-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
-1.7 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoNo Tav, cade l'accusa di terrorismo ma la pena è pesante

No Tav, cade l’accusa di terrorismo ma la pena è pesante

Tre anni e sei mesi per Chiara, Claudio, Niccolò, Mattia, i quattro attivisti No Tav in carcere da mesi per via del teorema di terrorismo montato dalla Procura torinese contro il movimento

di Ercole Olmi

liberi_ChiaraClaudioNiccoloMattia

Cade l’accusa di terrorismo ma la pena è comunque pesante. 3 anni e 6 mesi (e 5mila euro di multa) in primo gradi per i 4 del compressore, i quattro attivisti no tav da mesi in carcere con l’accusa infamante e gravissima di essere dei terroristi secondo un teorema della procura di Torino da tempo alla ricerca di strumenti giuridici per inceppare il più longevo e tenace movimento popolare del paese. Claudio, Niccolò,  Mattia  e Chiara sono stati assolti dall’accusa di “terrorismo”, «perché il fatto non sussiste», ma sono comunque stati riconosciuti colpevoli di aver “sabotato” un compressore del cantiere della Torino-Lione, la grande, inutile, costosa opera che il Pd vuole a tutti i costi pur conoscendone il costo sociale, ambientale e sanitario nonché l’assoluta inutilità rispetto ai flussi di merci e viaggiatori. La Corte d’Assise di Torino non è riuscita a sostenere il teorema con cui la Procura perseguita diversi attivisti No Tav.

Claudio, Niccolò,  Mattia  e Chiara sono in carcere da un anno, dal 9 dicembre dello scorso anno. Il presidente della Corte, Pietro Capello, intorno a mezzogiorno, ha pronunciato il verdetto. I pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, con parole terribili, avevano chiesto una condanna a 9 anni e mezzo per tutti e quattro, con l’applicazione di un articolo del codice penale che etichetta come terroristica ogni condotta che tenda a costringere il Paese ad “astenersi dal compiere un qualsiasi atto”. Già la Cassazione, lo scorso maggio, su ricorso delle difese, aveva smontato questa visione accusatoria abnorme.

Stessa identica accusa pende sulle teste di Lucio, Graziano e Francesco, altri tre No Tav, in carcere dallo scorso 11 luglio e che ora possono sperare in questo precedente. Il movimento No Tav ha preannunciato che oggi pomeriggio alle 17:30, nella piazza del mercato di Bussoleno, vi sarà un ritrovo dopo la sentenza della Corte d’Assise, che ha evidentemente dato ragione ai No Tav.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi