5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homequotidiano movimentoCgil, bella piazza. Peccato non fosse un giorno di sciopero

Cgil, bella piazza. Peccato non fosse un giorno di sciopero

Oggi a Roma c’è stata una bella manifestazione della Cgil contro l’arroganza di Renzi e Gentiloni. Un segnale positivo, ma insufficiente e senza una prospettiva per l’indomani

di Eliana Como*

IMG_3736Oggi a Roma c’è stata una bella manifestazione. Un segnale positivo contro l’arroganza di Renzi e Gentiloni e contro un parlamento che ha permesso la riproposizione dei voucher, dopo la sospensione dei referendum.

Un segnale positivo, ma insufficiente e senza una prospettiva per l’indomani.
Tanto più dopo l’attacco di ieri, c’era una sola cosa che la Segretaria della Cgil doveva dire dal palco con assoluta chiarezza: giù le mani dal diritto di sciopero, senza se e senza ma!!!
Invece ha parlato dei disagi dei cittadini, della frammentazione dei sindacati, delle regole da rispettare. E soprattutto non ha dato a quella piazza nessuna concreta prospettiva di lotta per il futuro.

Due anni fa abbiamo interrotto le lotte, prima sul Jobs act, poi sulla Buonascuola. La strada di contrasto contrattuale è stata fallimentare in tutti i ccnl, tanto più negli integrativi aziendali. Alla fine, anche la strategia referendaria si è tristemente arenata.

Senza conflitto sociale non si ferma questa politica padronale, nemmeno con tutte le firme che si sono raccolte in questi anni. Serve subito riprendere le mobilitazioni e unificare le diverse lotte nel paese, a cominciare da quella dei rinnovi del pubblico impiego e della conoscenza, che partono sotto il pessimo segno di una “riforma Madia” che conferma, ed anzi peggiora, il Testo Unico e la legge Brunetta.
Servono scioperi con obiettivi chiari e la necessaria determinazione per perseguirli.

Una bella piazza, quindi, peccato solo, parafrasando la brutta battuta di Renzi, che non fosse venerdì e non fosse sciopero generale.
Questa sarebbe l’unica prospettiva credibile: riprendere il conflitto sociale e, finalmente, costruire lo sciopero generale.

(*CD CGIL, sindacatoaltracosa-OpposizioneCgil)

IMG_3732

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi