22.5 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
22.5 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
HomemalapoliziaMemorial Cucchi: corri con Stefano!

Memorial Cucchi: corri con Stefano!

Memorial Cucchi, istruzioni per l’uso e video della conferenza stampa. Appuntamento il 31 ottobre al Parco degli Acquedotti di Roma

“In questi lunghi, interminabili anni abbiamo corso, siamo caduti e ci siamo rialzati. Ma continuiamo, continueremo a correre”. Per questo i promotori del Memorial Cucchi danno appuntamento a tutti il 31 ottobre dalle ore 10.00 al Parco degli Acquedotti (ingresso Via Lemonia / angolo Circ.ne Tuscolana) per il I Memorial Stefano Cucchi.

(ecco il video ufficiale che lancia la corsa)

12112003_166966276982107_3101872549728641989_n
Gara podistica competitiva 8 km
Iscrizione in loco e gratuita. Richiesta la consegna di una copia del certificato medico per attività sportiva agonistica.
Gara podistica non competitiva 4 km
A fine gara verrà effettuata la premiazione degli atleti di entrambe le gare da parte delle autorità invitate.
Dice Ilaria Cucchi: “Una maratona per ritornare con noi nei luoghi in cui pochi minuti portarono mio fratello verso il buio… Ma sarà una giornata di luce, una maratona degli affetti” Ilaria Cucchi
Per informazioni: Comitato Promotore Memorial Stefano Cucchi, comitato.stefanocucchi@gmail.com

12049329_169060123439389_6559546600863266743_n

 

 

Correre nei luoghi in cui Stefano Cucchi sei anni fa fu arrestato per morire una settimana dopo nel reparto dell’ospedale Pertini. ‘Corri con Stefanò è il primo memorial in ricordo di quel giovane geometra per la cui morte, dopo una unga battaglia in cui la famiglia non si è mai arresa. Una maratona che si correrà sabato 31 alle 10 al Parco degli Acquedotti. A presentare l’iniziativa, la sorella di Stefano Ilaria Cucchi, l’avvocato della famiglia Fabio Anselmo, il capogruppo di Sel in Campidoglio Gianluca Peciola, ed esponenti di Amnesty International, Acad (Associazione contro gli abusi in divisa) e Antigone. Insieme con i cittadini correranno Ascanio Celestini, Valerio Mastandrea, i Muro del Canto e altri artisti e sportivi. La locandina è stata disegnata da Zero Calcare. L’evento, la cui iscrizione è gratuita, prevede una gara podistica competitiva di 8 km e una non competitiva di 4 km. «Voglio annunciare da ora – ha detto Peciola – che il prossimo anno la maratona si correrà per le strade del centro di Roma. Dobbiamo mantenere alta l’attenzione su come è morto Stefano e sulla qualità della giurisdizione dei diritti civili in Italia. Nel nostro paese manca una legge sulla Tortura, c’è un vuoto politico e normativo che va colmato. Ci sono garanzie deboli per le persone sottoposte a fermo». Ilaria Cucchi, che ha sottolineato «oggi siamo a un punto di svolta», ha detto di voler «guardare al futuro con ottimismo». L’avvocato Anselmo ha ricordato che Stefano «è diventato un simbolo suo malgrado, morendo di dolore e tortura. Il processo è stata una maratona senza traguardo, ma sono certo che verrà fatta giustizia».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati

Referendum cannabis, onda verde a quota 100mila in 24 ore

Una partenza da sballo per il referendum cannabis. C'è tempo solo fino al 30 settembre per raggiungere le 500mila firme necessarie

EZLN in volo verso l’Europa

Partirà lunedì da Città del Messico, La Extemporanea, la delegazione zapatista che incontrerà i movimenti europei [La Jornada]