5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
Homepadrini & padroniAssange, piccolo spiraglio a Londra

Assange, piccolo spiraglio a Londra

L’Alta Corte: se gli Usa non garantiscono la protezione del Primo Emendamento, Assange potrà ricorrere contro l’estradizione [Jérôme Hourdeaux]

Ancora qualche giorno di tregua per Julian Assange. Con una sentenza emessa martedì 26 marzo, l’Alta Corte di Giustizia di Londra ha concesso al sistema giudiziario statunitense tre settimane di tempo per garantire che, in caso di estradizione negli Stati Uniti, il fondatore di WikiLeaks possa beneficiare della protezione prevista per i giornalisti in relazione ad alcuni dei capi d’accusa a suo carico.

Dei diciotto capi d’accusa a suo carico, l’Alta Corte di Giustizia ne ha individuati tre che riguardano la libertà di espressione e che quindi dovrebbero essere soggetti a garanzie specifiche.

Queste accuse riguardano la diffusione di documenti riservati forniti a WikiLeaks dall’informatore Chelsea Manning, che hanno permesso di identificare agenti dei servizi statunitensi, mettendo così in pericolo la loro vita, secondo i tribunali americani. La difesa di Julian Assange respinge queste accuse.

Senza pregiudicare la condanna del giornalista su questo punto, l’Alta Corte di Giustizia ricorda che la libertà di espressione implica tutele specifiche imposte in Europa dall’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e negli Stati Uniti dall’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e, negli Usa, dal primo emendamento della costituzione americana.

“Esiste un forte interesse pubblico a proteggere l’identità delle fonti di intelligence umana e il signor Assange non ha prodotto una giustificazione di interesse pubblico che compensi questa pubblicazione, anche se Julian Assange è stato criticato dall’Alta Corte di Giustizia. Ci sono forti ragioni […] per concludere che le attività del signor Assange non erano conformi ai ‘principi del giornalismo responsabile'”.

“In ogni caso”, continua la decisione, “se (come potrebbe essere il caso) al signor Assange non è permesso di invocare il Primo Emendamento, allora si può sostenere che la sua estradizione sarebbe incompatibile” con il diritto europeo.

Finora, i tribunali statunitensi hanno sempre rifiutato di riconoscere lo status di giornalista di Julian Assange, escludendo così l’applicazione del Primo Emendamento.

La sentenza risponde anche a uno degli argomenti addotti dai tribunali americani per rifiutare l’applicazione del Primo Emendamento, ovvero che la Costituzione americana protegge solo i cittadini americani e non Julian Assange, che è cittadino australiano. “Se tale argomentazione fosse avanzata, e se fosse accettata, si potrebbe sostenere che il signor Assange potrebbe essere pregiudicato nel suo processo a causa della sua nazionalità”, ha scritto l’Alta Corte di Giustizia.

Un grattacapo giudiziario

Tuttavia, questa vittoria per la difesa di Julian Assange è solo parziale e temporanea. Innanzitutto, riguarda solo tre dei reati. Il fondatore di WikiLeaks è accusato di numerosi altri reati, per i quali rischia un totale di 175 anni di carcere, tra cui “cospirazione per commettere un’intrusione in un sistema informatico” e “ottenimento e diffusione di documenti relativi alla difesa nazionale”.

Inoltre, anche se le garanzie americane dovessero rivelarsi insufficienti, Julian Assange otterrà solo il diritto di ricorrere in appello contro la decisione di estradizione firmata il 17 giugno 2022 dall’allora ministro degli Interni britannico, Priti Patel.

La decisione dell’Alta Corte comporta tuttavia un vantaggio significativo a favore di Julian Assange per il resto del procedimento. È la prima volta che i tribunali britannici riconoscono esplicitamente in una decisione che il fondatore di WikiLeaks deve beneficiare della protezione dovuta ai giornalisti.

Lo fa, inoltre, imponendo agli Stati Uniti di prendere posizione sulla questione. Da diversi anni il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta cercando di aggirare una spinosa questione legale: dato che molti giornali, anche americani, hanno ripreso informazioni da WikiLeaks, Come possiamo fare in modo che l’eventuale condanna di Julian Assange non crei un precedente e finisca per minacciare la stampa americana?

Il fondatore di WikiLeaks ha ricevuto il sostegno di molti media internazionali, alcuni dei quali americani, per aver pubblicato le informazioni che aveva fornito loro e per aver avvertito della minaccia alla libertà di espressione. La sentenza emessa martedì 26 marzo cita diversi articoli a sostegno di Julian Assange, tra cui uno pubblicato dal quotidiano americano The New York Times.

La giustizia statunitense pensava di aver limitato i rischi di questo grattacapo legale adattando l’atto d’accusa al caso, evitando accuratamente di colpire le pubblicazioni e concentrandosi invece su alcuni punti volti a far apparire Julian Assange come un hacker informatico o addirittura una spia.

Nonostante queste precauzioni, la questione è rimasta estremamente delicata per le autorità statunitensi. In un articolo pubblicato mercoledì 20 marzo, il Washington Post ha addirittura ventilato la possibilità di un accordo tra il Dipartimento di Giustizia e gli avvocati di Assange. Questo offrirebbe a Julian Assange la possibilità di dichiararsi colpevole in cambio di una riduzione delle accuse a suo carico e della possibilità di uscire di prigione.

La decisione è l’ennesimo colpo di scena nel lungo calvario legale di Julian Assange, dal suo arresto nell’ambasciata ecuadoriana a Londra l’11 aprile 2019 e la sua incarcerazione nella prigione di alta sicurezza di Bellmarsh, nei pressi di Londra, dove è stato posto in isolamento.

Il calvario giudiziario

I tribunali britannici hanno inizialmente respinto la richiesta di estradizione degli Stati Uniti con una sentenza di primo grado emessa nel gennaio 2021. Tuttavia, questa decisione ha messo da parte le questioni sostanziali, in particolare quelle relative allo status di giornalista invocato dalla difesa.

Il giudice Vanessa Baraitser ha respinto la richiesta statunitense solo perché le drastiche condizioni di detenzione a cui Julian Assange sarebbe stato sottoposto negli Stati Uniti avrebbero rappresentato un rischio per la sua salute. “Le condizioni mentali di Julian Assange sono tali che sarebbe un abuso estradarlo negli Stati Uniti”, ha dichiarato nella sua sentenza di martedì 5 gennaio 2021.

In risposta, il governo statunitense ha presentato ricorso contro questa decisione e nel febbraio 2021 ha inviato al sistema giudiziario britannico una “nota diplomatica” volta a fornire una serie di “assicurazioni”.

Julian Assange non sarebbe stato detenuto in un carcere di massima sicurezza e non sarebbe stato messo in isolamento. Le autorità statunitensi hanno inoltre aperto la porta a un possibile trasferimento di Julian Assange in Australia, suo Paese d’origine, affinché possa scontare la pena a cui è stato condannato. Infine, gli Stati Uniti si sono impegnati a garantire che Julian Assange riceva “un trattamento clinico e psicologico adeguato” al suo stato di salute.

Nel dicembre 2021, l’Alta Corte di Giustizia di Londra ha accettato le promesse degli Stati Uniti e ha annullato la sentenza di primo grado. Nel gennaio 2022, i difensori di Julian Assange hanno ottenuto il diritto di presentare un ulteriore ricorso alla Corte Suprema. Tuttavia, nel marzo successivo, la Corte Suprema ha rifiutato di prendere in considerazione il ricorso e, un mese dopo, l’ordine di estradizione è stato trasmesso al Segretario di Stato per il Dipartimento degli Interni, Priti Patel, che lo ha firmato il 17 giugno 2022.

Gli avvocati del giornalista hanno presentato un altro ricorso contro la firma dell’ordine di estradizione. Ma questo è stato nuovamente respinto da un magistrato martedì 6 giugno 2023. Come sottolineato all’epoca da Reporter senza frontiere (RSF), da allora Julian Assange è “pericolosamente vicino all’estradizione”.

Se l’Alta Corte gli negherà il diritto di appello, gli avvocati del fondatore di WikiLeaks avranno esaurito tutti i rimedi nazionali. La loro unica opzione sarà quella di deferire il caso alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) in base all’articolo 39 del suo regolamento. Questo articolo consente di chiedere alla Corte di emettere “misure provvisorie” in via d’urgenza in caso di rischio imminente di danni irreparabili, come minacce alla vita o maltrattamenti di un cittadino.

Le nuove garanzie statunitensi sull’applicazione del Primo Emendamento saranno esaminate dall’Alta Corte di Giustizia lunedì 20 maggio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano