33.4 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
33.4 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
HomecultureUcraina/Offensiva sempre più dura. Più di 100 civili morti nell’ultimo week end

Ucraina/Offensiva sempre più dura. Più di 100 civili morti nell’ultimo week end

Le forze armate ucraine intensificano l’offensiva. Oramai i quartieri residenziali vengono bombardati quotidianamente. Eccidio di civili nella città Lugansk. Colpiti duramente anche i dintorni di Donetsk. Non si salvano nemmeno l’università e gli ospedali.

 

di Franco Fracassi

Bombardati un mercato rionale e due edifici residenziali in una cittadina (Yasynuvata) a venti chilometri da Donetsk. I morti accertati sono tre, ma si teme siano molti di più.

 


«Ci sono molte più vittime tra i civili che tra le milizie di auto-difesa. Questi stupidi bombardamenti sulle zone residenziali. Ci sono alcune case distrutte in questa direzione, molte altre da quella parte e una paersona è morta vicino quella scuola. Perché lo fanno? A che serve tutto ciò?». I media internazionali hanno spostato la loro attenzione lontano dall’Ucraina. Ma nel Donbass si continua a morire, come ha spiegato un abitante della città a Russia Today. Secondo quanto riportano le Nazioni Unite, le prime due settimane d’agosto sono state le più dure dall’inizio della guerra. In queste due settimane le forze armate ucraine hanno lanciato l’offensiva più violenta, bombardando pesantemente Lugansk (430.000 abitanti).

fasizam u ukrajini 54

Le cifre delle vittime come al solito variano a seconda della fonte. Di sicuro si sa che secondo l’Onu il conto dei morti della guerra ha superato le duemila e cento persone. Si sa anche che nell’ultimo week end a Lugansk sono morti molto più di cento civili. Alcune fonti russe parlano di 94, altre di 128, altre ancora (questa volta delle Nazioni Unite) 119.

 

Secondo la France Presse, «i quartieri orientali di Lugansk sono stati colpiti dal fuoco dei mortai. Centrato un autobus, un magazzino e diversi edifici residenziali. Bombardata anche l’università, una clinica, un ospedale e un carcere, da cui sono fuggiti centosei detenuti».

donbas 13

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]