22.7 C
Rome
martedì 27 Luglio 2021
22.7 C
Rome
martedì 27 Luglio 2021
HomecultureUcraina/Offensiva sempre più dura. Più di 100 civili morti nell’ultimo week end

Ucraina/Offensiva sempre più dura. Più di 100 civili morti nell’ultimo week end

Le forze armate ucraine intensificano l’offensiva. Oramai i quartieri residenziali vengono bombardati quotidianamente. Eccidio di civili nella città Lugansk. Colpiti duramente anche i dintorni di Donetsk. Non si salvano nemmeno l’università e gli ospedali.

 

di Franco Fracassi

Bombardati un mercato rionale e due edifici residenziali in una cittadina (Yasynuvata) a venti chilometri da Donetsk. I morti accertati sono tre, ma si teme siano molti di più.

 


«Ci sono molte più vittime tra i civili che tra le milizie di auto-difesa. Questi stupidi bombardamenti sulle zone residenziali. Ci sono alcune case distrutte in questa direzione, molte altre da quella parte e una paersona è morta vicino quella scuola. Perché lo fanno? A che serve tutto ciò?». I media internazionali hanno spostato la loro attenzione lontano dall’Ucraina. Ma nel Donbass si continua a morire, come ha spiegato un abitante della città a Russia Today. Secondo quanto riportano le Nazioni Unite, le prime due settimane d’agosto sono state le più dure dall’inizio della guerra. In queste due settimane le forze armate ucraine hanno lanciato l’offensiva più violenta, bombardando pesantemente Lugansk (430.000 abitanti).

fasizam u ukrajini 54

Le cifre delle vittime come al solito variano a seconda della fonte. Di sicuro si sa che secondo l’Onu il conto dei morti della guerra ha superato le duemila e cento persone. Si sa anche che nell’ultimo week end a Lugansk sono morti molto più di cento civili. Alcune fonti russe parlano di 94, altre di 128, altre ancora (questa volta delle Nazioni Unite) 119.

 

Secondo la France Presse, «i quartieri orientali di Lugansk sono stati colpiti dal fuoco dei mortai. Centrato un autobus, un magazzino e diversi edifici residenziali. Bombardata anche l’università, una clinica, un ospedale e un carcere, da cui sono fuggiti centosei detenuti».

donbas 13

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20

Così don Gallo festeggiò i suoi 73 anni

Il 18 luglio 2001 Andrea Gallo festeggiò a modo suo i suoi 73 anni. Il giorno appresso era in piazza a Genova