21.2 C
Rome
giovedì 11 Agosto 2022
21.2 C
Rome
giovedì 11 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homecronache socialiL'area dell'Expo per i migranti, perché no?

L’area dell’Expo per i migranti, perché no?

Expo sta per chiudere e allora perché non destinare all’accoglienza gli spazi della costosissima e inutile kermesse?

di Francesco Ruggeri

NEfOLblVJZcYpKp-800x450-noPad

Expo sta per chiudere e allora perché non destinare all’accoglienza gli spazi della costosissima e inutile kermesse? Milano, come altre città, si è scoperta “invasa”, ossia attraversata da esseri umani che provano a scappare da guerre, miseria, discriminazioni. Ha scoperto l’inadeguatezza dei sistemi di accoglienza mentre la città è disseminata di luoghi inutilizzati, cattedrali nel deserto postindustriale con l’unico scopo di drenare denaro pubblico per grandi eventi e grandi opere. Una petizione che gira sul web spiega, appunto, che Expo 2015 sta per chiudere i battenti lasciando intatti gli interrogativi sugli appalti poco trasparenti, i ritardi nei lavori, i fini etici non supportati da sponsor altrettanto etici e soprattutto i numerosi incidenti che sono costati la vita a operai italiani e non, regolari e non. Di fronte alla tragedia umanitaria cui stiamo assistendo ormai da troppo tempo, si chiede al sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, di destinare l’intera area di Expo – che rischia di diventare l’ennesima cattedrale nel deserto italiana – all’accoglienza e allo smistamento dei migranti in Europa. Un gesto concreto che potrebbe spingere gli stati ancora recalcitranti a collaborare per mettere fine a questa immane tragedia. Giungerà mai una risposta pubblica?

mauro biani da il manifesto

 

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

 

razzismo antirazzismoexpo no expo milano migranti profughi rifugiati antimafia mafia petizione 

1 COMMENTO

  1. Quando l’esposizione sarà terminata le aree torneranno nelle mani di Arexpo Spa che deciderà cosa farne tenendo conto dell’accordo di programma votato dagli enti coinvolti. L’assetto societario finale di Arexpo Spa è questo: regione Lombardia 34,6%, comune di Milano 34,6%, Fondazione Fiera Milano 27,7%, provincia di Milano 2%, comune di Rho 1,1%. Arexpo ha comprato i terreni di Expo di proprietà della Fondazione Fiera (notare bene che il venditore e il compratore in questo caso sono la stessa società) e del gruppo Cabassi. Diviene cosi’ possibile urbanizzare aree ex agricole e il loro valore risulta decisamente accresciuto al momento dell’acquisto. Il 28 giugno 2007 in una scrittura privata tra comune di Milano, Fondazione Fiera e Belgioiosa Srl, società controllate dal gruppo Cabassi, viene scritto che i proprietari delle aree si impegnano a metterle a disposizione dell’evento in cambio di un diritto edificatorio. Alla fine di Expo, quando i padiglioni saranno smontati, i proprietari dei terreni passeranno all’incasso potendo costruire nuovi palazzi, case e negozi su una parte delle aree, con un valore di quei terreni triplicato. I proprietari delle aree ci avranno guadagnato prima con la vendita, durante con l’urbanizzazione e dopo con la costruzione. Il verde agricolo diventa cosi’ cemento al 50%. Questo accordo é stato sottoscritto anche da Pisapia due mesi dopo il suo insediamento il 25 luglio 2011. Ricordiamoci fra i tanti che Pisapia ha fatto sgomberare la torre Galfa per compiacere il piu’ grande palazzinaro di Milano un certo Salvatore Ligresti. Forse Pisapia non é il sindaco piu’ adatto per trovare una soluzione al problema dei profughi …

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari