9.9 C
Rome
sabato 27 Novembre 2021
9.9 C
Rome
sabato 27 Novembre 2021
Homein fondo a sinistraLandini: «La politica non è proprietà privata»

Landini: «La politica non è proprietà privata»

Ecco la lettera di Landini che convocava la riunione di oggi a Roma per preparare la manifestazione del 28 e lanciare la coalizione sociale

di Maurizio Landini

IMG_7061

Nelle scorse settimane abbiamo incontrato molte associazioni, reti, movimenti e “personalità” , con cui abbiamo ragionato sulla necessità di un momento assembleare, lontano dal clamore e dalle attenzioni dei media, per dibattere in modo libero e aperto l’ipotesi di costruire una “coalizione sociale”.

Ho avuto la fortuna di potermi confrontare, prima e dopo l’assemblea nazionale delle e dei delegati della Fiom, con molti e di condividere sin da subito l’idea che il tentativo di costruire una coalizione sociale muove da una certezza: la politica non è proprietà privata. Questo convincimento deriva dalla nostra Costituzione, che promuove esplicitamente la partecipazione alla vita pubblica e sostanzia la democrazia con la centralità della cittadinanza, a partire dal lavoro e dalla rimozione degli ostacoli sociali e culturali che dovessero impedire il contributo di ciascuno al bene comune.

La necessità di provare a costruire una coalizione sociale è dettata da due assunti che si stanno affermando, dettati dallo “stato di necessità” che la crisi economica e sociale veicola e dalle politiche di austerità europee. “La fine del lavoro” e “la società non esiste, esistono solo gli individui e il potere che li governa” credo diano vita allo spettro di un futuro già presente con cui siamo chiamati a fare i conti in tutta Europa.

La riflessione e le pratiche, a mio avviso, devono avere l’obiettivo di una Europa democratica e solidale come spazio di coesione per impedire la competizione tra i lavoratori e la “guerra tra poveri”. Le politiche della Commissione e della troika, anche in Italia, oltre che nel resto d’Europa, stanno mettendo in discussione la democrazia (modificando la Costituzione con l’introduzione del pareggio in bilancio e riscrivendone più di un terzo), il lavoro e i suoi diritti (da ultimo con il Jobs Act), l’istruzione e la formazione (con un disegno di legge, ignorando la legge di iniziativa popolare sulla scuola), la salute (con la cancellazione delle politiche di prevenzione e della sanità pubblica), i beni comuni e la cultura (privatizzando sia il nostro patrimonio sia i luoghi e i mezzi della cultura e distruggendo l’ambiente, senza rispettare il mandato popolare dei referendum), la giustizia (attraverso la sostanziale impunibilità dei reati connessi alla finanza e all’economia e la riduzione delle iniziative di contrasto alle mafie).

Tutto sta cambiando in tempi rapidi e indietro non si tornerà: per questo è necessario superare le divisioni, il frazionamento, le solitudini collettive e individuali e coalizzarsi insieme per una domanda di giustizia sociale sempre più inascoltata e senza rappresentanza. Con questo spirito condiviso da molti dovremmo trovare il modo di dare forma e forza ad un progetto innovativo, individuando punti di programma condivisi nello spazio nazionale, ma fondamentale è che la coalizione abbia radice e si sviluppi nei territori. I territori e la rete debbono essere i due spazi di partecipazione e di integrazione fra contatto umano e comunicazione digitale e di un nuovo mutualismo nelle pratiche: conta quello che si dice ma di più quello che si fa.

La coalizione sociale potrà esistere se ognuno stabilirà di esserne parte e il suo futuro sarà deciso da tutti e insieme. Per noi deve essere la realizzazione di una visione nuova del lavoro, della cittadinanza, dei diritti, del welfare e della società. Per realizzare questo percorso, la coalizione sociale dovrà essere indipendente e autonoma: significa che per camminare dovrà potersi reggere sulle proprie gambe e pensare collettivamente con la propria testa.

Queste poche righe per invitarti\vi ad incontrarci a Roma presso la Fiom nazionale – corso Trieste 36 – sabato, 14 marzo 2015 alle ore 10.00.

Cari saluti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Black Friday: Amazon affossa le condizioni di lavoro di tutti

Il sociologo Gaborieau: Amazon è "l'albero che nasconde la foresta" della logistica dove le condizioni di lavoro sono particolarmente difficili [Dan Israel]

«Mi ha fatto torturare il nuovo capo dell’Interpol»

Le accuse di vittime e ong al nuovo presidente dell'Interpol, il generale emiratino Ahmed Nasser Al Raisi

Cile, come siamo arrivati al ballottaggio Boric-Kast

Intervista a David Munoz Gutierrez, collaboratore di Allende, esule dal '73 [Chiara Nencioni]

E comunque la risposta è “42”

“Muskismo” e la Silicon Valley nel podcast di Jill Lepore

Teatro, così Paravidino e Papaleo rileggono Brecht

Con "Peachum" Fausto Paravidino reinventa l'universo umano brechtiano. In scena alla Sala Ivo Chiesa