8.9 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
8.9 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomemalapoliziaAtene nega l'estradizione in Italia dei manifestanti NoExpo

Atene nega l’estradizione in Italia dei manifestanti NoExpo

La Corte di Atene respinge le richieste di estradizione in Italia di quattro manifestanti che furono fermati il primo maggio NoExpo a Milano. Lunedì la decisione per il più giovane di loro

di Ercole Olmi

manifestazione di solidarietà ‪#‎Free5gr‬
manifestazione di solidarietà ‪#‎Free5gr‬

Sembra restare parzialmente a bocca asciutta la procura milanese che si occupa della repressione dei manifestanti NoExpo. Negata l’estradizione per quattro dei cinque attivisti greci inseguiti da un mandato di cattura europeo, nuova frontiera della repressione dei movimenti e del conflitto sociale. La corte ateniese s’è pronunciata in due tempi. Solo stamani s’è saputo che i primi due ragazzi ad essere passati ieri per la corte di appello ateniese non saranno estradati e, contro di loro, sono cadute tutte le restrizioni! Lo stesso per i due ragazzi giudicati oggi.

A differenza di ieri, quando la decisione sull’estradizione è stata presa all’unanimità dal consiglio, oggi è stata messa ai voti.

Nel pomeriggio i compagni degli accusati hanno occupato la facoltà di economia di Atene e la gente presente al presidio solidale sotto la corte d’appello s’è diretta lì  per festeggiare.

Rimane comunque l’ultimo appello, quello relativo al quinto ricercato dalle autorità italiane, che è anche il più giovane del gruppo, e su cui pesano le accuse più gravi. Nuovo appuntamento Lunedì 11 alle 9.30 sotto la corte di appello!!!

“La nostra passione per la libertà è più forte di ogni autorità!”, ribadisce un comunicato di solidarietà con i cinque manifestanti greci inseguiti dalla procura milanese mentre sei mesi dopo scende il sipario della fiera e la contestatissima Expo chiude e lascia dietro di sé un miliardo e mezzo di debiti che dovranno essere pagati attraverso tasse ed imposte comunali gonfiate, costringendo con la “responsabilità collettiva” del debito i cittadini a pagare gli eccessi. Expo, ricordano i movimenti greci: «lascia dietro di sé il territorio saccheggiato, la flessibilizzazione dei rapporti lavorativi, l’istituzione del lavoro volontario, la repressione. Dopo sei mesi, quindi, dal nostro fermo di polizia a Milano e dalla chiusura di Expo, le autorità italiane hanno cominciato una caccia alle streghe costruendo accuse ad hoc e emettono un mandato di arresto per 5 manifestanti italiani e contemporaneamente un mandato di arresto internazionale per noi.”

1 COMMENTO

  1. i greci hanno dimostrato di non aver nessuna fiducia nelle nostre corrottissime FFOO come a suo tempo la Francia non concesse l’estradizione di Battisti e altri accusati di complotto contro lo stato……….no pasaran

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"