28.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
28.7 C
Rome
giovedì 29 Luglio 2021
Homepadrini & padroniEcuador, allarme minori allontanati da famiglie in Italia

Ecuador, allarme minori allontanati da famiglie in Italia

Accade solo in Italia, sono oltre 100 i minori ecuadoriani colpiti da provvedimenti dei servizi sociali. Due viceministre del presidente Correa a Roma.

Ecuador, allarme minori allontanati da famiglie in Italia

di Marina Zenobio

Le famiglie ecuadoriane in Italia hanno denunciato che con troppa frequenza, per motivi di indigenza (e basta non avere lavoro per essere indigenti) o per una “troppo rigida interpretazione della normativa sulla tutela dei minori”, i servizi sociali portano via i loro figli minorenni per affidarli a case famiglie o altre strutture di assistenza sociale. Dati ufficiali non ne esistono, “ma l’emergenza coinvolgerebbe circa 30 mila famiglie su una comunità che conta 200 mila cittadini ecuadoregni, da Genova a Milano, a Roma” ha dichiarato la viceministro della Giustizia dell’Ecuador, Nadia Ruiz, in Italia su mandato del governo di Quito molto preoccupato per il fenomeno e che preferirebbe che bambini e adolescenti fossero affidati ai parenti in Ecuador. Ed è questa la richiesta presentata da Ruiz nel corso di un incontro all’Iila (Istituto italo-latino americano).

“La nostra Costituzione – precisa Ruiz – tutela tutti i cittadini ecuadoregni, compresi quelli che vivono all’estero” aggiungendo che il suo paese è molto preoccupato per i figli e per le loro famiglie “Ovunque nel mondo i bambini hanno il diritto di vivere insieme ai loro genitori”. Il nostro obiettivo, ha ricordato dal canto suo l’ambasciatore dell’Ecuador in Italia, Juan Holguin, è “evitare che il rimedio sia peggiore del male”. Nadia Ruiz, dopo aver visitato le mamme ecuadoriane a cui sono stati tolti i figli, ha incontrato il ministro di giustizia Andrea Orlando che ha dato una disponibilità di massima ad affrontare il fenomeno e valutare le richieste del governo ecuadoriano.
E’ un tema molto caldo a cui la presidenza di Rafael Correa è molto attenta, ha ricordato il viceministro della Giustizia dell’Ecuador, e si aspetta delle risposte dal governo italiano.

In base ai dati i possesso di Ruiz, sono circa 100 i minori colpiti da provvedimenti definitivi di allontanamento. “Un danno irreversibile per i bambini allontanati dai propri genitori”, ha detto l’ambasciatrice Holguin mentre la viceministra ecuadoriana agli esteri, Maria Landazuri De Mora, anche lei presente all’incontro, ha precisato che “Si tratta di una situazione che riscontriamo soltanto in Italia, in nessun altro paese si è verificato un fenomeno simile. Siamo grati per accoglienza che l’Italia ha offerto ai nostri immigrati, ma chiediamo trasparenza e un maggiore scambio di informazioni con le autorità italiane.”

“In Spagna i minori separati dai loro genitori vengono affidati ai loro famigliari in Ecuador. Il nostro auspicio è che questo accada anche in Italia. Se le loro madri e i loro padri non sono in grado di provvedere al loro sostentamento, la scelta deve essere per l’affidamento alle proprie famiglie in Ecuador, anziché affidarli a famiglie italiane loro estranee. Il fattore culturale è determinante”, ha concluso il viceministro De Mora.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20