30.3 C
Rome
mercoledì 19 Giugno 2024
30.3 C
Rome
mercoledì 19 Giugno 2024
Homepadrini & padroniSollievo temporaneo per Assange

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

La decisione della Corte Suprema del Regno Unito di consentire a Julian Assange di presentare ricorso contro la sua imminente estradizione è una vittoria importante, anche se parziale. I giudici sono consapevoli che Assange non ha alcun caso reale di cui rispondere. L’accusa statunitense di “spionaggio” è una palese assurdità. Il fatto che non sia ancora stata respinta e che Julian sia stato rilasciato è un segno della diffusa sottomissione del Regno Unito agli interessi statunitensi.

Il merito va alla campagna internazionale per la liberazione di Julian, in particolare alla ferma determinazione della moglie Stella Assange e all’inoppugnabile ricostruzione giuridica di Nils Melzer di tutta questa sordida vicenda. Il New York Times e il Guardian, entrambi barometri di un’opinione servile, hanno riconosciuto l’assurdità delle accuse. Persino la classe politica australiana, altrimenti lacchè, ha votato per chiederne il rilascio (“La storia”, scriveva Engels, “è fatta in modo tale che il risultato finale scaturisce sempre da conflitti tra molte volontà individuali, ognuna delle quali è diventata a sua volta ciò che è per una serie di particolari condizioni di vita”).

L’unico “crimine” di Assange è stato quello di denunciare un crimine, cioè di rendere disponibili le prove delle brutalità statunitensi in Iraq. Ha potuto farlo solo perché Chelsea Manning gli ha fornito l’esplosivo video “Collateral Murder” e altre informazioni vitali. La donna ha riacquistato la libertà, mentre Assange continua a marcire nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh. Un Crown Prosecution Service imparziale non lo avrebbe semplicemente perseguito. Nel 2013 gli svedesi erano pronti ad archiviare il caso. Ma la Procura della Corona, guidata da Keir Starmer, ora leader del partito laburista britannico, li ha pregati di tenerlo aperto. Lui e i suoi collaboratori si sono recati negli Stati Uniti, dove hanno colluso con l’amministrazione Obama, anche se i documenti relativi a questi viaggi sono stati nascosti o distrutti.

Da criminali incalliti quali sono, Starmer e i suoi compari non volevano che nessun dettaglio trapelasse al pubblico. Il fatto che quest’uomo sia ora il cosiddetto “leader dell’opposizione” nel sistema parlamentare britannico e riceva un caloroso applauso dall’establishment per aver scaricato la coorte di Corbyn, reintegrando la vecchia guardia blairiana e sostenendo il genocidio israeliano non sorprende. La sua formazione per diventare il prossimo primo ministro britannico accettato da questo establishment è iniziata con l'”incastro” di Assange.

Un’altra decisione spaventosa e vendicativa è stata quella di tenere Assange rinchiuso in una struttura di massima sicurezza, sottoponendolo a prolungati periodi di isolamento, il che equivale all’applicazione senza limiti della tortura. La spiegazione ufficiale è stata che aveva eluso la cauzione, il che potrebbe spiegare il rifiuto di rilasciarlo; ma in realtà sarebbe stata sufficiente la concessione di un carcere aperto, come quelli utilizzati per gestire le condanne inflitte ai criminali finanziari. Il vero motivo del suo internamento è che le agenzie di intelligence volevano punirlo e umiliarlo. Di conseguenza, il giornalista di WikiLeaks è talmente malato che non ha potuto partecipare alle ultime due udienze del tribunale. Si aspettano forse che muoia prima dell’appello finale?
Cinque anni fa, Assange scrisse a un amico dalla sua cella: “Sono intatto, anche se letteralmente circondato da assassini, ma i giorni in cui potevo leggere, parlare e organizzarmi per difendere me stesso, i miei ideali e il mio popolo sono finiti. Tutti gli altri devono prendere il mio posto. Sono indifeso e conto su di voi e su altre brave persone per salvarmi la vita […]. La verità, in definitiva, è tutto ciò che abbiamo”.
La verità da sola non è mai sufficiente, soprattutto in questo misero mondo di doppi standard occidentali. Il sistema giudiziario britannico ha un record disgustoso quando si tratta di “nemici dello Stato”. È per questo che è stato creato per essere il nemico del popolo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte