16.5 C
Rome
giovedì 21 Ottobre 2021
16.5 C
Rome
giovedì 21 Ottobre 2021
HomemalapoliziaUsa, poliziotto ammanetta due bambini disabili (video)

Usa, poliziotto ammanetta due bambini disabili (video)

In una scuola del Kentucky, un poliziotto ha ammanettato due bambini con problemi psichici. Il video pubblicato dall’American Civil Liberties Union

di Carlo Perigli

Contea di Kenton, Kentucky, asilo municipale. Un bambino di 8 anni, affetto  da problemi psichici, si comporta in maniera vivace. Ad intervenire però, invece di un operatore in grado di gestire la situazione, viene chiamato Kevin Sumner, vicesceriffo della contea, divenuto protagonista di un episodio a metà tra il surreale e il disgustoso. Annoiato forse dalla poco elettrizzante vita di provincia, l’agente decide di risolvere la situazione ammanettando il piccolo. E dato che, ovviamente, i suoi polsi erano troppo piccoli, ha pensato bene di stringere le manette ai bicipiti, finiti così legati dietro la schiena dei piccoli. A testimoniare l’insensata violenza un video, girato da un dipendente dell’istituto e ora reso pubblico, allegato alla denuncia presentata nei confronti del poliziotto da parte dell’American Civil Liberties Union e dai genitori dei bambini.

Il filmato mostra il bambino, portato nella segreteria scolastica perchè disturbava la classe, inizialmente ripreso dal poliziotto. “Non puoi dondolarti così – dice Sumner – o fai come ti dico o pagherai le conseguenze“. Pochi secondi  e dalle parole si passa ai fatti, con il bambino immobilizzato e “l’integerrimo” agente insensibile di fronte a quel pianto disperato.

È straziante vedere il mio bambino soffrire a causa di questa esperienza – ha dichiarato la madre del piccolo – La scuola dovrebbe essere un posto sicuro per i bambini. Dovrebbe essere un posto nel quale i bambini non vedono l’ora di andare. Invece, per mio figlio si è trasformato in un incubo senza fine.”

Non un caso isolato, poichè, come riporta il Guardian, lo stesso trattamento è stato riservato dal medesimo agente ad una bambina di 9 anni. Secondo la denuncia, la piccola sarebbe stata ammanettata da Sumner in due diversi episodi per punire il suo comportamento vivace. La “moderazione forzata” di bambini molto piccoli è un problema ricorrente nelle scuole pubbliche del Paese, all’interno delle quali sempre più spesso vengono impiegati ufficiali di polizia con lo scopo di disciplinare minori irrequieti. Nel caso specifico, la difesa dell’agente ha dichiarato che in entrambe le situazioni Sumner “è intervenuto su richiesta della scuola ed ha immobilizzato i ragazzini perchè rischiavano di fare del male a loro stessi e ad altri”. Interessante, ma da quando ammanettare due bambini è diventata una soluzione?

3 COMMENTI

  1. Ha fatto benissimo il poliziotto ad ammanettarlo, così impara la disciplina e a starsene tranquillo il delinquente in erba. Dovremmo fare così anche in Italia dove bulli e immigrati fanno quello che vogliono e insegnanti fancazzisti comunisti non intervengono

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]

Forza Nuova e l’eterno derby con Casapound

Forza Nuova sempre più violenta per contendere l'egemonia a destra a Casapound. Fino all'assalto alla Cgil [Saverio Ferrari]