19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
19.3 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
Homeconsumare stancaCannabis legale, l'esempio del Colorado

Cannabis legale, l’esempio del Colorado

In Colorado la crisi si combatte con la marijuana legale. I risultati, manco a dirlo, sono stupefacenti

di Marco Vulcano

colorado-marijuana-dettaglio

Più di un anno e mezzo fa, all’inizio del 2014, in Colorado aprivano i battenti i primi dispensari legali di cannabis. Un provvedimento al centro di polemiche, critiche e paure, con i soliti tristi presagi infondati dei detrattori e i consumatori a festeggiare. Oggi però il tempo trascorso dall’inizio di questo esperimento permette di tirare le somme, sfatando con l’eloquenza dei fatti l’intera mitologia proibizionista.

Con buona pace di tutti quelli convinti che Giovanardi sia davvero un politico. Chi profetizzava l’aumento dei reati, del disagio sociale e della delinquenza, associati alla legalizzazione della cannabis, viene infatti seccamente smentito da quanto accaduto in Colorado, dove i dati forniti dall’FBI registrano, da quando la Cannabis è stata legalizzata, una diminuzione dei crimini commessi del 10%. Esattamente come sono scesi – seppur di poco – gli incidenti stradali.

Eppure tutti gli Giovanardi dell’orbe terraqueo non fanno altro che ripetere da anni come la legalizzazione della marijuana faccia crescere a dismisura i morti sulle strade, per effetto dell’aumento degli automobilisti sotto effetto del THC. Chissà ora cosa diranno? Speriamo almeno in un dignitoso sobbalzo di silenzio. Non sono però tutti contenti. L’economia illegale e tutto il fitto sottobosco che vive di spaccio illegale, fedele alleato di ogni politica proibizionista, hanno visto i loro proventi diminuire in maniera drastica. Al momento, la cannabis legale in Colorado occupa già il 60% dell’intera distribuzione, pari a 77 tonnellate sulle 133 in circolazione.

Una nuova economia che nello stato americano a prodotto sia l’aumento del gettito fiscale, con 60 milioni di dollari finiti nelle casse dell’erario, sia quello dell’occupazione. Il risultato più importante della liberalizzazione della cannabis nello stato americano è infatti quello legato ai posti di lavoro creati nel settore, con più di 15.000 occupati solo tra chi lavora nelle serre da coltivazione e nei negozi. Numeri impressionanti, ai quali vanno aggiunti quelli (non ancora quantificati da stime ufficiali) dell’indotto, tra merchandising, commercializzazione dei prodotti, accessori per il consumo, linee di abbigliamento.

È chiaro dunque  che Giovanardi non sia mai stato in Colorado, dove anche il turismo ha tratto benefici dalla libera circolazione della marijuana, testimoniati dalla quantità di dispensari di cannabis sorti in prossimità delle stazioni sciistiche e dalle offerte che offrono erba a minor prezzo a chi presenta lo skipass.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quanto costerà agli ungheresi l’omofobia di Orban

La legge omofoba ungherese ha sconvolto l'agenda del vertice UE. Diciassette leader chiedono sanzioni. Gli scenari [Ludovic Lamant] 

Ogni movimento ha un filo che lo porta a Genova

Si va verso il ventennale di Genova e partiamo seguendo una delle tracce seminate da Guadagnucci e Agnoletto con «L'eclisse della democrazia»

Stracciamo il Concordato: Ddl Zan ora!

Il Vaticano invade lo spazio pubblico, la destra familista gioca col fuoco, il dibattito nel mondo femminista Il Vaticano fa...

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]