5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
5.1 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
Homein fondo a sinistraCos'è We Deserve Better, la spina nel fianco sinistro del Labour

Cos’è We Deserve Better, la spina nel fianco sinistro del Labour

Owen Jones ha lasciato il Labour dopo 24 anni, esortando gli elettori a sostenere i candidati verdi e indipendenti alle prossime elezioni [Daniel Green e Tom Belger]

L’attivista ed editorialista di sinistra Owen Jones ha annunciato di aver lasciato il Partito Laburista dopo 24 anni, esortando gli elettori a sostenere i candidati verdi e indipendenti alle prossime elezioni generali.

 

La mossa ha suscitato critiche in tutto il partito, con una figura di spicco che l’ha definita “patetica” e un deputato che l’ha definita un “errore strategico” con il Labour sulla buona strada per riconquistare il potere. Un altro deputato ha invece affermato che si tratta di un “giorno triste per il partito”.

In un articolo pubblicato sul Guardian e in un video pubblicato online, il commentatore politico ha affermato che il Labour è diventato un “ambiente ostile” per chiunque creda in politiche più di sinistra, come la nazionalizzazione, ed è impegnato nelle “stesse politiche rovinose che hanno distrutto questo Paese”.

Ha esortato i lettori a “mandare un messaggio al Labour” iscrivendosi a un nuovo gruppo chiamato We Deserve Better.

Vediamo cos’è il gruppo, quali sono i suoi progetti e le reazioni all’uscita di Jones dal partito.

Sotto mira i membri del gabinetto ombra

Il suo sito web, che secondo quanto risulta a LabourList è stato registrato l’8 marzo, dice agli elettori che “i Tories sono fritti”, senza alcun rischio che il Partito Conservatore vinca le prossime elezioni. Afferma che: “I laburisti di Starmer vinceranno di default le prossime elezioni generali, ma non stanno offrendo alcuna soluzione ai rovinosi risultati dei conservatori. Ci meritiamo di meglio di questa corsa al ribasso”.

Il gruppo sta raccogliendo fondi per avviare un fondo per la campagna elettorale, che sarà utilizzato per sostenere “candidati socialisti”, indipendentemente dall’affiliazione di partito, al fine di sostenere “politiche di trasformazione”, tra cui “tassare i ricchi per finanziare i servizi pubblici, sostenere la proprietà pubblica, affrontare la crisi climatica e opporsi ai crimini di guerra a Gaza”.

Il gruppo sostiene che questo avviene “sapendo che non c’è alcun rischio che i conservatori tornino al governo”.

Sebbene il gruppo riconosca che ciò potrebbe significare sostenere i deputati laburisti “socialisti” in alcune aree, il sito web afferma specificamente che farà campagna contro due membri del gabinetto ombra, ovvero Thangam Debbonaire a Bristol Central e Wes Streeting a Ilford North, sostenendo rispettivamente la candidata verde Carla Denyer e la candidata indipendente britannico-palestinese Leanne Mohamad.

Le regole del Partito laburista, inasprite l’anno scorso per garantire il sostegno ai candidati rivali e ai partiti rivali, indicano che i membri rischiano l’espulsione per “aver fornito sostegno finanziario o assistenza a, o aver sostenuto in altro modo, la campagna di un individuo che si oppone a, o dichiara l’intenzione di opporsi a, un candidato del Partito laburista”.

È vietato anche “essere membro, fornire assistenza finanziaria, sedere nell’organo direttivo o sostenere in altro modo (come può essere definito dal Comitato esecutivo nazionale) qualsiasi organizzazione politica che il Comitato esecutivo nazionale, a sua assoluta discrezione, dichiarerà essere in contrasto con gli obiettivi e i valori del partito”.

Chi altro sostiene We Deserve Better?

Mentre Owen Jones è il sostenitore più in vista, con il suo video che proclama la sua uscita dal Labour in evidenza sul sito web, il gruppo afferma di avere un comitato di tre membri.

