23.8 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
23.8 C
Rome
venerdì 21 Giugno 2024
Homein fondo a sinistra«Pastorino sei di sinistra? E Quanto?»

«Pastorino sei di sinistra? E Quanto?»

Fra sette giorni le elezioni in Liguria. Il candidato dell’Altra Liguria incalza il candidato civatiano che vuole ricostruire il centrosinistra

da Genova, Antonio Bruno*

11127766_823231314429111_7948650308767510056_n

Buon giorno candidati/e che vi ponete in alternativa a questi centro destra – centro sinistra.

Al di là delle enunciazioni teoriche (seppur importanti)c’è un forte bisogno di capire, nel concreto, quali sono gli impegni su cui potremmo concordare, se presenti in Consiglio Regionale.

E’ per questo che faccio 10 semplici domande per verificare il vostro assenso oppure il vostro diniego:

Siete disponibili a:

1) dare parere negativo al progetto Nuovo Galliera e spostare i fondi sull’ospedale del ponente e della val polcevera, in ogn icaso nessuna nuova chiusura di ospedali senza prima avere valide alternative in tema di prevenzione e cura sul territorio?

2) ritirare la firma dall’accordo di programma per la Gronda autostradale del Ponente e pretendere che il governo impieghi i fondi per il Terzo Valico nell’ammodernamento delle linee liguri, abbandonando queste Grandi Opere (come ad esempio la Predosa – Carcare)?

4) ripristinare i fondi per l’aiuto agli inquilini che non riescono a pagare l’affitto e fermare la vendita di case Edilizia Residenziale Pubblica che devono essere date a chi e’ senza casa?

5) sviluppare un piano energetico che superi la produzione di energia fossile (in particolare carbone) e punti sulle energie rinnovabili, riconvertgendo le centrali che causano tante malattie nei territori?

6) finanziare un piano di manutenzione del territorio da attuarsi subito, prima di interventi infrastrutturali costosi?

7) politica di consumo zero del territorio con incentivi esclusivi a chi fa produzione agricola, basta porticcioli in aree non antropizzate e nuovi insediamenti residenziali?

8) favorire il commercio di prossimità con produzioni il più possibili locali e biologiche e disincentivi alla grande distribuzione (vedi possibilità di parcheggio gratuito)?

9) fermare le privatizzazioni del trasporto pubblico della gestione dei rifiuti e iniziare un processo di ripubblicizzazione del servizio idrico, adesso condizionato da fondibancari e speculativi?

10) modificare la recente legge sui rifiuti eliminando l’anacronistica proroga al 2020 del raggiungimento dei limiti di legge, prevedendo la chiusura del ciclo con digestione anearobica e a favorire la presenza sul territorio ligure di aziende che trasdformano i rifiuti differenziati?

*candidato presidente per il Progetto Altra Liguria alle regionali del 31 maggio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte