5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
Homein fondo a sinistraIl Labour vincerà ma non sarà quello che sperate

Il Labour vincerà ma non sarà quello che sperate

La Cancelliera ombra, Rachel Reeves, ha fornito il quadro più chiaro dei piani laburisti, e probabilmente non è quello che pensate [James Meadway]

Parlando alla Mais Lecture di quest’anno nella City di Londra, tradizionalmente utilizzata dai cancellieri ombra per esporre la loro visione economica, Reeves (nella foto con Keir Starmer il leader del Labour) ha sostenuto la necessità di un taglio netto con i “fallimenti” dei passati governi conservatori e laburisti. “Siamo in un momento di cambiamento”, ha affermato, paragonabile a quello degli anni ’70, “in cui le vecchie certezze sulla gestione economica sono venute meno”.

È qui che entra in gioco il paragone con Margaret Thatcher, come politico che avrebbe posto fine alla crisi e creato un nuovo consenso. I laburisti hanno fatto leva su questa linea, ottenendo titoli di ammirazione da parte della stampa Tory. Il Sun ha definito Reeves ” the Iron lefty” (la sinistra di ferro). Ma si trattava di puro spin.

Il discorso di Reeves era, infatti, una critica diretta a Margaret Thatcher, al suo cancelliere Nigel Lawson e all’eredità dell’economia thatcheriana. Includeva persino una critica all’ultimo governo laburista per essersi attenuto al copione della Thatcher.

Il prossimo governo laburista sarà un tentativo consapevole di rompere decisamente con le politiche economiche tipiche degli ultimi quarant’anni, solitamente chiamate neoliberismo.

Ma porre fine al neoliberismo non significa necessariamente sostituirlo con qualcosa di meglio.

Dal 1979 i governi hanno promosso il neoliberismo e l’austerità (Thatcher, Cameron), oppure il neoliberismo e l’aumento della spesa (Blair).  Il Labour di Jeremy Corbyn ha offerto la fine del neoliberismo e più spesa. Il Labour di Keir Starmer offre qualcosa di radicalmente nuovo: una svolta contro il neoliberismo, combinata con un peggioramento dell’austerità. Non si è mai visto nulla di simile in Gran Bretagna”.

Reeves ha dichiarato che un governo laburista utilizzerà uno “Stato attivo” per promuovere l’industria nazionale. La Reeves ha definito questo come parte di una svolta contro il neoliberismo a livello globale, citando un nuovo “consenso di Washington” e usando Joe Biden come esempio.

Ma ciò che chiaramente non promette è la spesa che potrebbe far funzionare queste promesse. La Bidenomics implica una grande spesa per gli investimenti: almeno 780 miliardi di dollari per il resto del decennio, pari a 617 miliardi di sterline.

Il Labour, al contrario, rimane impegnato in un’ulteriore austerità dopo le prossime elezioni. La sua promessa di spesa verde da 28 miliardi di sterline all’anno è stata abbandonata senza tanti complimenti.

Per cercare di riflettere su quanto sta accadendo, possiamo metterlo in termini presi in prestito da Marx e dal femminismo marxista. A partire dalla Seconda Guerra Mondiale, i laburisti e i partiti analoghi in tutta Europa si sono preoccupati fortemente della “riproduzione sociale”, ovvero di quelle funzioni che, nell’ambito del capitalismo, assicurano che i lavoratori possano continuare a essere produttivi: sanità, istruzione, assistenza all’infanzia e così via. Così il New Labour in carica ha aumentato in modo sostanziale la spesa per il servizio sanitario nazionale e per le scuole, ad esempio, o ha aperto centri Sure Start per fornire sostegno ai bambini molto piccoli e ai loro genitori.

Ciò di cui i partiti socialdemocratici come il Labour si sono occupati in modo meno costante è la produzione, ovvero l’organizzazione stessa del lavoro.

Il New Labour ne è stato l’esempio più estremo, concedendo notoriamente ai servizi finanziari una regolamentazione “light touch”, promuovendo il libero scambio e tagliando attivamente il sostegno all’industria. Questa combinazione è ciò che ha contraddistinto il New Labour: le tradizionali preoccupazioni socialdemocratiche per la riproduzione sociale insieme all’abbraccio totale del neoliberismo nella produzione.

Il Labour di Reeves e Starmer ribalta tutto questo. Alcuni servizi pubblici saranno soggetti a un esteso neoliberismo e alla privatizzazione, in particolare l’NHS sotto il probabile segretario alla Sanità, Wes Streeting. Ma lo “Stato attivo” sarà presumibilmente impegnato a promuovere gli investimenti privati in vari settori favoriti, come la difesa e la tecnologia verde.

Il parallelo più vicino che mi viene in mente è il salvataggio dell’industria automobilistica britannica dopo la crisi del 2008. Ciò ha comportato una strategia industriale e l’intervento del governo – supervisionato da Peter Mandelson – per un settore chiave, sostenendo la domanda e ricostruendo le catene di fornitura, pur continuando a seguire le linee generali della politica neoliberista altrove. Lo stesso Mandelson, scrivendo sul Sunday Times durante lo scorso fine settimana, ha individuato nel discorso di Reeves una “”focalizzazione laser sull’aumento degli investimenti… con il governo che attenua i rischi e incentiva gli investimenti”.  È abbastanza chiaro che pensa che questa sia una ripresa del periodo in cui era segretario agli Affari alla fine degli anni 2000.

Per quanto riguarda il partito laburista, la tradizione a cui è più vicino non è il New Labour. È piuttosto la “vecchia destra”. Questa sezione quasi dimenticata della tradizione del partito laburista è strettamente associata all’ala destra del movimento sindacale, e si preoccupa molto degli interessi specifici di una fascia storicamente ristretta di lavoratori relativamente qualificati – quindi, diritti per i sindacati, cosa che Reeves ha sottolineato, ma nessuna preoccupazione reale per la spesa di “riproduzione sociale”.

È quasi certo che fallirà, e il modo in cui fallirà definirà le possibilità della sinistra in Gran Bretagna per il resto di questo decennio e oltre.

Il primo problema è la mancanza di un sostegno significativo per qualsiasi programma di questo tipo. La base sociale dei lavoratori del settore manifatturiero è oggi minuscola, meno dell’8% di tutta l’occupazione, in calo rispetto al 17% dell’ultima volta che i laburisti sono entrati in carica. La maggior parte dei lavoratori britannici lavora nei servizi, dalla vendita al dettaglio di generi alimentari al turismo, e circa la metà di questi lavora nel settore pubblico. Questa è la vera base di sostegno del Labour ed è fortemente legata alla spesa pubblica. E persino la promessa di Reeves di ampliare i diritti sindacali è già sotto attacco da parte di personaggi come Mandelson.

In secondo luogo, non c’è alcuna prospettiva reale che i laburisti riescano a superare anni di spesa minima per i servizi pubblici che sono stati ridotti al minimo. La loro speranza è che la “crescita” produca i suoi frutti, ma anche se ciò dovesse accadere, ci vorranno anni prima che si manifesti. La Reeves lancerà un “bilancio d’emergenza” quando arriverà al numero 11, che dovrebbe far superare ai laburisti la crisi invernale dell’NHS quest’anno, nell’ipotesi di elezioni autunnali. Ma che ne sarà del prossimo, e del prossimo ancora?

In terzo luogo, la scelta del Labour di concentrarsi sulla produzione avviene proprio nel momento in cui la crisi economica si manifesta sempre più come crisi della riproduzione sociale. È la crisi dell’assistenza, con mezzo milione di persone a cui viene negata l’assistenza sociale di cui hanno bisogno; dell’assistenza sanitaria, con liste d’attesa record per il servizio sanitario nazionale e un’aspettativa di vita in calo; dell’assistenza all’infanzia che la maggior parte dei genitori non può permettersi; del crollo degli edifici scolastici e della chiusura dei corsi universitari.

La risposta politica dell’opinione pubblica a tutto questo potrebbe non emergere nei modi che la sinistra vorrebbe. Un movimento di agricoltori sta già affilando i suoi proverbiali forconi, sul modello di movimenti simili in tutta Europa. Questi movimenti tendono a concentrarsi sul taglio delle spese ambientali e sono stati colonizzati dalla destra radicale – con alcune eccezioni, come ha dimostrato la Confederation Paysanne in Francia. Sembrano probabili proteste per il carburante, associate a misure antitraffico, simili a quelle dei primi anni del primo mandato di Blair.

Non si tratta di richieste tradizionali della sinistra, anche se sono incentrate su diversi aspetti della crisi ecologica, di cui la crisi del costo della vita è un sottoinsieme.

Ma non riuscendo a far leva sulla sua reale base di sostegno e non affrontando direttamente le crisi che milioni di noi si trovano ad affrontare – dal fallimento dei servizi pubblici al cambiamento climatico – la leadership del partito si sta avviando al fallimento.

(Meadway è un economista)

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano