32.3 C
Rome
domenica 26 Giugno 2022
32.3 C
Rome
domenica 26 Giugno 2022
Homecronache socialiRicchi sempre più ricchi, e un terzo di noi è a rischio povertà

Ricchi sempre più ricchi, e un terzo di noi è a rischio povertà

Istat: 1 italiano su 3 a rischio povertà o esclusione. I ricchi sempre più ricchi. A rischio oltre diciotto milioni di persone

ROMA – Nel 2016 si stima che il 30% delle persone residenti in Italia sia a rischio di povertà o esclusione sociale, registrando un peggioramento rispetto all’anno precedente quando tale quota era pari al 28,7%. Complessivamente la popolazione a rischio è pari a 18.136.663 individui. Lo rileva l’Istat nel rapporto sulle “Condizioni di vita, reddito e carico fiscale delle famiglie – anno 2016”.Aumentano sia l’incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%), così come quella delle persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (12,8%, da 11,7%).
Il Mezzogiorno resta l’area territoriale più esposta al rischio di povertà o esclusione sociale (46,9%, in lieve crescita dal 46,4% del 2015). Il rischio è minore, sebbene in aumento, nel Nord-ovest (21,0% da 18,5%) e nel Nord-est (17,1% da 15,9%). Nel Centro un quarto della popolazione (25,1%) permane in tale condizione.

Le famiglie con cinque o più componenti si confermano le più esposte al rischio di povertà o esclusione sociale (43,7% come nel 2015), ma è per quelle con uno o due componenti che questo indicatore peggiora (per le prime sale al 34,9% dal 31,6%, per le seconde al 25,2% dal 22,4%).

Il reddito netto medio annuo per famiglia, esclusi gli affitti figurativi, è pari a 29.988 euro, circa 2.500 euro al mese
 (+1,8% in termini nominali e +1,7% in termini di potere d’acquisto rispetto al 2014).

I ricchi sono sempre più ricchi. La crescita del reddito è più intensa per il quinto più ricco della popolazione, trainata dal sensibile incremento della fascia alta dei redditi da lavoro autonomo, in ripresa ciclica dopo diversi anni di flessione pronunciata. Quindi, esclusi gli affitti figurativi, si stima che il rapporto tra il reddito equivalente totale del 20% più ricco e quello del 20% più povero sia aumentato da 5,8 a 6,3.

Metà delle famiglie residenti in Italia percepisce un reddito netto non superiore a 24.522 euro l’anno (circa 2.016 euro al mese: +1,4% rispetto al 2014). Il reddito mediano cresce nel Mezzogiorno in misura quasi doppia rispetto a quella registrata a livello nazionale (+2,8% rispetto al 2014), rimanendo però su un volume molto inferiore (20.557 euro, circa 1.713 mensili). (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Nupes, Mélenchon vuole un gruppo unico, gli alleati no

La Nupes esita sulla sua modalità di organizzazione. Mélenchon propone un gruppo unico in Parlamento ma ... [Mathieu Dejean]

Watergate, mezzo secolo dopo. Una lezione per oggi

L'anniversario del 50 anni dallo scandalo Watergate cade nei giorni dell'inchiesta su Trump L'insabbiamento del Watergate da parte di Ni...

Storico in Colombia, vincono il guerrigliero e la femminista

Il ballottaggio in Colombia premia il candidato della sinistra, Gustavo Petro, leader del Pacto historico

Francia, schiaffo a Macron, boom di Le Pen, Nupes prima opposizione

Francia, la Nupes è l'opposizione più importante. Macron non ha la maggioranza assoluta ma l'estrema destra sfonda

Che fa l’Australia per proteggere il suo concittadino Assange?

Giorni decisivi per la sorte di Julian Assange dopo il via libera all'estradizione negli Usa da parte di Londra. Il ruolo dell'Australia