22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
Homepadrini & padroniL'esercito francese addestra i neonazisti ucraini

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un’inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Campo di La Courtine, nel sud della Creuse, autunno 2023. Uomini in tuta dell’esercito francese si allenano al poligono di tiro. In altre immagini, avanzano nel bosco con l’equipaggiamento sulle spalle e le armi in mano. I fucili d’assalto sono dei famas o HK416, il tipo in dotazione all’esercito francese. In altre immagini, gli stessi uomini posano davanti a veicoli militari nel colore “marrone terra francese” ora utilizzato dall’esercito.

Fin qui nulla di sorprendente per questo campo militare centenario, ora utilizzato principalmente per l’addestramento. Ma contrariamente alle apparenze, questi soldati sono ucraini. Appartengono alla 3ª brigata d’assalto, l’unità dell’esercito ucraino che ha ereditato il reggimento Azov, un movimento nazionalista radicale con elementi neonazisti. Un’ideologia che evidentemente è ancora in voga: uno di loro ha l’emblema delle SS tatuato sulla tempia.

Con una sigaretta tra le labbra, l’uomo che chiameremo Denys* non è uno con cui scherzare. È arrivato in Francia con i suoi compagni intorno all’ottobre 2023 e il suo corpo è segnato da numerosi tatuaggi di vario grado di completamento. Ne ha diversi sul viso. Un coltello incrociato con un fiore sulla punta della guancia, la frase “Mia principessa” sul sopracciglio con le ultime due lettere (“ss”) accentuate, una falce sull’altro sopracciglio, ma soprattutto la runa Sieg sulla tempia, la stessa che, raddoppiata, forma l’emblema delle Schutzstaffel, le SS del regime nazionalsocialista.

Sebbene il simbolo sia tatuato in modo speculare rispetto alla sua versione originale, una foto che ritrae Denys accanto a una bandiera contrassegnata da una svastica elimina ogni ambiguità sulla sua interpretazione.

È noto che l’esercito francese addestra soldati ucraini. Sono 12.000 quelli giunti in Francia, di cui 8.000 nel 2023, ha dichiarato il ministero a Mediapart. Alla fine dell’anno scorso, squadre di TF1 e France 3 hanno potuto fare un servizio sull’argomento, ma l’ubicazione della base militare utilizzata a questo scopo doveva rimanere segreta e i giornalisti non hanno potuto intervistare le persone principali coinvolte, i cui volti sono stati offuscati.

L’addestramento è durato poche settimane, durante le quali hanno imparato i rudimenti del loro mestiere: muoversi in una foresta, assaltare una trincea o partecipare a un combattimento urbano. Tutte queste attività sono svolte sotto l’occhio vigile degli istruttori francesi. “Sono venuti a imparare i nostri metodi occidentali per cercare di smuovere le cose in prima linea”, spiega il tenente colonnello Even, capo del distaccamento di partenariato operativo con l’Ucraina, davanti alle telecamere. Il tatuaggio di Denys non poteva certo passare inosservato.

Saluti hitleriani e croci celtiche

Mentre diverse foto postate su Instagram lo ritraggono in uniforme francese, con il tatuaggio delle SS ben visibile, un’altra probabilmente scattata in una mensa del campo di La Courtine indica che il tatuaggio in questione è stato momentaneamente coperto con una benda. Si trattava di un’istruzione al soldato ucraino di non emulare le truppe francesi? Contattato, non ha risposto alle nostre domande. Né il Ministero delle Forze Armate ha risposto alle nostre domande specifiche su di lui.

Tra i soldati ucraini che verranno in Francia per l’addestramento nell’ottobre 2023, Denys non è l’unico a manifestare le sue convinzioni neonaziste. I suoi commilitoni forse non hanno scelto di portarle in faccia, ma una rapida occhiata ai loro profili pubblici sui social network non lascia spazio a dubbi.

Uno di loro fa molti saluti hitleriani e si scatta un selfie con un fazzoletto da collo con una croce celtica. Un altro si mostra con gli emblemi delle divisioni SS “Totenkopf” e “Galizia” (quest’ultima era composta principalmente da volontari ucraini). Altri due sono affezionati al totenkopf (teschio e ossa incrociate), che portano su toppe o magliette. Il 20 aprile, giorno del compleanno di Adolf Hitler, un altro soldato del gruppo viene mostrato in posa davanti a un affresco in suo onore.

