7.6 C
Rome
giovedì 13 Maggio 2021
7.6 C
Rome
giovedì 13 Maggio 2021
HomecultureLa folle passione di Jennifer Lawrence e Bradley Cooper

La folle passione di Jennifer Lawrence e Bradley Cooper

Arriva al cinema il nuovo film di Susanne Bier, Una folle passione, tratto dall’omonimo romanzo di Ron Rash. Su Popoff la recensione

di Giorgia Pietropaoli


Il trailer del film

«Sono George Pemberton./Serena Shaw./Dovremmo sposarci». Parte in quarta così e senza fronzoli la storia d’amore tra George e Serena, due individui che si assomigliano, così tanto da spingere/respingere l’altro nella direzione opposta. Sembra una storia d’amore nata con le premesse azzeccate eppure qualcosa non funziona. Nel matrimonio di Serena e George come nell’intera pellicola di Susanne Bier (Non desiderare la donna d’altri, Noi due sconosciuti). C’è continuamente una nota stonata che rende stridulo, quasi insopportabile l’intero melodramma.
Una folle passione, incastrato nelle convenzioni del dramma in costume e adagiato sull’idea della bravura dei suoi protagonisti, non riesce a trovare una sua identità e si consuma in una storia dalle motivazioni fiacche e quasi inesistenti.

una-folle-passione

«Quello che è successo prima non esiste». Appunto: tutti quelli che hanno amato Il Lato Positivo – Silver Linings Playbook possono anche dimenticare la speranza di rinnovare la sensazione di goduria provata nel guardare una Jennifer Lawrence e un Bradley Cooper anticonformisti, sbandati e surreali. I due attori, che sembrano aver stipulato un contratto di partnership lavorativa perenne, si muovono come eccelsi figuranti e nulla più. Fanno il loro dovere ma senza apportare un aiuto concreto per migliorare un film che pare segnato fatalmente dall’inizio.
Susanne Bier, che dirige perdendo tutta la sua danesità, perde colpi e originalità inesorabilmente a ogni scena, complice anche una sceneggiatura (di Christopher Kyle) debole, incapace di scalare con passione (un folle, folle passione, ecco!) una drammaticità continuamente ricercata (e mai trovata). «Le cose che hai fatto le hai fatte per noi, per il nostro futuro».

Serena e George, novelli coniugi Macbeth trapiantati nelle Montagne Fumose, non riescono a raffigurare in maniera credibile la loro discesa, il loro percorso nel baratro della follia, della perdizione personale e mentale. «L’unica cosa che mi spaventa è che non ti fidi di me». Con una sola strega/Galloway (Rhys Ifans, che è sempre degno di attenzione) a fare da visionario-veggente, le predizioni (?) sembrano un modo per inserire qualcosa in più in una trama spoglia e nuda, tanto per diversificare, tanto per allungare un brodino indigesto. «Ho un debito d’onore con lei».
Oh sì, i costumi, le acconciature, le scenografie (praghesi, occhio agli inganni) sono da manuale così come il montaggio, lineare e ordinario. L’unico elemento che, però, poteva fare davvero la differenza sarebbe stato una scrittura enormemente crudele e spietata, in grado di trasmettere il senso di smarrimento e di brutalità che un personaggio come Serena (è questo, in fin dei conti, il titolo originale della pellicola) avrebbe dovuto provare e mostrare.

unafollepassione3

Manca una poetica, manca un’interpretazione registica, manca un’idea di dramma definita con storie ben costruite in grado di giustificare tanta messa in scena. L’assalto di un puma cercato a lungo non è sufficiente a colmare tante lacune. Una folle passione camperà di rendita, quella ereditata dagli orgasmi cinematografici che una coppia collaudata come quella Lawrence/Cooper ha regalato agli spettatori per lungo tempo.
È ora di trovare altre aspirazioni/ispirazioni, un po’ per tutti. Adagiarsi sugli allori può andar bene all’inizio, sull’onda del successo ma è un atteggiamento che rischia di uccidere le aspettative e le forme di evoluzione necessarie a non diventare un prodotto cristallizzato e immutabile di certi ambienti hoollywoodiani. È così che si garantiscono cadaveri.
«Deve venire a identificare un suo congiunto».

UNA FOLLE PASSIONE
Regia di Susanne Bier
Con Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, David Dencik, Rhys Ifans, Ana Ularu
Titolo originale: Serena
Drammatico, 110 min
USA, 2014
Uscita giovedì 30 ottobre 2014
Voto Popoff: 1,5/5

mipiace da vedere se: volete rivivere certe atmosfere degli anni Venti
nonmipiace da non vedere se: coltivate la speranza di rivivere un nuovo lato positivo

 

 

 

 

 

 

 

 

Una-folle-passione-locandina

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cos’è la dottrina Mitterand e perché Macron l’ha tradita

Autorizzando l'estradizione di dieci esuli italiani Macron rompe con una politica in voga dal 1985. La sola risposta penale non chiuderà comunque il caso [François Bougon]

Lo stragismo di Netanyahu per restare al governo e non andare in galera

Medio Oriente: una escalation appena iniziata. I giovani palestinesi di Gerusalemme affrontano la polizia israeliana ma la loro rabbia è anche verso la leadership palestinese [René Backmann]

Comunali, Roma: c’è vita a sinistra del Pd

Roma. La sinistra alternativa alle prossime comunali «con un programma e una proposta elettorale partecipata, antagonista a quella del PD»

L’altra Torino, che ho in mente e in cuore

Angelo D'Orsi annuncia la sua candidatura a sindaco di Torino alla guida di una coalizione della sinistra alternativa [Angelo D’Orsi]

E se il virus fossimo noi?

Solaris, il romanzo di Stanislaw Lem in scena a Genova, al Teatro Modena di Sampierdarena