Si tratta di Fatima-Zahra Ibrahim, figura di spicco del gruppo Green New Deal Rising, del giornalista britannico-palestinese Hamza Ali Shah e di Amna Abdullatif, consigliere indipendente di Manchester. Quest’ultima ha lasciato il Partito laburista nell’ottobre dello scorso anno dopo aver affermato che Keir Starmer aveva “di fatto avallato un crimine di guerra” nei commenti rilasciati alla LBC.

Il sito web di We Deserve Better riporta la sede di Pelican House, nella zona est di Londra. Il sito è stato utilizzato anche dal gruppo di sinistra laburista Momentum, da Green New Deal Rising e da altre organizzazioni.

“Patetico appoggiare candidati che cercano di minare i laburisti”

All’indomani della pubblicazione del gruppo, questa mattina, si è scatenata un’ondata di critiche da parte di esponenti laburisti, che hanno scartato le possibilità di successo dell’iniziativa e hanno affermato che minerà il Labour proprio quando sembra destinato a entrare al numero 10.

Luke Akehurst, membro del comitato esecutivo nazionale del Labour, ha dichiarato: “Sospetto che questo progetto sarà fallimentare come tutte le precedenti fughe dal Partito Laburista, che siano a destra o precedenti formazioni di sinistra che sono scomparse senza lasciare traccia dopo una breve ondata di copertura mediatica”.

“Sono deluso dal fatto che Owen Jones, che era solito dare contributi ponderati al dibattito a sinistra, non da ultimo sostenendo opinioni sfumate su questioni che hanno a che fare con Israele e l’antisemitismo, abbia terminato la sua adesione in questo modo.

“C’è qualcosa di piuttosto patetico nell’appoggiare un insieme casuale di candidati verdi e indipendenti che cercano di minare il Labour proprio nel momento in cui ci stiamo avviando verso una storica vittoria alle elezioni generali”.

“È un errore strategico per la sinistra allontanarsi”.

Un deputato laburista ha dichiarato a LabourList: “Come amico di lunga data di Owen, sono deluso dalla sua decisione.

“Proprio nel momento in cui milioni di lavoratori si sono allontanati in modo decisivo dai conservatori e voteranno laburista, è un errore strategico per la sinistra allontanarsi e separarsi dalle opinioni consolidate dei lavoratori britannici.

“Il nostro compito è quello di sconfiggere i Tories e costruire una corrente maggioritaria per una svolta progressista nei mesi e negli anni a venire”.

Anche Andrew Fisher, ex direttore esecutivo per la politica e la ricerca sotto la leadership di Jeremy Corbyn, ha definito Jones un “buon amico”, ma ha detto che non si unirà a lui per lasciare il Partito Laburista.

In un articolo pubblicato sull’i (inews.co.uk), Fisher ha dichiarato: “Il partito non è il fan club di Keir Starmer. Se lo fosse, me ne andrei… Il Partito Laburista dice ancora nel suo regolamento di essere ‘un partito socialista democratico’… È il partito fondato dai sindacalisti…”.

“Sebbene il Partito laburista si sia spostato a destra negli ultimi anni, in termini di politica è semmai leggermente a sinistra rispetto a Miliband, Brown o Blair”.

“Un’accusa che il partito farebbe bene a non ignorare”.

Ma un altro deputato ha dichiarato a LabourList: “Solo i membri più faziosi festeggeranno la perdita di Owen dal partito. Attivista e scrittore instancabile, ha fatto campagna in decine di seggi e in numerose campagne.

“Che siate d’accordo con lui o meno, è difficile non vedere questo come un giorno triste per il partito. Storicamente, fin dalla sua nascita, il partito è sempre stato una casa per questi attivisti.

“La sua affermazione che, nonostante il coinvolgimento della sua famiglia da generazioni, non si sente più a casa nel Labour è un’accusa che il partito farebbe bene a non ignorare”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano