martedì 20 novembre 2018

Renzi uccide il mondo del volontariato

Renzi uccide il mondo del volontariato

La legge di stabilità dimezza i fondi per i centri di servizio al volontariato che altri governi avevano già ridotto del 40%. Fuoco amico sui serbatoi del voto utile

di Checchino Antonini

volontariato-orizzontale

Molti di loro non avrebbero mai pensato, nella loro vita cosciente, di dover difendere le fondazioni bancarie per rivendicare il diritto a esistere come centri di servizio del volontariato. Molti altri, che non hanno fatto venir meno il loro sostegno ai partiti di governo non avrebbero mai pensato di votare per chi li avrebbe uccisi. Quel mondo si trova davanti a una delle finanziarie più feroci che potesse mai immaginare nonostante il collateralismo col Pd di tante delle sigle del terzo settore e del volontariato. Il fuoco amico di Renzi sta per abbattersi anche su di loro. Il Disegno di legge di stabilità, in questo momento al vaglio del Quirinale, contiene «misure preoccupanti» nei confronti di chi quelle politiche le realizza concretamente sul territorio, spiega una nota dei Csvnet, la rete nazionale dei centri di servizio.
Infatti, accanto ai tagli alle Regioni, che come primo impatto andranno inevitabilmente a gravare sui servizi alla persona, ricadranno sul Volontariato e su tutto il Terzo settore anche le modifiche che interessano la tassazione degli enti non commerciali, con particolare riferimento alle Fondazioni di origine bancaria. Il combinato disposto porterebbe ad un impatto negativo sulla sanità e sul welfare, da decifrare nelle dimensioni e nelle conseguenze.

«Se quanto preannunciato dal Premier Renzi lo scorso 16 ottobre sarà approvato, la legge di stabilità colpirà pesantemente le rendite delle Fondazioni, riducendo le risorse destinate dalle stesse Fondazioni a tutto il mondo del Volontariato e ai Centri di Servizio per il Volontariato (CSV), che ne promuovono lo sviluppo sul territorio nazionale», commenta Stefano Tabò, presidente di CSVnet – Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato.

Le Fondazioni, anche grazie ai tagli ventennali da parte di governi amici e no, sono ormai un supporto fondamentale per lo sviluppo della cultura, un agente di crescita anche economico, «ed hanno un ruolo fondamentale per il mantenimento di quel sistema di welfare che negli ultimi anni ha subito tagli progressivi». E’ l’effetto dell’articolo 15 della legge 266/91 per cui le fondazioni di origine bancaria devono finanziare il lavoro dei Centri di Servizio.

Per quel sistema – a parità di ricavi delle Fondazioni – vuol dire un ulteriore taglio del 50% alle risorse che negli ultimi 5 anni sono già diminuite del 40% anche per effetto dell’Atto di indirizzo Visco che, dalla sua emanazione nell’aprile 2001, tutti i Governi hanno fin qui fatto proprio. Un taglio che ne metterebbe a rischio la sopravvivenza, distruggendo una infrastrutturazione sociale di livello nazionale importante per lo sviluppo del Paese.
I CSV sono 78 in tutta Italia e si articolano sul territorio con oltre 400 tra sedi e sportelli; sono espressione di una base associativa di oltre 25mila organizzazioni che rappresenta il 50% del Volontariato; offrono servizi di varia natura a più di 30.300 associazioni di volontariato ogni anno.

«In occasione della preannunciata riforma del Terzo Settore abbiamo offerto la nostra rete e le nostre competenze ad un disegno di rilancio complessivo delle stesse organizzazioni di Terzo settore e dei valori che esprimono. Oggi vediamo compromessa anche la nostra stessa esistenza. Auspichiamo che il Governo, nel portare avanti le scelte annunciate, tenga conto di tutte le conseguenze dirette e indirette delle misure presentate», conclude Tabò.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.