-1.5 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
-1.5 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoNapoli, occupare ufficio finto per reclamare lavoro vero

Napoli, occupare ufficio finto per reclamare lavoro vero

Occupazione lampo degli uffici del ministero del lavoro di Napoli contro i licenziamenti politici alla Fiat e la disoccupazione dilagante, per la piena occupazione e il salario garantito

napoli min lav occupato

di Checchino Antonini

Era l’ufficio di collocamento di Napoli, via Marina. Oggi è una sede periferica del ministero del lavoro. Dopo un paio di decenni di smantellamento sistematico e feroce del welfare viene percepito come un luogo più che inutile (visto che il collocamento pubblico è solo una costosa macchina di burocrazia). Per questo è in corso l’occupazione degli uffici da parte di un settore consistente dell’arcipelago delle realtà sociali che in città e in provincia si battono contro la precarietà e la disoccupazione. Si tratta di almeno una cinquantina di attivisti di Iskra, La Scintilla, Spartaco, Uniti si vince, disoccupati di Acerra, cassintegrati e licenziati Fiat.

Uno di loro telefona in redazione e annuncia un corteo per il pomeriggio, denuncia la tensione indotta dall’arrivo della polizia. La questione dei licenziamenti politici alla Fiat è sicuramente una delle rivendicazioni centrali di questa iniziativa che lancia il corteo del 17 luglio a Pomigliano contro l’arroganza di Marchionne in quella e in tutte le altre fabbriche della multinazionale ex torinese. Più in generale, l’occupazione di oggi rientra nella mobilitazione contro il jobs act di Renzi e contro le «farse padronali» come il rimpallo di responsabilità sulla vertenza dei disoccupati Bros di Napoli. L’unico lavoro possibile, per i manifestanti, è quello che potrebbe arrivare dalle bonifiche e dalle riqualificazioni ambientali, tra Bagnoli e la Terra dei fuochi. «Lavoro vero e utile socialmente», dice ancora l’occupante che ha telefonato alla redazione di Popoff.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri