13.7 C
Rome
mercoledì 24 Febbraio 2021
13.7 C
Rome
mercoledì 24 Febbraio 2021
Home culture Tsipras parla alla nazione

Tsipras parla alla nazione

Popoff vi propone la trascrizione del discorso del premier greco alla nazione: “Vogliamo un accordo ma che sia sostenibile per questo vi chiedo di votare no”

Alexis Tsipras

oxi grecia

E’ uno dei momenti più importanti della nostra storia. I popoli con i referendum hanno preso delle decisioni molto importanti, questo è successo in Francia, in tanti altri paesi, è successo in Irlanda, dove il referendum ha annullato il Trattato di Lisbona, e l’Irlanda ha così ottenuto delle condizioni migliori.

Sfortunatamente nel caso della Grecia abbiamo avuto altri problemi. Non mi aspetterei mai che l’Europa democratica non capisca, non dia il tempo al popolo greco di decidere il suo futuro. Purtroppo opinioni molto conservatrici hanno deciso di portare le banche all’asfissia, minacciando il governo e il popolo con misure molto peggiori. E il governo ha deciso di dare la parola al popolo.

In questo momento stiamo vedendo le immagini della vergogna. Chiudere le banche, tantissimi anziani in fila per ritirare parte della pensione. A queste persone dobbiamo delle spiegazioni: per proteggere le vostre pensioni stiamo combattendo da mesi, per proteggere il vostro diritto ad una pensione dignitosa combattiamo da mesi. Le loro proposte erano insostenibili, per questo motivo abbiamo detto di no. Al governo greco è stato dato un ultimatum, senza mai parlare del debito greco e della sua ristrutturazione. L’unica uscita era di proporre al popolo greco di esprimersi.

So molto bene che in questo momento le sirene della catastrofe si sentono ovunque e vi chiedono di votare sì a tutte le misure che chiedono i nostri creditori, di creare una coalizione per il sì.

Il no è un passaggio decisivo per un accordo migliore, al quale miriamo di lavora da già da lunedì, il giorno dopo il referendum.

No non significa dire no all’Europa ma un ritorno all’Europa dei valori, no significa una pressione vera per avere un accordo per un debito vivibile.

No significa pressione reale per un accordo socialmente sostenibile che non ricadrà sui pensionati e salariati. Un accordo che conterrà tutte queste misure che puniranno per sempre tutti coloro che hanno sfruttato e si sono arricchiti sulle spalle del popolo.

Un accordo che deve rappresentare una sicurezza per il popolo, per greci e greche.

So perfettamente della difficoltà che dobbiamo affrontare e farò tutto quello che dipende dal mio ruolo per assicurarvi che questa difficoltà sarà passeggera.

Alcuni dicono che il risultato del referendum è legato con il restare o l’uscire dall’Euro. Quelli che lo dicono sono gli stessi che lo dicevano anche in passato, quelli che lo dicono purtroppo creano tanti problemi al popolo e anche all’Europa.

Come sapete ero io, un anno fa, candidato per la presidenza dell’Ue, davanti a tutti, anche in quel momento avevo sostenuto che in Europa i memorandum devono finire; che l’Europa deve smettere di esser antidemocratica. Poco tempo dopo il nostro popolo mi ha votato.

Sfortunatamente alcuni in Europa non vogliono riconoscerlo. Tutti quelli che vogliono una Europa attaccata alle logiche dell’autarchia e di non rispetto della democrazia, tutti quelli che vogliono un Europa epidermica, con l’aiuto del Fmi, non sono veri europeisti. Sono dei politici che non riescono a pensare come veri europeisti.

Accanto a questi c’è il sistema politico che ha portato il paese al default e che ora vuole dare a noi tutte le responsabilità. Noi stiamo cercando di fermare questa discesa.

Greci e greche, voglio di cuore ringraziarvi per la calma e il sangue freddo che dimostrare in queste ore e vi voglio assicurare che questa situazione non continuerà più di tanto.

Non perderete i vostri salari e le vostre pensioni, assicuro a tutti coloro che hanno deciso di lasciare i propri risparmi in banca che non li perderanno.

Io personalmente me ne assumo la responsabilità. Contemporaneamente però vi chiedo di aiutarmi e di dire no alle ricette dei memorandum europei. Vi chiedo di dare il vostro assenso a una soluzione sostenibile e di aprire una nuova pagina di democrazia. La nostra responsabilità è verso i nostri genitori, verso i nostri figli, verso noi stessi e il nostro debito verso la storia.

 

(A cura di Marina Zenobio)

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Intervista all’uomo accusato di solidarietà a Trieste

Migranti, parla Andrea Franchi: “Sono tranquillo, continueremo a curare chi arriva dalla rotta balcanica” (Eleonora Camilli)

Recovery e Clan, l’anno del Dragone

E' come se quello di Draghi fosse due governi in uno. C’è troppo poco tempo per essere moderati. (Marco Bersani/Attac Italia) 

Nelle banlieu, la dipendenza dalle scommesse sportive

Le scommesse sportive online fanno ormai parte del quotidiano dei quartieri popolari francesi (Latifa Oulkhouir)

Ny Police ed Fbi dietro l’omicidio di Malcom X

A 56 anni dall'omicidio del leader afroamericano, la famiglia di Malcom X presenta una nuova prova e c'entra la polizia

La resistenza dell’università di Istanbul, la solidarietà dei colleghi ita...

Una lettera aperta di accademici in sostegno a studenti e colleghi dell'Università Boğaziçi di Istanbul dove da sette settimane si lotta contro Erdogan