24.7 C
Rome
mercoledì 10 Agosto 2022
24.7 C
Rome
mercoledì 10 Agosto 2022
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
HomemalapoliziaCop21: la violenza della polizia francese e il fascismo “democratico”

Cop21: la violenza della polizia francese e il fascismo “democratico”

Dopo la testimonianza dell’attivista italiana Stop-Ttip presente a Place de la République, ecco un video da Parigi dove la polizia fa riflettere sullo “stato d’emergenza” imposto dal presidente Hollande

di Giampaolo Martinotti

 


Le immagini parlano da sole. In Francia i cittadini che manifestano per il clima e contro lo “stato d’emergenza” vengono scambiati per terroristi e trattati come pericolosi sovversivi. Le violenze ingiustificabili di domenica 29 da parte della CRS (Compagnies Républicaines de Sécurité) sono un fatto gravissimo che nel 2015 catapultano di fatto un paese membro dell’Unione europea fuori dallo stato di diritto e dentro lo stato di polizia.

Quando François Hollande, “le Président normale de la République”, parla di “sacralità violata” e del ricordo delle vittime “infangato”, mostra inconsapevolmente il degrado intellettuale del quale la politica transalpina è afflitta. I sei deputati che giovedì 19 novembre non hanno votato in favore delle “mesures de restriction des libertés” all’Assemblée nationale rappresentano il livello di considerazione attribuita al popolo dai suoi governanti, mentre la sinistra parlamentare francese vive un periodo di confusione sconcertante. Le misure speciali previste dallo stato d’emergenza, benché applicate in maniera temporanea, appartengono a tutti gli effeti a quel retaggio fascista che oggi rende impalpabile la linea di demarcazione che distingue un sistema democratico da un regime autoritario.

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

In un contesto nel quale i terroristi tentano con violenza di ridurre le libertà democratiche alle quali sono ostili per natura, il governo francese effettua una pericolosa svolta a destra, imponendo proprio la soppressione delle libertà pubbliche, mettendo da parte i diritti umani e paventando una riforma costituzionale che gli garantirebbe maggiori poteri. Se la risposta alle minacce del terrorismo globale passa per la repressione aggressiva del dissenso popolare è plausibile pensare che il processo di erosione della democrazia, in atto già da tempo, sarà molto difficile da contenere.

In questo senso, la guerra ai migranti e le sciagurate operazioni militari in Medio Oriente fanno parte delle logice di globalizzazione dell’odio e del profitto che giorno dopo giorno spingono la società europea verso il baratro del fascismo “democratico”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il lavoro avvelenato dell’Agenda Draghi

Occupazione. La nota Istat sulle tendenze dell’occupazione tratteggia un quadro ben più fosco [Cristina Quintavalla]

Rosa oltre il mito

Rosa Luxemburg, il nostro tempo ha molto da imparare dagli scritti della grande rivoluzionaria assassinata nel 1919 [Romaric Godin]

Perché amare Garcia Marquez e Cent’anni di solitudine

In occasione del cinquantacinquesimo anniversario di Cent'anni di solitudine, il capolavoro di Gabriel Garcia Marquez [Ariel Castillo Mier]

Cina nella trappola della crisi immobiliare

La Cina è incapace di un nuovo modello economico per questo Pechino potrebbe sfruttare la questione Taiwan [Romaric Godin]

Ulivi millenari, un’azione popolare per difenderli

In provincia di Brindisi, i cittadini hanno incardinato una Azione Popolare a difesa degli Ulivi plurisecolari e millenari