18.4 C
Rome
giovedì 23 Settembre 2021
18.4 C
Rome
giovedì 23 Settembre 2021
HomemalapoliziaManganellate e privatizzazioni contro il diritto all’abitare

Manganellate e privatizzazioni contro il diritto all’abitare

Mentre a Bologna centinaia di persone, famiglie con bambini, venivano sgomberate con la forza, nella capitale i movimenti per la casa sono stati caricati con violenza dalla polizia

di Giampaolo Martinotti

porta pia 2

 

Più di duecento i poliziotti e i carabinieri mobilitati martedì 20 nel capoluogo emiliano per lo sgombero della palazzina dell’ex-call center Telecom. I circa trecento occupanti, tra i quali molte donne e bambini, si erano macchiati di un delitto troppo grave per essere lasciato impunito: non potendosi permettere di pagare un affitto, e non avendo a disposizione un alloggio pubblico, negli ultimi dieci mesi avevano rimesso in sesto i locali dello stabile, abbandonati da anni, per adibirli ad uso abitativo.

Mentre queste persone venivano buttate letteralmente in mezzo alla strada con la forza, a Roma scattava immediatamente la solidarietà dei movimenti per il diritto all’abitare che davano vita a un sit-in di solidarietà a Porta Pia, bloccando il traffico in maniera pacifica e opponendo resistenza passiva agli agenti in assetto antisommossa. E in un attimo prendeva forma la solita dinamica repressiva che si ripete quasi quotidianamente non solo nella capitale: l’arrivo della camionetta idrante, violenti getti d’acqua contro manifestanti inermi, la carica indiscriminata dei poliziotti che provoca feriti e contusi.

Questi sono fatti gravissimi e rispecchiano l’impotenza di un governo repressivo che con le sue politiche di austerità ha portato i tassi di povertà e disuguaglianza a livelli vertiginosi. L’approccio semplicistico e classista con il quale il complesso fenomeno delle occupazioni abitative viene ridotto a emergenza criminale, grazie anche alla mistificazione del concetto di legalità, rivela una profonda impreparazione sia in termini amministrativi che umani.


Affrontare l’urgenza del problema abitativo nel nostro paese esclusivamente come una questione di ordine pubblico, negandone le conseguenze sociali già imperanti, è l’ennesima negligenza da parte di uno Stato che mette i suoi cittadini, e migliaia di nuclei familiari, in situazioni altamente rischiose nelle quali i diritti fondamentali vengono sistematicamente negati. Evizioni forzate ai danni di cittadini vulnerabili, anziani, malati terminali, famiglie con minori, portatori di handicap. L’indigenza come colpa, il desiderio di dignità come crimine.

Si delinea così un quadro disarmante in cui i principi del riconoscimento dei diritti inviolabili, l’uguaglianza e la solidarietà politica, economica e sociale, vengono violati in spregio alla Costituzione, ormai obsoleta e a quanto pare da riformare anche a costo di sacrificare la democrazia. Perfino l’Istituto Nazionale di Urbanistica ha sancito l’inadeguatezza delle risorse messe a disposizione dal governo nel DL n.47 e ha ribadito che per far fronte all’attuale emergenza, ampliando l’offerta di alloggi sociali in locazione permanente destinati a fasce sociali a basso reddito, servono risorse certe per un adeguato numero di anni.

Ma non sorprende che l’orientamento espresso da Renzi, al contrario, vada nella direzione opposta, quella della cessione generalizzata del patrimonio di edilizia sociale e della dismissione del patrimonio pubblico, confermando peraltro che la politica del governo sia completamente assoggettata alla logica del “privatizzare per salvare il bene pubblico”. Insomma, manganellate e privatizzazioni, criminalizzando l’esistenza di migliaia di nuclei familiari in nome della legalità: oggi la vera sfida è quella di far prevalere la democrazia e i diritti sulla potenza devastatrice del capitale.

porta pia 1

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore