10.4 C
Rome
mercoledì 27 Gennaio 2021
10.4 C
Rome
mercoledì 27 Gennaio 2021
Home in fondo a sinistra Podemos: l'emergenza sociale non può attendere ancora

Podemos: l’emergenza sociale non può attendere ancora

 Casa, energia, reddito, salute: Podemos presenterà una legge per l’emergenza sociale il giorno di apertura del Parlamento

Redacción Madrid/Pressenza

Podemos presenterà una legge per l’emergenza sociale il giorno di apertura del Parlamento

“La situazione di migliaia di famiglie in questo paese non può più attendere” spiega Pablo Iglesias in una lettera inviata al resto di gruppi parlamentari. La proposta di legge di prima risposta all’emergenza sociale verrà presentata il 13 gennaio 2016, giorno in cui si costituiranno il Senato e il Congresso dei Deputati.

pressenza

Il 13 gennaio 2016, giorno in cui si costituiranno il Senato e il Congresso dei Deputati, Podemos presenterà la sua prima iniziativa parlamentare: una proposta di legge sull’emergenza sociale, come primo passo per realizzare in pieno l’articolo 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, secondo cui ”ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari”.

In una lettera inviata il 24 dicembre agli altri gruppi parlamentari, il segretario generale di Podemos, Pablo Iglesias, ha spiegato: “Ci mettiamo in contatto con voi per comunicarvi la nostra prima iniziativa, il giorno della costituzione del Parlamento. La situazione di migliaia di famiglie in questo paese non può più attendere e per questo il 13 gennaio 2016 presenteremo una proposta di legge di prima risposta all’emergenza sociale”. La lettera elenca i punti su cui si baserà questo progetto e conclude invitando gli altri gruppi a unirsi all’iniziativa “per fare della Spagna un paese all’altezza della sua gente”.

La proposta si basa su quattro punti fondamentali, che comprendono una serie di misure concrete:

  1. Casa: proibizione degli sfratti esecutivi senza una sistemazione alternativa, pagamento in ristrutturazione del debito con effetto retroattivo, procedimento semplificato di ristrutturazione e cancellazione dei debiti e garanzia abitativa immediata per le vittime della violenza maschilista
  1. Energia: bisogna considerare l’accesso all’energia un servizio pubblico e garantirne una fornitura minima.
  1. Reddito garantito: programma di reddito garantito per tutti i nuclei familiari con entrate al di sotto della soglia di povertà.
  1. Salute e dipendenza: abolizione del ticket sui farmaci e garanzie per le situazioni di dipendenza dai farmaci.

Traduzione dallo spagnolo di Anna Polo

Piquete

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ursula e Confindustria dietro la telenovela dei “responsabili”

Crisi di governo, i responsabili ci sono ma non bastano. La paura di elezioni anticipate paralizza la possibilità di mobilitazioni sociali

La Società della Cura lancia un Recovery Planet

Col Recovery Plan l'Unione europea tenta di riproporre la gabbia liberista. La Società della Cura prova a forzare quella gabbia

Conte sale al Colle con le dimissioni in tasca

La scelta delle dimissioni non ferma la caccia ai 'responsabili’. Anzi, offre a Conte tempi supplementari per l'ipotesi di coalizione Ursula

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»