Di per sé, il solo fatto che l’esercito francese stia addestrando al combattimento uomini della 3a brigata d’assalto ucraina solleva delle domande. Fondato nel 2014 all’inizio della guerra nel Donbass, il battaglione Azov, poi diventato reggimento, era inizialmente composto da volontari. Sebbene abbia guadagnato grande popolarità partecipando alla riconquista della città di Mariupol dai separatisti filorussi nello stesso anno, e ancor più durante l’assedio della stessa città nel 2022, la sua identità rimane intrinsecamente legata al nazionalismo radicale ucraino.

Sebbene la sua importanza sia diminuita, i suoi elementi neonazisti rimangono. L’emblema storico del reggimento presenta un sole nero sullo sfondo, un simbolo runico legato all’esoterismo nazista e inventato dalle SS, nonché un wolfsangel rovesciato, la runa che fungeva da stemma della divisione Waffen-SS “Das Reich”, ricordata in Francia per il massacro di Oradour-sur-Glane.

Il reggimento Azov ha a lungo difeso la propria immagine da qualsiasi riferimento al nazismo in questa seconda scelta, sostenendo che il simbolo rovesciato rappresenta “l’idea di nazione”, poiché forma le lettere “I” e “N” sovrapposte. Se è vero che questa variante preesisteva all’interno del nazionalismo ucraino e che alcuni suggeriscono che le sue origini risalgano al Medioevo, Adrien Nonjon, dottorando in storia, ritiene nel suo libro Le Régiment Azov. Un nationalisme ukrainien en guerre (Cerf, 2023) che il suo “preciso orientamento ideologico” rimanga difficile da determinare.

La partecipazione di soldati legati al Reggimento Azov a un programma di addestramento gestito dall’esercito canadese in territorio ucraino nel 2020 aveva già suscitato polemiche dall’altra parte dell’Atlantico.

La 3a brigata d’assalto non è più esattamente il reggimento Azov, spiega il ricercatore Adrien Nonjon a Mediapart. Mentre il reggimento Azov faceva parte della Guardia nazionale ucraina, e quindi sotto l’autorità del Ministero degli Interni, la 3ª brigata è stata formata riunendo i sopravvissuti all’assedio di Marioupol e le unità di difesa territoriale, riorganizzate e integrate direttamente nelle forze armate ucraine, quindi sotto l’autorità del Ministero della Difesa. “Ma Azov rimane quello che è e non può cancellare completamente le sue origini. È normale che ci sia ancora un certo numero di profili politicizzati, anche se la maggioranza dei combattenti della brigata oggi non ha idee estremiste.

Dato che secondo le stime il numero di ucraini che attualmente prestano servizio sotto la loro bandiera è di diverse centinaia di migliaia, se non di un milione, Tuttavia, l’addestramento degli uomini di questa unità, che sono solo poche migliaia, è necessariamente una scelta dell’esercito francese. Interrogato, il Ministero delle Forze Armate ci ha semplicemente detto che “sono le forze armate ucraine a organizzare il flusso e la selezione dei soldati ucraini inviati in Francia e in Europa. Non abbiamo quindi alcun commento da fare su questa organizzazione”.

In Ucraina, la 3a brigata d’assalto sembra essere molto popolare tra alcuni neonazisti francesi che sono partiti per combattere al fronte. Diversi di loro affermano di farne parte, tra cui l’uomo arrivato dopo essere stato accusato di aver aggredito un addetto parlamentare de La France insoumise nell’aprile 2023, come rivelato da Mediapart, e l’uomo di Lione a cui il nostro partner Rue89 Lyon ha dedicato un articolo. Si tratta di uomini con i quali alcuni degli ucraini giunti in Francia si sono scontrati prima e dopo la loro formazione.

Ciò che è ancora più inquietante è che il gruppo di soldati ucraini della 3a brigata d’assalto giunti nella Creuse nell’ottobre del 2023 comprendeva un francese. Se i suoi post sono credibili, l’uomo che sui social network si fa chiamare “Cafard Misanthrope” sarebbe partito per l’Ucraina, poi è tornato in Francia come parte di questo addestramento militare, prima di tornare a combattere. Anche lui è un neonazista convinto. Contattato, non ha risposto alle nostre domande. Né il Ministero delle Forze Armate ha risposto alle nostre domande su di lui.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte