4.1 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
4.1 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniArrestato imprenditore responsabile della morte di due operaie

Arrestato imprenditore responsabile della morte di due operaie

La fabbrica di materassi di Biagio Maceri andò a fuoco. Due donne, pagate al nero per pochi euro al giorno, morirono nell’incendio

rogo salerno

E’ stato arrestato Biagio Maceri, l’imprenditore calabrese di 45 anni, proprietario della fabbrica di materassi “Bimal.Tex srl” di Montesano sulla Marcellana in provincia di Salerno. In quella fabbrica, il 5 luglio del 2006, in un incendio morirono due operaie: Annamaria Mercadante di 49 anni e Giovanna Curcio di soli 16 anni. Entrambe lavoravano al nero per una paga di pochi euro al giorno.

Le due operaie rimasero imprigionate tra le fiamme che, considerato il materiale contenuto nel colare, si svilupparono in forma violenta e morirono asfissiate in un sottoscala di una palazzina di tre piani, che Maceri utilizzava come fabbrica, e che ai piani superiori ospitava una scuola media, fortunatamente chiusa per le vacanze estive.

Maceri si era reso irreperibile dal marzo scorso, quando la Procura della Repubblica del Tribunale di Lagonegro (Potenza) aveva emesso nei suoi confronti un ordine di carcerazione per scontare una condanna definitiva a otto anni di reclusione per omicidio colposo plurimo, incendio e violazioni delle norme di sicurezza sui luoghi di lavoro.

La Cassazione poco più di un mese fa aveva confermato la condanna ad 8 anni di reclusione con le pene accessorie dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici, dell’interdizione legale per l’intera durata della pena nonché dell’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione per tre anni.

Per otto mesi Biagio Maceri si è nascosto in un casolare di proprietà di un parente nelle campagne di Sala Consilina, a pochi chilometri dal luogo della tragedia. Dopo diversi appostamenti, all’alba di questa mattina i carabinieri sono riusciti a catturarlo mettendo fine alla sua latitanza e rendendo giustizia, per quanto possibile, ai familiari di Annamaria e Giovanna.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"