22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
22.4 C
Rome
domenica 23 Giugno 2024
Homecronache sociali#insiemenonsolonellalotta. Calciotto multietnico

#insiemenonsolonellalotta. Calciotto multietnico

7 e 8 marzo a Roma sei squadre in campo: Unione Inquilini – iBlu – R@p, Bangladesh,  Colombia, dei nomadi del Campo la Barbuta, Ecuador

di I.Bo

banner-calciotto01

#insieme non solo nella lotta. Il terreno di un campo di calciotto, 48 piedi, diverse etnie. E poi la palla, il gioco aggregante per eccellenza, nel tempo dei giochi per bambini, ma il prossimo week diventerà il gioco che unisce adulti, etnie, tutti in campo insieme.

Nasce da quest’idea promossa dall’Unione Inquilini, Dorean Dote, R@p e l’associazione IBlu il torneo di calciotto: “Sei squadre. Sei parti del mondo” e si terrà a Roma il 7-8 marzo 2015.

Il 7 marzo dalle 8,30 alle 17,00 nel campetto di calciotto della Casa Famiglia L. Pavoni, in via Bufalini, 46 si alterneranno in campo le squadre dell’Unione Inquilini – iBlu – R@p, del Bangladesh, della Colombia, dei nomadi del Campo Barbuta, dell’Equador. 

In contemporanea lo stesso giorno alle ore 12,00, invece, si disputerà la partita amichevole dei bambini: quelli dell’occupazione di Tor De Schiavi contro i Rom.

“Un’idea – spiega Rudy Cologno, presidente Associazione  I blu – nata perché siamo insieme non solo nella lotta. Saranno momenti di svago, dove il vero protagonista non sarà il calciotto, ma l’amicizia tra i partecipanti delle squadre. Proprio per questo abbiamo pensato di dedicare alla premiazione una giornata a parte”.

Avverrà infatti presso l’occupazione di Tor De Schiavi, 101 alle ore 12,00 la consegna della coppa alla squadra vincitrice e la giornata proseguirà con il pranzo popolare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte