11.5 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
11.5 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaFederico Aldrovandi, la battaglia non è finita

Federico Aldrovandi, la battaglia non è finita

Nove anni fa l’omicidio di Federico Aldrovandi. Scrive uno dei suoi amici, tra gli animatori dell’associazione che porta il nome del diciottenne ferrarese

di Andrea Boldrini*

10427243_10152311615372001_5639942641365584778_n

Sono passati 9 anni dalla morte di Aldro, ce ne sono voluti sette per vedere la conclusione del processo con la condanna definitiva per i quattro agenti che l’hanno ammazzato.

Nonostante questo processo, una forte attenzione mediatica, interventi politici dediche artistiche di ogni forma, in questi anni il clima è cambiato solo apparentemente le vittime in seguito ad interventi delle forze dell’ordine continuano a non avere la giustizia che meritano. L’ultimo venti giorni fa a Napoli, Davide Bifolco aveva 16 anni ed è morto trafitto da un proiettile esploso da un carabiniere, prima di lui magherini a Firenze uva a varese cucchi a roma ferrulli a Milano e tanti altri. Questa è la dimostrazione che da nord a sud il problema non è la condizione sociale o lo stile di vita di una persona ma l’incapacità di gestire situazioni a volte nemmeno particolarmente complicate.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Dopo questi nove anni abbiamo capito che i processi sono importanti ma non sono sufficienti, è necessario che cambi la cultura politica relativa agli interventi per le strade, nelle carceri e nelle caserme. Siamo stanchi di ricevere solidarietà quando patrizia e lino vengono offesi pubblicamente senza ottenere nessun cambiamento concreto. Chiediamo alla politica di dare gli strumenti: numeri identificativi per le f.d.o, introduzione di una nuova legge contro la tortura e nuove e più chiare regole di intervento. Ma questo non basta, nove anni fa quando abbiamo cominciato costituendo il comitato verità per aldro eravamo in pochi, ci sentivamo il vuoto attorno, adesso le cose sono cambiate ma la battaglia non è finita, per ottenere quei risultati e perché davvero ci sia il cambiamento di cui il paese ha bisogno serve l’impegno di tutti, la nostra associazione si pone questo obiettivo perché ricordare federico vuol dire non dimenticare tutti gli altri.

10419404_10152311615262001_4284348328180670920_n

Se volete iscrivervi all’associazione potete farlo dal sito www.federicoaldrovandi.it per contribuire alle iniziative future.

*vicepresidente dell’associazione Federico Aldrovandi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli architetti della Resistenza

Fino al 26 febbraio, a Milano, la mostra Progettare la memoria. Lo studio BBPR: i monumenti, le deportazioni

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio