29.2 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
29.2 C
Rome
sabato 31 Luglio 2021
HomecultureOnu, in Ucraina 1.129 morti, 3.442 feriti e 101.617 profughi

Onu, in Ucraina 1.129 morti, 3.442 feriti e 101.617 profughi

Nel rapporto dell’Onu si parla anche di 812 persone rapite e torturate, di gruppi armati che agiscono al di fuori da ogni controllo e di danni materiali per seicentotrenta milioni di euro. Il film fotografico di otto mesi di violenze e di soprusi in Ucraina.

 

di Franco Fracassi

Un colpo di Stato, la presa di potere da parte di gruppi vicini a Washington e di idealogia neonazista, otto mesi di violenze e soprusi stanno disintegrando un Paese di quaranta milioni di abitanti, ricchissimo di risorse del sottosuolo e dotato di armi nucleari. Secondo le Nazioni Unite, in Ucraina le violenze di piazza e la successiva guerra civile hanno causato 1.129 morti, 3.442 feriti e seicentotrenta milioni di euro di danni materiali.

 

L’Onu accusa il governo di «non tutelare sufficientemente le popolazioni civili», e i separatisti di «aver messo in atto deliberati attacchi ai palazzi pubblici, gli assalti a banche e miniere e la distruzione della rete ferroviaria».

 

Nel rapporto si parla anche dei profughi. L’Unhcr stima siano 101.617, l’ottantasei per cento dei quali in fuga dalle province dell’est, sotto il controllo dei separatisti e investite dalla guerra.

 

Infine, l’Onu denuncia la presenza di generici gruppi armati, responsabili del sequestro di 812 persone. «I gruppi armati sono anche responsabili di torture e di esecuzioni sommarie».

 

Nella regione del Donbass agiscono gruppi di autodifesa russofoni, bande appartenenti alla criminalità organizzata e corpi paramilitari nazisti, integrati dal governo di Kiev all’interno della Guardia nazionale, ma pur sempre indipendenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]