venerdì 21 settembre 2018

Mega discarica Bussi, processo bis per distribuzione di acqua avvelenata

Mega discarica Bussi, processo bis per distribuzione di acqua avvelenata

La discarica più grande d’Europa era in Abruzzo. Ombre pesanti sulla sentenza di 1°grado mentre si avvia il processo bis. Uno degli imputati eccellenti ha appena ricevuto una nuova poltrona

da Chieti, Alessio Di Florio

medium_131003-193026_to031013cro_0625-770x513

La storia giudiziaria della mega discarica di Bussi sembra avviarsi a fissare un nuovo punto fermo: nei giorni scorsi è stata accolta la richiesta degli imputati nel processo bis di rito abbreviato. Potrebbe quindi concludersi in autunno questo processo, nato da una “costola” del processo principale finito nel dicembre scorso con assoluzioni e prescrizioni per i 19 imputati tra cui Giorgio D’Ambrosio, all’epoca dei fatti presidente dell’Ato; Bruno Catena, all’epoca presidente dell’Aca Spa; Bartolomeo Di Giovanni, come direttore generale dell’Aca; Lorenzo Livello, in qualità di direttore tecnico dell’Aca Spa e Roberto Rongione, responsabile del Servizio Sian della Asl di Pescara. Il reato contestato è “distribuzione di acqua avvelenata”, che i difensori avevano recentemente chiesto di modificare in “distribuzione di acqua adulterata” (richiesta respinta dal gup rigettata nei giorni scorsi).

La sentenza di primo grado del processo principale intanto è finita al centro di un polverone mediatico-politico. Due giudici popolari hanno gettato, in un’intervista, inquietanti ombre sulla sentenza. Secondo le intervistate, anonime, il giudizio sarebbe praticamente stato anticipato durante una cena e non avrebbero potuto serenamente e in maniera informata decidere. A Campobasso (competente per quanto accade nel tribunale di Chieti) è stato aperto un fascicolo d’indagine, il Consiglio Superiore della Magistratura a sua volta ha avviato sue indagini ed è giunta in questi giorni in Abruzzo la commissione bicamerale parlamentare d’inchiesta sui rifiuti.

Uno degli imputati del processo bis, Giorgio D’Ambrosio, è stato recentemente al centro del dibattito e di accese polemiche politiche per esser stato nominato presidente di “Ecologica s.r.l.”, società mista pubblico-privata impegnata nella gestione e raccolta rifiuti. Maurizio Acerbo, della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista, ha contestato pesantemente la scelta. “Incredibile ma vero: l’on. Giorgio D’Ambrosio, sotto processo in qualità di ex-presidente dell’ATO per erogazione acqua contaminata a centinaia di migliaia di cittadini, è stato nominato Presidente della società Ecologica s.r.l.” scrive Acerbo che attacca per la nomina “gli amici di partito del cda. Una sorta di premio di consolazione all’esponente politico al centro di numerose inchieste giudiziarie che non c’è l’ha fatta a essere eletto alle ultime elezioni regionali. Il povero D’Ambrosio che è stato consigliere provinciale, sindaco, parlamentare, presidente dell’Ato riuscendo anche a ricoprire le cariche contemporaneamente era in crisi di astinenza e non poteva essere lasciato senza un nuovo giocattolo da maneggiare. Il sistema evidentemente non dimentica nessuno e a tutti viene comunque garantito uno strapuntino”. Per l’esponente nazionale di Rifondazione Comunista “il PD abruzzese e pescarese ormai non conosce la decenza. Mettere a capo di una società che si chiama ECOLOGICA un imputato per gravi reati in materia di salute e ambiente (oltre che per quelli più consueti tipici della questione morale) è il segno che pensano di poter fare quello che gli pare. Lo avevamo detto che la vittoria di D’Alfonso avrebbe significato lo sdoganamento del peggio e la restaurazione dei sistemi di potere che avevano vacillato a causa delle inchieste giudiziarie. Questa è l’ennesima conferma” concludendo indignato “il partito dell’acqua che oltre ad averci fatto bere acqua contaminata da sostanze cancerogene e aver prodotto un buco di più di 100 milioni di euro può ora contare su un assessore regionale Donato Di Matteo e di un nuovo presidente di società pubblica Giorgio d’Ambrosio”. La nomina di D’Ambrosio è stata criticata anche dal sindaco di Pescara, dal presidente della Provincia e da altri vertici del Pd.

Related posts

5 Comments

  1. lalchimista

    Vedo che oltre ai giudici Popolari anche lei non legge le carte processuali, seguita a chiamare la discarica di Bussi più grande d’Europa, ecco la verità Dalle carte ufficiali che purtropppo nessuno esamina, si evince che non esiste una megadiscarica.

    Dalla memoria difensiva dell’Avv. Carlo Sassi.

    1) Le cifre e le quantità di rifiuti sono cifre assolutamente suggestive, perchè non è stata disposta mai una perizia sulla discarica tremonti.

    2) I dati confluiti nel capo di imputazione sono suggeriti dal corpo forestale dello stato, il quale – Sulla base di una serie di presunzioni -e cioè misurando l’intera area di proprietà della ex montedison, giunge ad un risultato presunto di 214.000 Ton.

    3)L’interramento dei rifiuti è durato circa 170 giorni nella piena consapevolezza delle autorità dell’epoca.

    Dalla sentenza della corte di Assise di Chieti. E ancora; nel 1972 alla Società venne consentito di interrare quei residui in quella zona dell’area Tremonti, vicino alla Stazione ferroviaria.
    Ed il Giudice , relativamente a quell’interramento, giustamente scrive :
    “la realizzazione della discarica Tre Monti è avvenuta con modalità che, per l’epoca di realizzazione apparivano sicuramente idonee a prevenire il rischio di contaminazione della falda e, comunque, l’interramento dei rifiuti su terreno di proprietà, non essendo vietato, costituiva un comportamento di cui gli autori sicuramente non attribuirono alcuna realistica potenzialità lesiva.” Ripropongo il video che in tempi non sospetti anticipava le conclusioni dell.Avv. Carlo Sassi.

    Reply
    1. Alessio Di Florio

      e dal suo commento mi sembra di evincere che lei dell’articolo ha letto solo il sottotitolo …

      Reply
    1. Alessio Di Florio

      ma l’articolo l’hai letto o ti sei fermato al sottotitolo?
      Ribalto la tua ultima domanda: c’è un solo dato riportato nell’articolo che io mi sia inventato di sana pianta? Se c’è (ma mi permetto come minimo di dubitarne…) trovalo e comunicamelo …

      ps: sei passato a pseudonimi nel commentare?

      Reply
  2. lalchimista

    Purtroppo è vero non ti sei inventato nulla, ormai nessuno legge le carte processuali e anche autorevoli giornali fanno il copia e incolla. Non capisco per quale motivo sapere che in Abruzzo non esiste una megadiscarica e non è stato avvelenato nessuno provoca tanti dispiaceri. ANTONUCCI PASQUALE. (Per il giudizio politico su certi personaggi concordo)

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.