche e una manifestazione per i diritti civili non può che andare in questa direzione. BWM sbaglia quindi a licenziare Ituño, che non solo ha agito per la democrazia, così come ha manifestato per altre cause, ma che ha il diritto di partecipare alla vita politica indipendentemente dal suo lavoro di attrice per BMW senza essere censurata. Ma c’è di più.

La mossa di BMW è un errore democratico ma anche di comunicazione, perché se facciamo finta che il passato sia il presente e i crimini dell’ETA siano attuali, come se il gruppo non si fosse sciolto, allora i crimini di BMW in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale e in Spagna durante il colpo di Stato sarebbero ancora validi e sarebbe necessario “dissociarsi” da BMW. La principale famiglia azionista del marchio teutonico di auto di qualità, la famiglia Quandt, una delle famiglie più ricche della Germania, aveva addirittura un campo di concentramento in una fabbrica di batterie di sua proprietà chiamata AFA. Il produttore Herbert Quandt, nonno e bisnonno degli eredi, era membro del partito nazista NSDAP e contribuì a finanziare il dittatore tedesco Adolf Hitler. Nella sua fabbrica, secondo quanto riferito, i prigionieri dovevano maneggiare metalli pesanti senza protezione ed erano sottoposti a giornate di dodici ore, con controlli e disciplina estenuanti. Forse il problema della mancanza di empatia per la condizione dei prigionieri che hanno commesso crimini in passato è che la famiglia Quandt è sfuggita ai processi di Norimberga.

“Nell’era nazionalsocialista, la BMW si trasformò da azienda di mobilità in azienda di armamenti e divenne una delle aziende più importanti dell’economia di guerra tedesca”, scrive l’azienda stessa sul suo sito web. “Durante la guerra, la direzione dell’azienda impiegava operai coatti e prigionieri dei campi di concentramento senza scrupoli morali per raggiungere le cifre di produzione richieste”, continua. “Questi lavoratori erano costretti a lavorare in condizioni crudeli e non pochi morirono di fame e di sfinimento”. Quindi BMW ammette di essere colpevole di questi crimini. Il BMW Group, si legge nel testo, “è consapevole della propria responsabilità sociale e, in quanto azienda internazionale con dipendenti di 124 nazionalità, promuove una cultura di tolleranza ed equità”. Da questo passato deriva che l’azienda ora “sostiene attivamente una società aperta e priva di discriminazioni” e “sostiene progetti che affrontano la revisione del passato e cercano di prevenire ingiustizie future”. E come se non bastasse: “Al di fuori dell’azienda, molti dipendenti sostengono la tolleranza, l’apertura e la diversità”.

È piuttosto sorprendente che l’azienda dichiari di non voler essere coinvolta in “atti di contenuto ideologico” e allo stesso tempo si impegni per la “tolleranza, l’apertura e la diversità”. Dopo tutto, l’organizzazione armata ETA è stata fondata durante la dittatura di Franco per combattere contro la dittatura, che non solo aveva ucciso centinaia di migliaia di persone, ma aveva instaurato un regime di terrore in cui la dissidenza era perseguitata, con campi di concentramento, esecuzioni, torture. In cui non c’era giustizia sociale e venivano rubati i figli dei nemici politici. BMW costruì parte dei motori della Legione Condor che bombardò persone innocenti, tra cui una carovana di rifugiati, in tutto il Paese e contribuì a far cadere una delle prime democrazie europee. Le truppe tedesche e poi i cospiratori del colpo di stato, i fascisti di Franco, andavano in giro su moto BMW terrorizzando la popolazione e instaurando una dittatura che è durata quattro decenni. BMW dovrebbe quindi sapere che promuovere la pace sociale nei Paesi Baschi, riconoscendo i diritti dei prigionieri, significa sostenere “la revisione del passato” e “prevenire le ingiustizie future”. La BMW dovrebbe ringraziare l’attrice Itziar Ituño non solo per il suo lavoro pubblicitario, ma anche per aver creduto che la politica di comprensione e democrazia dell’azienda, di cui parla sul suo sito web, si applica anche al caso spagnolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»