mercoledì 17 ottobre 2018

Oggi a Roma corteo popolare No Tav

Oggi a Roma corteo popolare No Tav

“Fermarli è possibile…” le parole che lanciano l’evento per chiedere libertà per chi lotta contro questo “sistema devastante” e per organizzare lotte contro sfruttamento e la speculazioni

di Mirna Cortese

 

NO TAV ROMA CORTEOSi terrà oggi a Roma, con partenza alle ore 15 da Piazzale Tiburtino (San Lorenzo), la manifestazione “Fermarli è possibile… corteo popolare NoTav a Roma”, in solidarietà con le attiviste e gli attivisti NoTav in prima istanza inquisiti per terrorismo, accuse poi decadute, anche se sono comunque arrivate le condanne per danneggiamenti che sarebbero stati provocati nel corso di alcune manifestazioni in Val Susa. In questo mese di gennaio si aspetta poi la sentenza di primo grado per 53 persone, provenienti da tutta Italia, che parteciparono alle grandi giornate di mobilitazioni del 27 giugno e del 3 luglio 2011, quando la “Libera Repubblica della Maddalena” tentò di bloccare l’apertura del cantiere di Val Clarea; e si è anche in attesa di un’altra sentenza di primo grado, questa volta per i fatti del 15 ottobre 2011 a Roma, con pesantissime accuse di devastazione e saccheggio.

Perché una manifestazione NoTav a Roma? si chiedono gli organizzatori tra cui i movimenti per i beni comuni, centri sociali, movimenti per il diritto alla casa. La risposta sta nel riconoscimento della resistenza valsusina quale patrimonio collettivo, in tal senso un corteo NoTav a Roma non può che assumere molteplici significati. “Alla base di tutto non può che esserci la totale solidarietà verso gli imputati di questi processi, che altro non è che la solidarietà verso chi si organizza e lotta, in ogni angolo d’Italia e per chiedere libertà per coloro che lottano questo “sistema devastante” e l’organizzazione in ogni territorio di lotte contro lo sfruttamento e la speculazione. el mondo, contro la prepotenza di governanti, affaristi e speculatori, in qualunque modo essa si manifesti – si legge sul comunicato -, e così lottare contro il Tav in Valsusa non è diverso dal lottare contro gli sfratti o i distacchi delle utenze nel proprio quartiere, dallo scioperare sul posto di lavoro contro la prepotenza del padrone, dall’opporsi all’avvelenamento del proprio territorio, dall’organizzarsi dentro scuole e università perché il sapere non sia solo un’arma usata contro di noi”.

notav

Fanno così riferimento al sistema delle Grandi Opere gli promotori dell’evento, denunciando come “La vicenda dell’Expo di Milano non è altro che una gigantesca mangiatoia di soldi pubblici per i grandi gruppi imprenditoriali italiani e, ovviamente, per i politici nazionali e locali che ne intascano la loro parte. Poco importa se ciò avvenga in modo legale o meno, ciò che conta è che risorse che appartengono alla collettività vengono depredate sempre da quegli stessi signori che poi ci raccontano che, per qualsiasi opera di pubblica utilità, i soldi non ci sono. E così, a ogni pioggia forte qualcuno muore annegato, migliaia di adolescenti rischiano di vedersi crollare addosso il tetto della scuola, e la lista potrebbe allungarsi all’infinito».

L’appuntamento romano di oggi va visto anche sotto un contesto temporale particolare, quello che vede proprio la capitale al centro di inchieste importanti per la gestione “mafiosa” di appalti e cooperative, con l’attiva partecipazione delle istituzioni politiche. “Ed allora – puntualizzano le e gli attivisti – l’esempio della lotta contro il Tav in Valsusa, opera in cui è palese l’intreccio tra politica, affari e criminalità, è quanto c’è di più prezioso anche in questa città, perché indica un percorso possibile per superare passività e rassegnazione: non è certo aspettando che la magistratura indaghi che possiamo sperare di ottenere dei risultati, ma piuttosto è organizzandosi e lottando ogni giorno al fianco di chi vive la nostra stessa condizione che possiamo far tremare, e perché no sconfiggere, anche giganti apparentemente invincibili”.

Quindi oggi, 17 gennaio 2015, l’appuntamento è a Roma, in Piazzale Tiburtino, per chiedere libertà per coloro che lottano contro questo “sistema devastante” e per l’organizzazione in ogni territorio di lotte contro lo sfruttamento e la speculazione.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.