23.3 C
Rome
martedì 22 Giugno 2021
23.3 C
Rome
martedì 22 Giugno 2021
Homepadrini & padroniDemansionamento, l'ultimo incentivo del jobs act

Demansionamento, l’ultimo incentivo del jobs act

Gli incentivi di 8mila euro finiranno. I lavoratori saranno licenziabili ma pagando una indennità. Ma se verranno riassunti con il demansionamento,  l’indennità  la pagherà il lavoratore demansionato

di Giorgio Cremaschi

10382731_10204578756203848_8586996660011902722_n

Il quotidiano Il Sole 24 Ore anticipa i contenuti del decreto sul demansionamento, che il governo si prepara a varare. Già questo è un fatto significativo, ma non è una notizia perché è oramai scontato che gli esperti ministeriali di Renzi e Poletti operino sotto la dettatura dei tecnici della Confindustria. Il cui quotidiano ci comunica la gioia delle imprese e dei loro uffici legali per il fatto di poter finalmente fare tutto ciò che era proibito dall’articolo 13 dello Statuto dei Lavoratori; senza dover incorrere in costose e spesso perdenti azioni legali. Un regalo ai profitti d’impresa ai danni dei diritti e del salario dei lavoratori, una sanatoria per tutti gli abusi ai danni della professionalità delle persone, la licenza di mobbizzarre e ricattare , questa l’infamia di un provvedimento che realizza un altro sogno della Confindustria e produrrà incubi per chi deve subire il potere dell’impresa.

Si potrà degradare il lavoratore per ragioni tecniche e organizzative, cioè quando al padrone serve, di una qualifica, ma con deroghe anche di due. Il salario teoricamente dovrebbe rimanere lo stesso, ma senza le indennità . Ad esempio un operaio montatore che fa i turni o va in trasferta può essere degradato a facchino nei magazzini e si vedrà ridotta la paga del 30 %.

I lavoratori licenziati per ragioni economiche potranno conciliare con l’azienda se accettano di riprendere a lavorare a mansione inferiore. Questo è proprio il corollario che mancava al contratto senza articolo 18. Una misura che farà risparmiare alle imprese sull’indennità di licenziamento, rispondendo chiaramente ad un calcolo preciso degli uffici studi confindustriali. Come si sa gli incentivi di 8000 euro all’anno che sono alla base delle assunzioni secondo il jobsact finiranno. A quel punto le imprese si troveranno lavoratori licenziabili sì, ma pagando una indennità. Se però quei lavoratori verranno licenziati e poi riassunti con il demansionamento, l’indennità la pagherà il lavoratore con la qualifica più bassa e per l’impresa sarà come se gli incentivi continuassero.

Infine se il padrone può degradare quando vuole, il lavoratore non può rivendicare la promozione. Con l’articolo 13 dello statuto se si operava per 3 mesi in mansioni superiori si aveva diritto alla qualifica corrispondente. Con il demansionamento bisognerà aspettare il doppio del tempo, salvo accordi peggiorativi nei contratti .

Insomma dopo il diritto alla tutela contro il licenziamento ingiusto salta anche quello alla qualifica e in ogni azienda le direzioni potranno fare di tutto ai propri sottoposti . E questo è il risultato più importante per i padroni: la licenza di mobbing. Le minacce di licenziamento o degradazione in molti caso saranno sufficienti per imporre di lavorare di più e peggio senza chiedere nulla. Il sadismo di certi capi e capetti avrà piena possibilità di dispiegarsi .

Quando si dice che quello di Renzi e del suo sponsor Marchionne è fascismo, per ora, aziendale, non si esagera , si descrive semplicemente quello che si sta giuridicamente realizzando misura dopo misura con il Jobsact.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Novara, un omicidio insanguina lo sciopero della logistica

Un padroncino travolge un sindacalista Adl Cobas a Biandrate nel giorno dello sciopero della logistica

Nicaragua: Ortega fa arrestare la comandante Dos

Nicaragua, il regime di Ortega ha arrestato Dora Maria Téllez, la Comandante Dos, figura di spicco della rivoluzione sandinista

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]