-1 C
Rome
giovedì 22 Aprile 2021
-1 C
Rome
giovedì 22 Aprile 2021
HomecultureUcraina, la forza di una foto

Ucraina, la forza di una foto

Perché i media occidentali hanno pubblicato le foto di Saddam impiccato o di Gheddafi massacrato e non quella della bambina uccisa dall’esercito ucraino?

di Nicolai Lilin

Ucraina, la forza di una foto

Non ho visto nessuno dei media occidentali pubblicare questa foto, questa terribile immagine della bambina uccisa a Slovyansk l’8 giugno, colpita a morte nel corso del bombardamento che l’«eroico» esercito ucraino ha scatenato contro la popolazione civile. Alcuni mi rispondono: «Questa foto non può essere pubblicata per la questione etica, l’immagine è troppo cruda». Però, non erano crude le immagini di Gheddafi massacrato o di Saddam impiccato? Oppure quelle immagini andavano bene sulle prime pagine dei quotidiani occidentali perché rappresentano la vittoria assoluta del “bene” sul “male”?

Perché quegli uomini erano i cattivi di turno e tutto il mondo doveva vedere che fine hanno fatto? Quindi per i nostri media l’etica è un’opzione facoltativa? Io penso che sulla questione di genocidio ucraino non si può più tacere, non possiamo acconsentire con il nostro obbediente silenzio i crimini ad opera degli oligarchi corrotti di Kiev.

Dobbiamo diffondere l’informazione, dobbiamo dimostrare la vera faccia della politica espansionistica della finanza globale, delle multinazionali che distruggono la legalità, che agiscono contro i valori costituzionali, che calpestano i diritti umani aumentando il profitto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Amazon ha rubato le elezioni! Il sindacato fa ricorso in Alabama

RWDSU fa ricorso su 21 punti contro la bocciatura della sindacalizzazione dei lavoratori Amazon di Bessemer

George Floyd, agente condannato ma la polizia uccide ancora

L'ex poliziotto Derek Chauvin è stato condannato per omicidio nel processo per la morte di George Floyd a Minneapolis 

Grillo, il figlio, lo stupro e la fiera degli stereotipi

Grillo e la fiera degli stereotipi per difendere il figlio accusato di stupro. Uno show disgustoso di Marina Zenobio Beppe Grillo vaff...

La guerra dei vaccini e la guerra alle varianti

Covid-19: la lotta contro le varianti richiede un cambio di strategia perché sono più resistenti dei vaccini [Rozenn Le Saint]

Puglia, 85 associazioni chiedono stop all’ecocidio

La cosiddetta "emergenza xylella": da 7 anni la Regione Puglia ignora la mancanza di nesso fra disseccamento degli ulivi e presenza del batterio