1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaUva, il pm: prosciogliere carabinieri e agenti

Uva, il pm: prosciogliere carabinieri e agenti

L’udienza preliminare per la morte di Giuseppe Uva: per la procura non fu omicidio ma solo un abuso di potere.

di Checchino Antonini

Uva, il pm: prosciogliere carabinieri e agenti

Si dovrà aspettare la fine del mese, il 30 giugno, per capire la piega che prenderà il processo per l’omicidio di Giuseppe Uva. Ma la rimozione dal caso del pm Abate, che per anni ha evitato di indagare puntando ossessivamente sul caso di malasanità, non sembra aver cambiato la musica che si suona a Varese dove il procuratore Felice Isnardi ha chiesto oggi il proscioglimento dall’accusa di omicidio preterintenzionale e altri reati per il carabiniere e i sei poliziotti imputati per la morte di Giuseppe Uva, l’artigiano di 43 anni morto il 14 giugno 2008 dopo aver trascorso parte della notte nella caserma dei carabinieri.

Il pm ha chiesto il rinvio a giudizio ma per l’accusa di abuso di potere. Un reato che a detta dei difensori, per il pm “non ha alcuna attinenza con l’evento morte”. “E’ una cosa inaspettata e per me non se lo aspettavano neanche gli imputati, ma si tratta delle richieste del pm e confidiamo nella decisione del giudice”, ha detto il legale dei familiari di Giuseppe Uva. La sorella di Uva, Lucia, che è stata presente a tutte le udienze, non ha voluto invece rilasciare dichiarazioni ed è apparsa visibilmente scossa. Un altro carabiniere imputato ha chiesto di essere processato con rito abbreviato mentre Lucia Uva ha chiesto il giudizio immediato nel processo che la vede imputata il prossimo 13 giugno per diffamazione ai danni delle forze dell’ordine.

La sera del 14 giugno del 2008, Giuseppe Uva venne fermato, in compagnia di un amico, per una presunta ubriachezza molesta. I carabinieri chiesero rinforzo alla questura e Uva finì in una caserma della polizia da dove uscì per andare in ospedale con un Tso. L’unico teste, suo amico, ha sempre detto di averlo sentito urlare mentre era sottoposto alle attenzioni dei tutori dell’ordine. Verrà interrogato solo quasi sei anni dopo i fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]