9.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
9.3 C
Rome
lunedì 25 Gennaio 2021
Home padrini & padroni Mafia Capitale. Anche il romanzo della sinistra è un noir

Mafia Capitale. Anche il romanzo della sinistra è un noir

Nel giorno della seconda ondata di Mondo di mezzo, al Cinema Palazzo si presenta “La cognizione del potere”, il noir di Federico Bonadonna che aveva presvisto tutto questo: dati, cause e pretesto

di Ercole Olmi

bonad

Nuova ondata di arresti del filone Mafia Capitale. L’inchiesta dei carabinieri del Ros e di Pignatone, il capo della Procura, illumina altri angoli bui dell’impasto criminale tra politica, cosche, terzo settore, imprenditoria. Emergono nomi noti: dal Tredicine capogruppo forzista dell’Aula Giulio Cesare al pd Coratti, dall’ex assessore alla Casa Ozzimo – sempre Pd – a un esponente tabacciano fino alla cooperativa di Cl, la Cascina. E Buzzi, Carminati e Odevaine, già capo di gabinetto di Veltroni. Che la destra (e il centro) romana fosse legata a traffici di ogni tipo, armi, droga, carne umana, è cosa risaputa ma che anche il “romanzo della sinistra” fosse un noir erano in pochi a capirlo. Uno di loro, senza dubbio, è Federico Bonadonna, antropologo, per undici anni consulente e dirigente delle politiche sociali del Campidoglio. Se ne andò sbattendo la porta quando iniziarono, con Veltroni, i pacchetti-sicurezza e la segregazione in massa dei rom (ottomila persone in cinque anni). Il sistema dell’emergenza che, mentre dragava soldi pubblici in quantità mai viste, intossicava una città e un Paese interi.

Ha preso a guardare Roma dall’Africa, Bonadonna, e ne è venuto fuori “La cognizione del potere”, noir edito da Castelvecchi che proprio in singolare coincidenza col secondo capitolo dell’inchiesta Mondo di mezzo verrà presentato al Nuovo Cinema Palazzo, a San Lorenzo (alle 18.30), argine alla deriva xenofoba che pezzi del pd romano provano a imprimere a un quartiere da gentrificare, coi timpani rotti dalla movida (altra eredità ulivista quella della liberalizzazione delle licenze) e le budella scosse dalla crisi.

Perchè la politica decise di sgomberate forzosamente una media di 133 persone al mese da campi spontanei, insediamenti e occupazioni? Come trattò la stampa quest’azione di massa irrazionale e violenta? Quanti soldi pubblici sono stati spesi per questi sgomberi? E qual era l’obiettivo?

Da queste domande si partirà per discutere con Federico Bonadonna con Carlo De Angelis del Social Pride e il giornalista Valerio Renzi. Sono invitati a partecipare operatori sociali, educatori professionali, presidenti di cooperative sociali ma non farebbe male assistere a chiunque voglia prendere parola sul futuro di questa città. Perché un’altra domanda da far viaggiare riguarda noi stessi, i pezzi di movimento e di politica che hanno portato ossigeno a pezzi di quel sistema scoperchiato dalle inchieste, chi per resistere allo tsunami, chi per motivi molto meno nobili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]