30.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
30.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
Homequotidiano movimentoVerona, anche i Pooh contestano le Sentinelle in piedi

Verona, anche i Pooh contestano le Sentinelle in piedi

Dal Circolo Pink, la notizia dell’apparizione, a sorpresa, dei quattro membri dello storico gruppo pop italiano, i Pooh, al presidio veronese contro l’assordante silenzio degli oscurantisti cattolici

20160911_154822_resized

allegati_2016911
Incredibile eccoli apparire al nostro presidio, si proprio loro gli inossidabili Pooh. Red Canzian, RobyFacchinetti, Stefano D’Orazio, Dodi Battaglia con l’aggiunta di Riccardo Fogli si son materializzati al presidio, nelle foto mentre lo attraversano, che sorpresa. Le Sentinelle, poche, accaldate e isolate in un piazza Bra piena di gente, loro molto lontane davanti ai gradini del municipio con i loro soliti libri,  difesi dalle forze dell’ordine.

Una presenza, la nostra, doverosa e di contro-informazione. Chi in questi giorni a Verona ha voluto dirci che il presidio era inutile perchè le Sentinelle sono un fenomeno ormai passato forse dovrebbe farsi qualche domanda? Credete forse che una legge sulle unioni civili possa appagare il bisogno di diritti che le diversità come le nostre rivendicano? Noi del Pink crediamo di NO. L’integralismo cattolico non è morto solo perchè lo si sente meno intorno a noi.
Grazie a tutte e tutti quelle e quelli che oggi nonostante il caldo c’erano.

Anche i sempre verdi, un po’ invecchiati, Pooh hanno voluto far sapere al mondo che ci sono, hanno dato al nostro presidio quel tocco di mondanità che ci mancava.

#NonAbbiamoBisognoDiSentinelle #PiùLelleMenoSentinelle #PinkVerona

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]